fbpx
Connect with us

Pescara

Si incendia un materasso. Anziana 69enne rischia la vita

Pescara: l’incendio è stato provocato da una sigaretta lasciata accesa dalla donna nel posacenere della camera da letto

Published

on

E’ finito tutto bene per la una 69enne che nel tardo pomeriggio di ieri ha rischiato di morire per un incendio scoppiato nel suo appartamento al quarto piano di via Umbria a Pescara. Dalle prime ricostruzioni pare che la donna abbia lasciato accesa una sigaretta in camera da letto e poi si sia spostata in un’altra stanza. Ad un certo punto il materasso ha preso fuoco e per quando la donna si è accorta di cosa stava accadendo, la situazione era ormai drammatica. A nulla sono serviti suoi tentativi di domare con dell’acqua le fiamme. Qualcuno al di fuori ha notato del fumo che usciva dalla finestra ed è subito scattato l’allarme. All’arrivo, i Vigili del fuoco, hanno trovato la donna priva di sensi distesa sul pavimento. L’anziana, soccorsa dal personale del 118, è stata trasportata in ospedale per un controllo. Fortunatamente l’incendio non ha provocato danni alla struttura.

Pescara

Ragazza picchiata in palestra, l’aggressore ha minacciato i presenti: «se mi denunciate vi ammazzo»

Published

on

ragazza aggredita in palestra a Pescara

Non è stata la ragazza picchiata in palestra a denunciare il suo aggressore, il quale aveva anche rivolto minacce ai presenti, promettendo ritorsioni se avessero osato denunciarlo. Le indagini sono partite in seguito alla segnalazione dell’ospedale. I carabinieri hanno così potuto effettuare la perquisizione in seguito alla quale è stato arrestato per droga e armi.

«Se mi denunciate vi ammazzo». Un messaggio conciso e abbastanza chiaro inviato su Facebook da Edmond Xhafa, l’uomo arrestato per aver picchiato selvaggiamente una ragazza in una palestra a Pescara, ad uno dei testimoni che hanno assistito all’aggressione. Minacce che avrebbero sortito il loro effetto, dal momento che nemmeno la ragazza aggredita in palestra ha sporto denuncia contro il suo aggressore. Le indagini dei carabinieri sono partite d’ufficio, in seguito alla segnalazione del pronto soccorso al quale la giovane si è rivolta per farsi visitare e curare.

In questo modo i militi hanno potuto mettersi sulle tracce dell’aggressore e decidere di effettuare una perquisizione nella casa del sospetto. Qui hanno trovato cocaina, anabolizzanti e perfino una pistola, sparita anni fa a Francavilla. Xhafa dunque è stato arrestato e condotto in carcere, dove, in seguito agli approfondimenti dell’indagine sull’aggressione alla ragazza in palestra, gli hanno poi notificato una seconda ordinanza di custodia cautelare.

Ma forse, non solo la paura ha condotto chi ha assistito alla scena alla reticenza. Il cinquantenne è molto conosciuto in città, ha prestato servizio di sicurezza in numerosi locali ed è una sorta di leggenda delle palestre cittadine. Forse qualcuno ha tentato, più o meno spontaneamente, di coprirlo.

Gli ultimi dubbi relativi alla vicenda, riguardano il rapporto tra i due. Secondo alcune testimonianze, tra loro ci sarebbe stata una relazione sentimentale, da cui è scaturita una gelosia morbosa da parte dell’uomo. La versione ufficiale diramata dai carabinieri però non fa cenno ad alcun coinvolgimento, ma soltanto ad un sentimento non corrisposto, che sarebbe degenerato in atto persecutori.

Continue Reading

Pescara

Arrestato l’uomo che ha selvaggiamente picchiato una ragazza in palestra a Pescara

Il cinquantenne era già in carcere: arrestato nei giorni scorsi per droga e armi

Published

on

ragazza picchiata palestra Pescara arrestato aggressore

Sentimenti non corrisposti e gelosia morbosa sembrerebbero essere i motivi per i quali una ragazza di soli 25 anni è stata picchiata da un energumeno con il doppio dei suoi anni, in una palestra a Pescara. L’aggressore è stato arrestato: si trovava già in carcere.

