fbpx
Connect with us

Focus

Lotta di una donna contro la MCS, malattia del silenzio e dell’invisibilità. Julieta, di Martinsicuro, racconta la sua storia.

Martinsicuro: da circa un anno, Julietta è malata di MCS che noi vogliamo definire come la malattia del silenzio e dell’invisibilità. “Con la MCS si perde tutto, specialmente il contatto con l’Altro, che per un essere umano è fondamentale e cosa peggiore non si guarisce”

Maria Giulia Mecozzi

Published

il

Sensibilità Chimica Multipla. E’ questo il nome della malattia rara che da circa un anno costringe a vivere una non-vita, la nostra concittadina Julieta Reyes Benevides. Noi de Il Martino abbiamo avuto la fortuna e l’onore di conoscerla per poter constatare da vicino il suo disagio, molto spesso invisibile all’occhio umano. “E’ triste – ci dice – constatare che anche persone competenti, come dovrebbe essere un personale medico, visitando i pazienti affetti da MCS rimangono increduli di fronte a questa malattia e dando diagnosi affrettate la cestinano definendola come semplice sintomo psicosomatico”.

In breve, questa malattia che vogliamo definire come ‘invisibile e silenziosa’, colpisce il sistema nervoso centrale, causando problemi all’apparato respiratorio, gastrointestinale e cardiaco. La causa principale  è l’accumulo di tossine, il che provoca reazioni fisiologiche a diverse sostanze chimiche che possiamo trovare in deodoranti, profumi personali e ambientali, saponi o prodotti per le pulizie ma anche nel cibo e prodotti agricoli. Purtroppo essa diventa una condizione cronica e non esistono cure di ritorno allo stadio di tolleranza degli agenti chimici.

Nel nostro caso specifico, Julieta si è ammalata di MCS dopo 5 anni di terapia ormonale fatta per curare un tumore al seno. In Lei la MCS si è sviluppata come malattia residuale indotta da un particolare farmaco, usato durante la cura del tumore, avendo geneticamente due cromosomi “incompleti” che non le consentono di metabolizzare bene alcuni farmaci contenenti determinate sostanze chimiche. “I primi sintomi li percepii circa un anno fa – dice. Dopo varie visite specialistiche e dopo i risultati  negativi delle prove allergiche, la diagnosi dei medici che avevo consultato, fu che soffrivo di problemi psicosomatici”. Ma Julieta, dentro di se, sapeva che non era così. Doveva andare più a fondo e capire la vera causa del suo malessere. Navigando su internet, arrivò alla scoperta di questa malattia e dell’unico medico che in Italia la studia e la cura, nonostante i continui ostacoli a cui lo mette di fronte il sistema sanitario: il Prof. Giuseppe Genovesi all’Ospedale Umberto I di Roma.

Infatti, la MCS è riconosciuta dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, come patologia ambientale in tutti i paesi industrializzati ma non in Italia. Dice Julieta: “Nulla è stato fatto per portare le cure e i protocolli delle MCS in Italia, pur di non riconoscere questa malattia come ambientale e di conseguenza, non disturbare gli interessi delle industrie e case farmaceutiche che ancora continuano a guadagnarci nel continuare a farla passare come patologia psicosomatica”. La cosa più triste è che ci sono due disegni di legge in favore della MCS fermi da anni in Parlamento e si continua ad ignorarli.

Julieta da tre mesi ha cominciato il suo trattamento di disintossicazione prescrittole dal Dottor Genovesi, a base di Vitamine e Glutathione ma ci informa che “i risultati migliori si ottengono facendo la desensibilizzazione che purtroppo viene praticata solo a Londra o a Dallas, in Texas. Le spese ovviamente, dato che non è una malattia riconosciuta, sono tutte a carico del paziente e sono molto costose”.  Comunque, nonostante le cure questa malattia non ha cure di ritorno ad uno stadio di tolleranza degli agenti chimici. Si può solo favorire una stabilizzazione o un recupero parziale “sempre stando attenti a restare lontano dalla chimica”.

