fbpx
Connect with us

L'Aquila

Chiusura punto nascita atri, mariani rilancia: subito un tavolo tecnico per ridisegnare la sanita’ teramana

Published

on

La coerenza si declina al futuro e nel caso di specie guarda già a domani. In merito alla risoluzione sui punti nascita, presentata ieri in Consiglio Regionale, non v’è tema di smentita sull’attenzione e l’approfondimento che abbiamo dedicato all’argomento. Come ho già avuto modo di dire, le disposizioni ministeriali si abbattono come una scure sul territorio e rendono vana una battaglia, che nei principi ho sempre ritenuto sacrosanta.

Con la riforma imminente del Titolo V e dell’articolo 117 della costituzione, cambiano totalmente anche le disposizioni in materia sanitaria, dal punto di vista della competenza delle regioni. Oggi parliamo di punti nascita e domani dovremo parlare di tagli ai pronto soccorso.

Solo chi non vuole guardare in faccia la realtà, può accusare di incoerenza, nascondendosi dietro l’ombra dei campanili. Occorre dunque, rilanciare, ripensando tutto il sistema assistenziale sanitario della provincia di Teramo e più in generale, di tutto l’Abruzzo. Non possiamo più permetterci una mini ospedalizzazione diffusa, che peraltro si è dimostrata fallimentare a fronte della scarsità di servizi erogati e delle ingenti somme di mobilità passiva prodotte. In questi termini, ieri ho lanciato un guanto di sfida alle opposizioni in Consiglio: siamo in grado di pensare ad un destino diverso, dal baratro in cui sta lentamente sprofondando, per la sanità teramana?

Siamo in grado di pensare ad un nuovo ospedale centrale dove ubicare le eccellenze di secondo livello e ridisegnare nei presidi periferici un nuovo destino necessario e complementare? Per mia natura, alle parole faccio seguire la concretezza dei fatti ed ho già contattato gli interlocutori per convocare un tavolo tecnico in cui discutere la possibilità di realizzare un nuovo e funzionale assetto sanitario per la nostra provincia. Il San Liberatore, come Sant’Omero e Giulianova devono essere salvati, sono assolutamente d’accordo, ma la loro salvezza non passa di certo dal mantenimento ostinato di singoli reparti, quanto piuttosto dalla specializzazione funzionale di cui abbiamo bisogno per i nostri cittadini, che troppo spesso ho visto armarsi di bagagli, alla volta di un’altra sanità.

 

 

Abruzzo

Maltempo, arrivato il freddo in Abruzzo: piogge e neve oltre i 2000m

Published

on

escursioniste bloccate sul Gran Sasso salvate dal soccorso alpino

PESCARA – Minime sotto lo zero la notte scorsa sulle montagne abruzzesi innevate, con un risveglio all’insegna del cielo sereno pressoché su tutta la regione.

Come riporta l’Ansa, al Rifugio Franchetti alle 04:03 la stazione della rete dell’Associazione meteo ‘Caput frigoris’, che si trova a 2433 metri di quota sul versante teramano del Gran Sasso, ha registrato la temperatura di -8.0 gradi; -5.9° C la temperatura minima registrata in località la Majelletta – Blockhaus (2003 metri), nel comune d Pretoro (Chieti), -5.7° a Rocca di Mezzo (L’Aquila), -5.3° a Campo Felice (L’Aquila) e sempre -5.3° al Rifugio ‘Capanna di Sevice, a 2119 metri sul massiccio del Monte Velino; il Rifugio è proprietà del Comune di Magliano de’ Marsi (L’Aquila) ed è il quinto più alto di tutto l’Appennino.

Secondo le previsioni di Thomas Di Fiore dell’Associazione meteo ‘Caput frigoris’ ( https://www.caputfrigoris.it/ ): una circolazione depressionaria, posizionata con il suo minimo sulla nostra penisola, apporterà un deciso guasto delle condizioni meteo soprattutto sulle regioni centrali e quindi sull’Abruzzo. Neve oltre i 2000 metri circa. Venti da sud ovest moderati con rinforzi e temperature in aumento appunto per le correnti meridionali.

Continue Reading

Abruzzo

Scontro nell’Aquilano: muore una 42enne, ferita l’altra conducente

Published

on

L’AQUILA – Incidente questa mattina lungo la strada statale “Picente” che da L’Aquila conduce a Pizzoli (L’Aquila). Nello scontro, avvenuto intorno alle 8.30, fra una Mini Cooper e una Fiat 600 è morta la conducente di quest’ultima, una donna di 42 anni di Atri (Teramo).

Come riporta l’Ansa, al volante della Mini una 43enne della provincia dell’Aquila, trasportata all’ospedale ‘San Salvatore’ in gravi condizioni. Immediato l’intervento del personale del 118 anche con l’elisoccorso. Sul posto anche Vigili del fuoco, polizia e carabinieri per i rilievi del caso. La strada è stata temporaneamente interdetta al traffico. Lo scontro è avvenuto nei pressi di un distributore di carburanti, una zona spesso teatro di tragedie stradali e ritenuta molto pericolosa da chi la percorre abitualmente.

Continue Reading

Abruzzo

Agricoltura, Regione: “Nessun caso di mandragola in Abruzzo”

Published

on

mandragora-nell'insalata-allucinazioni-disturbi-gastrointestinali-proveninva-da-Abruzzo

Nelle scorse settimane sugli organi di stampa regionali e nazionali è apparsa la notizia di intossicazioni alimentari accadute in Campania, per la presunta presenza della pianta infestante denominata “mandragola” in alcune partite di spinaci.  

“Sulle partite controllate dai NAS provenienti dall’area di Fucino, sono state disposte delle analisi dal Dipartimento di Prevenzione – Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione della ASL 1 di Avezzano-Sulmona-L’Aquila, effettuate dall’Istituto Zooprofilattico Sperimentale, che hanno dato esito negativo circa la presenza degli alcaloidi della mandragola” – lo rende noto il vicepresidente della Giunta Regionale con delega all’Agricoltura Emanuele Imprudente.

“Questo è un risultato importante per le coltivazioni orticole del Fucino, l’ “Orto d’Italia”, che rappresentano una eccellenza nel panorama agricolo nazionale e che la Regione intende tutelare a tutti i livelli – prosegue Imprudente -. Peraltro, l’elevata professionalità raggiunta dagli imprenditori agricoli fucensi garantiscono l’ottenimento di produzioni sostenibili dal punto di vista ambientale e con elevati standard qualitativi ed igienico-sanitari”.

Il Dipartimento Agricoltura della Regione Abruzzo, per il principio di precauzione, finanzierà comunque un progetto per il monitoraggio della presenza della pianta infestante in tutto il territorio regionale di coltivazione dello spinacio, con il coinvolgimento di istituzioni scientifiche (Università, Istituto Zooprofilattico Sperimentale, ecc.). 

Continue Reading

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore vicario: Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Alba Adriatica (TE) via Vibrata snc, 64011 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.