PESCARA – La vicenda ha lasciato increduli, i video delle telecamere di sicurezza hanno lasciato sgomenti. Una ragazza di soli 25 anni, è stata picchiata selvaggiamente mentre si stava allenando in una palestra a Pescara, da un uomo con il doppio dei suoi anni, Edmond Xhafa, un energumeno di cinquant’anni di origine albanese. Sono stati i carabinieri a bloccare la sua brutale aggressione. Pare che l’uomo, in preda ad un sentimento non corrisposto, tormentasse già da tempo la ragazza, molto più giovane ed esile di lui, e che fosse accecato da una gelosia morbosa.

I militi gli hanno notificato l’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip di Pescara direttamente in carcere. Nei giorni scorsi infatti, era già stato arrestato per motivi legati allo spaccio di droga e al possesso di armi.

L’aggressione, avvenuta il 27 luglio scorso intorno alle 15:30, è stata violenta e selvaggia. Le immagini mostrano come l’uomo, con fare intimidatorio, sembri interrogare la ragazza venticinquenne, impegnata in alcuni esercizi su una macchina ginnica. Poi, il primo colpo, quasi di avvertimento, seguito da un violentissimo pugno in pieno viso. La ragazza è stordita, cade a terra inerme. E allora altri colpi, pugni e calci. Viene pure trascinata per i capelli. Quando finalmente qualcuno, timidamente, interviene, la ragazza si rialza. L’energumeno trattenuto da due persone, le scaglia contro un peso da 12 chili. La giovane riesce a schivarlo e, ancora stordita, cerca rifugio in un altro locale della palestra. L’uomo si libera di chi lo tratteneva, la segue armato di un altro attrezzo, sembra preda di una furia ceca, la tiene bloccata nella stanza in cui si è riparata. Poi, finalmente, sono giunti sul posto gli uomini del Nucleo Radiomobile che lo hanno bloccato.

La ragazza picchiata in palestra a Pescara, dopo essere stata aggredita è stata trasportata in ospedale, dove ha ricevuto una prognosi di 22 giorni per le ferite subite. Sembrerebbe che alla base del folle gesto, ci fossero un sentimento non corrisposto e gelosia morbosa. Pare che tra i due non ci sia mai stata una relazione, nonostante ciò però, l’uomo andava in escandescenze se la vedeva parlare con qualcun altro, la controllava continuamente e le rivolgeva epiteti offensivi e minacce.

Continue Reading

Pescara

Montesilvano, XX “Giornata della sicurezza in mare – Papà ti salvo io”

Published

on

XX Papà ti salvo io

PESCARA – Si è tenuta ieri, domenica 7 agosto la XX edizione la manifestazione denominata “Papà ti Salvo io”, a Montesilvano. Il progetto, promosso dalla società nazionale di Salvamento, con il patrocinio della Guardia Costiera e del ministero delle infrastrutture
e della mobilità sostenibili è stata Diretta da Cristian Di Santo, Presidente della sezione pescarese.

Nell’occasione sono state ricordate le regole e le buone pratiche per un bagno sicuro, di fronte ad un pubblico di oltre 800 persone e 200 bambini presenti. «Lo scopo – dichiara Di Santo – è quello di insegnare giocando, trasferendo ai più piccoli quelle regole fondamentali, in maniera tale da farle mettere in pratica con estrema facilità». Queste azioni rientrano nei progetti di divulgazione, informazione e prevenzione degli incidenti in acqua. Successivamente hanno avuto luogo alcune dimostrazioni con interventi su persone in difficoltà ed a rischio di annegamento, oltre esercitazione “recupero naufrago” da parte di un elicottero della Guardia Costiera della vicina base aeromobili di Pescara. Esercitazione che ha visto la presenza anche di unità navali della guardia costiera e che è stata resa possibile grazie alle intese intercorse con il capitano di vascello Salvatore Minervino, comandante della capitaneria di porto di Pescara e con il capitano di fregata Roberto D’Arrigo, comandante della base aeromobili guardia costiera di Pescara.

La XX edizione di “Papà ti salvo io” si è concluso con la consegna di una targa da parte della Direzione Marittima al detentore del primato “bagnino più’ piccolo del mondo”. Alla manifestazione erano presenti anche i cani di salvataggio della SICS, Scuola Italiana Cani di salvataggio, le moto d’acqua e oltre 40 bagnini di salvataggio. Tanto stupore da parte delle persone presenti ed immensa felicità da parte dei più piccoli.

Continue Reading

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore vicario: Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Alba Adriatica (TE) via Vibrata snc, 64011 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.