Da ciò risulta chiaro che una malattia come la MCS, la quale implica un’invalidità totale, cambia radicalmente non solo la vita di chi ne è affetto ma anche di chi gli sta intorno. Infatti, Julieta ci conferma che: “ad oggi la malattia mi obbliga a stare lontano dalle persone e dagli ambienti pubblici siano essi aperti o chiusi, visto che la maggior parte fa utilizzo di profumi personali e ambientali”. E continua: “Ciò che mi concedo è solo qualche passeggiata al mare dove posso respirare tranquillamente anche se a volte succede, soprattutto in estate, che vi siano persone che indossando del profumo o abiti lavati con ammorbidenti e rischiano di provocarmi tosse, affanno, tremori, tachicardia e confusione mentale. Proprio per evitare ciò, porto sempre con me una maschera con una placchetta in carbonio che mi consente di poter far fronte a queste situazioni di emergenza impreviste”.

Da quando è malata, Julieta, che prima, quasi per uno stupido scherzo del destino, lavorava in un negozio di fiori e per cui l’olfatto e il tatto erano gli strumenti principali del suo mestiere, ora non può più. Questa emarginazione forzata la porta sempre di più verso un isolamento sociale  al quale sembra non esserci rimedio. “Per stare vicino ad un malato di MCS – dice – bisogna stare molto attenti ai prodotti chimici che si utilizzano sia su di sé sia sui capi che si indossano; perciò alla fine le persone si allontanano automaticamente da te”. Poi Julieta pronuncia una frase che ci lascia di sasso, immobili, increduli e che ci fa capire e percepire tutto il dolore e la frustrazione che serba nell’animo: “Detto francamente, è stato meglio aver avuto un tumore. Almeno da esso sono potuta guarire e ciò non mi ha portato ad isolarmi, anzi. E’ proprio il calore e il coraggio che le persone ti infondono ad accellerare il cammino verso una possibile guarigione. Mentre con la MCS si perde tutto, specialmente il contatto con l’Altro, che per un essere umano è fondamentale e cosa peggiore non si guarisce”.

Sempre per mancanze relative al nostro sistema sanitario, per un malato di MCS risulta complesso, in caso di emergenza, anche rivolgersi ad un pronto soccorso, in quanto sono ambienti non bonificati e che mancano di un personale medico ben informato sulla patologia e per cui “io potrei domani avere un attacco di appendicite e dunque aver bisogno di un anestetico, il che per me risulterebbe mortale”. Proprio per questo Julieta ha imparato a vivere la vita giorno per giorno, assaporando e gustando ogni attimo come se fosse l’ultimo. Ripete spesso questa frase, quasi fosse il suo motto :“Ogni giorno che vivo è un giorno guadagnato. Voglio gustarmelo fino in fondo”.

Naturalmente, ogni lettore ora starà leggendo questa intervista quel leggero distacco che dietro di se porta la scia di un “meno male che a me non è successo e non accadrà mai”. Eppure non è così. Gli studiosi affermano infatti che questa patologia sta crescendo in maniera esponenziale nella nostra società, costretta a vivere in un ambiente sempre più inquinato.  Sigarette, smog e fumi sottili che sfuggono alla nostra percezione come quelli rilasciati da oggetti verniciati, giornali, riviste, computer e telefonini. Per non parlare di lacche per capelli, gel, deodoranti, profumi, detersivi. Tutto questo afferma Julieta “è un attentato invisibile alla salute umana”.

Con non poca soddisfazione però teniamo a dire che l’Abruzzo è l’unica Regione, assieme alle Marche e il Lazio, ad aver inserito la MCS nell’elenco delle malattie rare garantendone così l’esenzione dalla partecipazione al costo per le correlate prestazioni di assistenza sanitaria. Purtroppo però, come detto precedentemente, finché non si adeguerà il sistema sanitario nazionale, che provvederà a stanziare i fondi necessari, quello regionale potrà fare ben poco.

Speriamo che la stria e lo sfogo di Julieta, tramite la nostra testata giornalistica Il Martino, possa essere un primo grido di allarme che faccia uscire definitivamente la MCS, malattia del silenzio e dell’invisibilità, da quelle quattro mura di una casa tra cui si protegge facendone per essa una reggia ma che, per chi ne è affetto, si trasformano in una vera e propria prigio

Economia e Territorio

L’Europa al tempo del coronavirus: intervista all’economista Alessandro Cascavilla

Pio Di Leonardo

Published

il

Alessandro Cascavilla, classe 1995, è uno degli economisti più popolari del momento: laureato col massimo dei voti all’Università Politecnica delle Marche, è il fondatore della popolare pagina “Economia del Suicidio” che conta oltre 110mila followers e di “Ale.conomista”, diventando così un vero e proprio “influencer dell’Economia”.

In questo periodo particolarmente difficile, Alessandro utilizza i social networks per tenere informati costantemente, soprattutto i più giovani, su quanto sta accadendo in Italia, in Europa e nel mondo e, oggi, ci ha gentilmente concesso un’intervista per offrire il suo punto di vista anche ai nostri lettori.

Ciao Alessandro, grazie per averci concesso questa intervista. Parlaci un po’ di te, del tuo percorso di studi e del tuo lavoro.

Sono un giovane economista, ho 24 anni e ho scoperto la mia passione per l’Economia alle scuole superiori, da quando ho iniziato a studiare la Crisi del ’29 in Scienze delle Finanze, le azioni e le obbligazioni in Economia Aziendale. Ho frequentato la ragioneria, diplomandomi col massimo dei voti perché mi piaceva quello che studiavo: questo mi ha portato a capire che avrei dovuto continuare con una carriera universitaria in Economia e così mi sono iscritto alla facoltà di Economia e Commercio all’Univpm di Ancona. Mi sono laureato anche qui col massimo dei voti, non è stato facile ma mi ha arricchito molto, mi ha dato delle buone basi e allora ho deciso di continuare con un corso Magistrale, sempre ad Ancona, ma in inglese: International Economics and Commerce. Mi sono laureato lo scorso ottobre con 110 e Lode e, essendo un corso in inglese, mi ha dato la possibilità di viaggiare: ho fatto uno stage in Argentina, uno in Olanda. Ho poi conseguito il doppio titolo, il Master in Economia in Spagna all’Universitat Jaume I.

Appena finita l’Università, ho deciso di lasciarmi prendere ancora di più dalla passione per l’Economia e ho quindi iniziato un percorso triennale di Dottorato all’Università di Bari, e a febbraio ho iniziato a lavorare all’Osservatorio Conti Pubblici Italiani diretto da Carlo Cottarelli, in cui mi occupo di capire quello che accade nel mondo.

Come sono nate “Economia del Suicidio” e “Ale.conomista” e com’è diventare una star dei social grazie all’Economia?

“Economia del Suicidio” è nata al mio secondo anno di triennale, stavo studiando per l’esame di Macroeconomia e sentivo il bisogno di dover condividere quello che apprendevo, ma in maniera abbastanza simpatica. Nel mio piccolo scherzavo sull’economia con i miei amici di università, ero un “nerd dell’Economia” e vedendo che già esisteva su Facebook una pagina chiamata “Ingegneria del Suicidio”, ho deciso allora di aprire “Economia del Suicidio”. Da lì in poi ha avuto una grande crescita, il team si è allargato e, dopo un anno dalla nascita, è entrato il mio socio Daniele Vezza, con cui quotidianamente portiamo avanti la pagina insieme a un team di collaboratori. Mi ha accompagnato per tutta la mia carriera universitaria. Il fatto di fare contenuti ironici e parlare di economia in modo diverso rispetto agli altri è stato molto apprezzato dai social.

Per quanto riguarda invece “Ale.conomista”, è la pagina che avrei sempre voluto aprire. Adesso che mi sento un po’ più preparato, che non sono più affetto dalla “Sindrome dell’impostore”, cioè il fatto di pensare di non saperne mai abbastanza, ho aperto la nuova pagina. L’ho fatto verso la fine mio percorso, a luglio, mentre ero in viaggio per fare l’ultimo esame in Spagna. Mi sono detto “Provo a buttare fuori tutto quello che ho imparato!”. Ora la pagina conta quasi 30mila followers, è un altro lato di me che non potevo utilizzare con “Economia del Suicidio”.

In questi giorni non si fa altro che parlare del Mes, aiutaci a capire meglio di cosa si tratta.

Il Mes è un organismo indipendente, non rientra cioè nel panorama istituzionale dell’UE, che può “salvare” gli Stati della zona euro. È composto dai 19 Paesi che hanno adottato la moneta unica, ed è stato pensato nel 2012 con il famoso “Whatever it takes” di Mario Draghi per dire che, in caso di un forte attacco speculativo, sarebbero stati gli altri 18 Stati dell’euro a garantire il Paese in difficoltà. Tramite il Mes si può poi accedere alla monetizzazione del debito tramite le OMT della BCE. Il Mes nasce con questa natura, adesso se ne parla tanto e, soprattutto in Italia, c’è un’irrazionale isteria. Non è altro che un fondo che, quando un Paese membro vi chiede l’accesso, valuta la sua condizione macroeconomica, se rispetta le cosiddette “condizionalità in entrata” e, in base a ciò, la Commissione Europea e la BCE, e se necessario il Fondo Monetario Internazionale, valutano quale strumento utilizzare.

Ci sono, ad esempio, i prestiti, che sono quelli più duri e richiedono, da trattato, un aggiustamento macroeconomico. Ci sono poi le linee di credito, che sono quelle di cui si discute tanto: degli strumenti più alla mano che non richiedono alcun aggiustamento ma determinate condizionalità, vengono cioè dati dei soldi solo se si rispettano determinate condizioni, che vanno definite anticipatamente nel protocollo d’intesa, il Memorandum of understanding.

Non è affatto vero che il Mes porta alla ristrutturazione del debito. Finché non si firma il Memorandum, un contratto che va negoziato direttamente dal Paese, nella persona del Ministro dell’Economia, ciò non può accadere. Se il Mes dovesse chiedere di ristrutturare il debito oppure di perdere sovranità fiscale, si potrebbe decidere di non ricorrere più a questo strumento.

Cosa sono le OMT (Outright Monetary Transactions), da molti definite l’asso nella manica della BCE?

Le OMT sono degli acquisti della BCE a titolo definitivo. Nascono anche loro nel 2012, sempre dopo il “Whatever it takes” di Mario Draghi. Le OMT non sono mai state utilizzate finora, ma è bastato dirlo per far stabilizzare i mercati. La BCE, in teoria, non può sottoscrivere titoli sul mercato primario ma può comprarli sul mercato secondario, come sta facendo grazie al Quantitative Easing ormai da otto anni. Quando un Paese perde l’accesso al credito perché i mercati lo reputano troppo rischioso, e non gli prestano più denaro, il Paese può quindi accedere al Mes e per dare tranquillità ai mercati, può accedere ai fondi illimitati della BCE. La condizione necessaria affinché si possano attivare le OMT è l’accesso a una linea di credito del Mes. Le OMT esistono se coesiste il Mes: il Paese che vuole l’acquisto diretto dei titoli di stato dalla BCE deve richiedere l’accesso al Mes, essere approvato, firmare il Memorandum of understanding e chiarire che c’è bisogno anche delle OMT della BCE.

Cosa pensi delle posizioni dei politici italiani sul Mes?

Secondo me c’è una grandissima confusione e tantissima irresponsabilità politica. In un periodo del genere, tutti i partiti politici dovrebbero smetterla di pensare alla frase che dà più ritorno elettorale, perché adesso è a rischio la stabilità economica e finanziaria del Paese. Chi specula politicamente sull’attivazione del Mes sta creando un danno sociale che fa male a tutti. Penso che ci debba essere un atto di responsabilità nel valutare economicamente tutte le possibili alternative che ci sono. Se il Mes può darci fondi fino al 2% del Pil e senza condizionalità, a condizione che si facciano interventi tempestivi e mirati nel settore sanitario e se questo può essere fatto tramite una linea di credito valutata come titolo AAA, col tasso di interesse più basso che esiste sul mercato, sarebbe economicamente un fallimento non accettare. Penso che, politicamente, alcuni stiano strumentalizzando tutto ciò. Personalmente, mi dispiace perché vedo che ci sono molte persone che non hanno studiato Economia e sui social sono vittime di tale propaganda.

Secondo te l’Italia dovrebbe ricorrere al Mes?

Come risponderebbe un economista, dipende. Ciò che è uscito dall’Eurogruppo è un accordo nel quale non c’è scritto assolutamente niente e che lascia troppo spazio alle interpretazioni. Se ci affidiamo alle dichiarazioni fatte da alcuni capi di Stato alla fine dell’Eurogruppo, se effettivamente il Mes dà l’accesso alla linea di credito ECCL rafforzata, fino al 2% del Pil, senza condizionalità e al tasso più basso che esiste, a quel punto sarebbe da pazzi non farlo. Sono dell’idea che finché non vengono stabiliti i Memorandum e gli accordi finanziari che stabiliscono le cause del prestito, è difficile dire sì o no al Mes. Finora è tutta propaganda strumentale. Credo sia irresponsabile dire sì o no al Mes in termini assoluti, va tutto ponderato in base a quello che accade.

Come ho spiegato in un articolo scritto due settimane fa con Giampaolo Galli, poi ripreso anche da TgCom24 e da Forbes, un Memorandum of understanding con il Mes dovrebbe principalmente prevedere che le risorse stanziate per far fronte all’emergenza sia siano spese bene. L’obiettivo dovrebbe essere quello di garantire che gli interventi a sostegno dell’economia siano tempestivi, mirati e siano temporanei, cioè non comportino aggravi permanenti dei conti pubblici. Un piano di rientro dal debito dovrebbe essere attivato solo dopo la fine dell’emergenza e, date le profonde ferite sociali prevedibili a seguito della recessione da pandemia, non potrebbero che prevedere un aggiustamento graduale.

Non voglio dire che bisogna richiedere solo accesso al Mes per risolvere tutti i problemi, ma se ci mettessero davanti 35 miliardi con tasso d’interesse bassissimo sarebbe da stupidi farlo emettendo titoli del debito ad un tasso d’interesse praticamente doppio.

E qual è, invece, il tuo pensiero sugli Eurobond? Spiegaci cosa sono, innanzitutto, e quali sono le differenze con il Mes?

Gli Eurobond sono dei titoli che vengono emessi dall’UE, per i quali garantiscono tutti i Paesi. Non è, però, una mutualizzazione dei debiti, questo perché i Paesi che non hanno problemi di natura economica si sono opposti a tale tipo di procedura, che li avrebbe costretti a “regalare” dei soldi a dei Paesi poco attenti sui conti pubblici. Adesso, invece, si tratta di mettere insieme in un Fondo dell’UE, garantito da tutti gli Stati: l’Unione Europea potrà indebitarsi, fino a un determinato limite, e prestare soldi ai vari Paesi. Sono un’alternativa al Mes e non richiedono le condizioni di eccezionalità. Gli Eurobond sono una possibilità per l’Europa di iniziare un percorso comune dal lato fiscale. Un’UE forte istituzionalmente non può avere una sola moneta e una politica fiscale indipendente in tutti i Paesi. Alcuni sovranisti si lamentano del fatto che la Germania paghi un tasso d’interesse pari a 0, mentre noi all’1,5%: questo perché non abbiamo una politica fiscale comune. Questa possibilità che c’è ora, di essere colpiti tutti da uno stesso shock, ci deve portare a fare uno step in avanti dal punto di vista dell’integrazione fiscale europea.

Secondo me gli Eurobond andrebbero fatti, ora bisogna capire come farli e in che quantità, come verranno ripresi i soldi. In questo caso non ci sarebbero condizionalità esplicite come quelle del Mes ma nessuno presterebbe dei soldi per essere spesi in cose che non hanno senso. Io sono comunque molto favorevole, penso che sia una, se non l’unica, possibilità di fare un passo tutti insieme verso una maggiore integrazione.

Quindi, per l’Italia, meglio il Mes o gli Eurobond?

Io non li vedrei come due cose alternative, ma complementari. Gli Eurobond non esistono ancora, c’è bisogno di creare un’istituzione che li emetta, che decida le regole secondo cui devono essere divisi questi soldi. Per fare gli Eurobond ci vuole tempo. Il Mes già esiste. Nel comunicato dell’Eurogruppo si dice che le linee di credito light sono disponibili in due settimane, quindi per uscire dal lockdown il 3 maggio, avere 35 miliardi da subito sarebbe una grande opportunità. Perciò, credo che le cose vadano di pari passo, una cosa non esclude l’altra. Credo che bisognerebbe utilizzare tutti gli strumenti disponibili in questo momento. Avere liquidità immediata subito per interventi tempestivi, non vedo perché debba togliere il fatto di dover fare Eurobond. Gli Eurobond sono pensati per la ricostruzione dell’Europa, non per combattere il coronavirus: sarebbero come un “Piano Marshall 2” fatto dall’Europa.

Secondo te l’Europa è stata solidale con l’Italia in questa emergenza dovuta all’epidemia da coronavirus?

Dal punto di vista della solidarietà ho un po’ di dubbi: il fatto che alcune decisioni vengano prese necessariamente all’unanimità ci fa vedere che basta uno Stato, anche piccolo, a bloccare un percorso comune voluto dagli altri. Il fatto di dover perdere tempo perché non si trova un accordo tra i vari Paesi, dato che l’Italia è stata la prima nazione colpita e aveva bisogno di interventi più tempestivi, non mi permette di dire che l’Europa abbia fatto il suo dovere. Manca il senso di solidarietà, ma mi sembra che ci stiamo allenando in proposito. Mi auguro che questa nuova crisi rappresenti un’opportunità per dopo, perché potremo avere una struttura istituzionale che potrà emettere Bond e, all’eventuale prossima crisi, saremo più pronti perché daremo per scontato il fatto che l’UE possa non dipendere da uno Stato che blocca tutte le decisioni. Dal punto di vista dell’acquisto dei Titoli di Stato, l’UE è stata solidale con l’Italia perché ne sta comprando molti più a noi rispetto agli altri Paesi, ma dal punto di vista politico, non è stata il massimo.

Cosa rispondi a chi, come soluzione, vorrebbe che l’Italia abbandonasse l’Unione Europea oppure a chi vorrebbe si tornasse alla Lira?

Questa è un argomento su cui mi batto spesso, sono soluzioni semplici a problemi complessi. Uscire dall’Europa significa tornare al 1957, prima del Trattato di Roma, e sarebbe una cosa folle perché abbiamo come principali partner commerciali la Germania e la Francia. Il motivo per cui molti vorrebbero abbandonare l’UE è stampare moneta, quindi abbandonare l’euro. Ma tornare alla Lira, una moneta svalutata e super inflazionata già allora, soprattutto in un momento di crisi, farebbe collassare le banche che avrebbero problemi a concedere prestiti. Il fatto di stampare illimitatamente moneta fa capire che si sta già svalutando tale moneta: qualcosa più esiste e meno valore ha. Già in tempi normali sarebbe impossibile per l’Italia, figuriamoci in tempi di crisi.

Ti sei più volte scagliato contro chi parla e scrive di Economia, pur non avendo gli strumenti e le conoscenze adeguate per poterlo fare. Cosa vorresti dire loro?

Non è sbagliato informarsi, anzi è da irresponsabili non farlo, ma prima di parlare di qualcosa e di provare a dare soluzioni bisogna sapere quello di cui si sta parlando. Il mio consiglio è quello di informarsi e capire, ma poi non si dovrebbe creare caos, soprattutto sui social. Ognuno si sente in diritto di poter dire la sua, alla pari degli altri, su una cosa su cui non si è assolutamente competenti. Alcuni influencer non dovrebbero condizionare i loro milioni di followers dicendo stupidaggini sull’Economia. Perché deve dire di sì o di no al Mes chi non sa nemmeno cosa sia? Il problema è che si popolarizzano materie che, per definizione, non sono popolarizzabili. Non dobbiamo sentirci in diritto di poter dire la nostra su qualcosa su cui non siamo competenti, non si può pretendere di poter fare analisi economiche senza aver studiato anni e avere adeguati titoli di studio. L’Articolo 21 della Costituzione ci dà la libertà di espressione, questo non significa che dobbiamo dire necessariamente la nostra su ogni cosa.

Grazie ancora per averci concesso questa intervista Alessandro, buon lavoro e in bocca al lupo per il futuro.

Continua a leggere

Focus

Situazione in Lombardia del Coronavirus

Marco Capriotti

Published

il

“Oggi 4.670 positivi, 627 morti e 689 guariti”, questo è in sintesi il resoconto odierno della Protezione Civile.

Oggi esaminiamo la realtà anche in Lombardia con i dati odierni.

Bollettino odierno:

Ieri/oggi

Contagi 19884/22264. + 2380

Ricoveri non TI 7387/7735 + 348

Ricoverati TI 1006/1050 +44

Decessi 2168/2549 +381

I casi per provincia /ieri/oggi:

BG 4645/5154. + 509

BS 4247/4648 + 401

CO 338/380. + 42

CR 2286/2392. +106

LC 530/676 +146

LO 1528/1597 +69

MB 495/816 +321

MI 3278/3804 + 526

MN 636/723 + 87

PV 1011/1105. + 94

SO 155/163 + 8

VA 310/338 + 28

468 in corso di verifica

Continua a leggere

Focus

El coronavirus en Italia: lo que hay que hacer

Published

il

– Quédate en casa tanto tiempo como puedas (siempre);

– si no puedes quedarte en casa y no ir al trabajo, intenta reducir el contacto con otras personas: por ejemplo, evita estar cerca de los demás en el autobús, y mantén una distancia de al menos un metro de tus colegas;

– evitar los lugares concurridos, como los bares;

– mantener al menos un metro de distancia de otras personas;

– evitar los abrazos, besos y apretones de manos para saludar a la gente;

– evitar compartir comida y bebida con otras personas: usa tu propio plato y vaso;

– en la medida de lo posible, mantener a los niños en casa, y evitar que se junten con sus compañeros de clase;

– lavarse las manos a menudo durante al menos 20-30 segundos, frotando bien con agua y jabón, especialmente antes de comer y cuando estés fuera de casa;

– si no hay agua corriente disponible, lavarse las manos con un desinfectante a base de alcohol (el alcohol también se puede usar para la limpieza de la casa, y lo puedes llevar contigo en una botella de plástico);

– toser y estornudar en la cavidad del codo y no en la mano;

– intentar, en lo posible, no tocarse la cara (boca, nariz y ojos en particular) con las manos;

– evitar en la medida de lo posible tocar las superficies en lugares públicos (trenes y autobuses, por ejemplo);

– limpiar las superficies de la casa a menudo;

– puedes salir de compras y comprar las cosas que necesitas, pero hay que mantener la distancia a otras personas y evitar tocar muchas superficies;

– solo usar mascarilla si crees que estás enfermo o si estás cuidando a gente enferma.

( da IL POST)

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Responsabile: Noris Cretone