fbpx
Connect with us

Focus

Il Martino in edicola con il numero 25

Published

il

 

Il Martino vi aspetta in edicola con il nuovo numero ricco di approfondimenti: Abbandono e randagismo sul nostro territorio ” di Emanuela Di Teodoro, ogni anno in Italia vengono abbandonati circa 135 mila animali (45 mila cani e 90 mila gatti), di questi l’80 % muore di malattia o per incidenti, la regione Marche nella zona del centro Italia si distingue positivamente relativamente a tale fenomeno con una media annua di 2 mila cani abbandonati (contro i 60 mila del Lazio) e la nostra regione?. Vademecum per il pagamento del canone rai” di Marco Capriotti, vi proponiamo i consigli dell’Unione Nazionale dei Consumatori sulle novità del canone Rai per il 2016. “Gli anziani raccontano: naufragi” di Federica Bucci, il mare ha dato tanto al nostro paese ma ha anche strappato alle proprie famiglie tante vite umane. Vogliamo raccontare oggi quanto avvenne nei lontani anni 70, quando a breve distanza l’una dall’altra, due tragedie colpirono gravemente la marineria locale.2015: Quando Martinsicuro collaborò con il Gus per il progetto accoglienza migrantidi Maria Giulia Mecozzi, l’anno che ci siamo appena lasciati alle spalle verrà sicuramente ricordato per l’ondata migratoria proveniente da Africa ed Asia.  Anche la nostra Martinsicuro, tramite diverse associazioni operanti sul territorio, ha visto l’arrivo di molte persone in cerca d’aiuto e di un futuro. Ma c’è di più. Come molti cittadini ricorderanno, quest’estate fu avviato un progetto di collaborazione tra il Comune di Martinsicuro e il GUS (Gruppo Umana Solidarietà), scopriamo come procede il loro lavoro. Ecco come riabbracciare il benessere psico-fisico dopo le festività” di Maria Giulia Mecozzi, qual è il modo migliore per tornare in forma dopo le festività? Lo abbiamo chiesto alla Dottor.ssa e nutrizionista, presso lo Studio Associato C. Tormenti di Martinsicuro, Francesca Pagliarini. Sarà Lei a fornirci qualche consiglio utile per riabbracciare il  benessere psico-fisico senza troppi sforzi e costrizioni. I poeti nascostidi Giusy Valori, –ho conosciuto per la prima volta Antonio Camaioni questa estate, nel corso di un evento culturale che si è tenuto a Martinsicuro. Il nostro incontro è stato breve, ma lo scambio di parole è stato per me intenso e ricco di emozioni. Un breve momento, uno scorcio di tempo dove le sue parole sono rimaste fedeli al suo pensiero poetico…- L’Abruzzo rurale e le festività in onore di Sand’Andonjie d’ jennar” di Ilenia Laurenzi, profondamente radicato in Abruzzo soprattutto nelle zone rurali e di montagna, è il culto di Sant’Antonio Abate che la tradizione vuole a protettore degli animali e dei lavori agricoli… La passione della ricerca: Nino Torquati e il Museo delle Armi Antiche di Ilenia Laurenzi, intervista a Nino Torquati uomo “sui generis”, ricercatore di testi antichi e autodidatta, fondatore con alcuni soci, del Centro Ricerche Storiografiche Truentum Museo delle Armi Antiche con sede a Martinsicuro. “Amarcord Rossoblu di Luigi Tommolini, Nicola Ripa ala destra, nasce a Porto Sant’Elpidio il 17 gennaio 1951. E’ stato il “giocoliere”, il “7 bello”, la “foca” della Sambenedettese e un grande interprete dell'”orchestra della SamBergamasco…”. Martinsicuro 1978, la scomparsa dei fratelli De Fulgentiis Gianfranco e Vittorio resta un caso ancora aperto e pieno di mistero di Noris Cretone, continua il nostro viaggio per cercare di comprendere e capire meglio se realmente gli avvistamenti ufo, nel famoso triangolo dell’Adriatico sul finire del ’78, furono generate da una sorta di psicosi collettiva o se le autorità smentirono tali eventi per celare sapientemente una verità scomoda! Il caso della morte dei fratelli De Fulgentiis avvenne proprio in quei giorni e tutt’oggi resta un caso ancora aperto e pieno di domande. Una Grande Tribù made in Piceno” di Simona Borghese, formano davvero una grande e vivace tribù i musicisti della band marchigiana che con il loro New Folk animano da anni, in modo sempre coinvolgente, i palchi tra Marche e Abruzzo. “Il Nuovo bomber del Martinsicuro: Gianluca Pigliacelli” di Giorgio Basile, intervista al nuovo attaccate del Martinsicuro calcio. Le meravigliose poesie di Alessandra BucciIl Martino vi aspetta in edicola, non perdetelo!

 

Focus

Lampedusa: hotspot sovraffollato. Situazione insostenibile

Benedetta Mura

Published

il

Situazione critica al centro di prima accoglienza di Lampedusa. 950 i migranti presenti, un numero dieci volte maggiore rispetto alla capienza prevista dalla struttura. Una situazione che diventa insostenibile sia per gli operatori sia per gli ospiti. Un centro sovraffollato, dove viene segnalata scarsità di cibo e cattive condizioni igienico-sanitarie. Otto sbarchi in due settimane. 250 le persone arrivate sulle coste dell’isola. 5000 in 28 giorni. Cifre importanti che parlano di vite umane, di storie, di difficoltà.

Una condizione simile riporta indietro nel tempo, al 2011, quando, in quel caso, venne dichiarato lo stato di emergenza. Il sindaco di Lampedusa, Salvatore Martello, chiede aiuto al governo Conte, ritenendo necessario dichiarare il medesimo stato di emergenza di nove anni fa. Martello invoca, assieme al sostengo del Presidente della Regione, Nello Musmeci, il bisogno immediato di trasferire parte dei migranti. Inoltre, ha fatto sapere che i prossimi che arriveranno <<dovranno stare sul molo Favaloro>>, senza possibilità che entrino nel centro.

Una situazione delicata, vissuta a nervi tesi non solo dal sindaco lampedusano ma anche dal direttore dell’hotspot, Gian Lorenzo Marinese, che nonostante tutte le problematiche del caso ringrazia l’intero personale coinvolto nella gestione dei flussi migratori in queste settimane. La Prefettura di Agrigento ha così varato dei nuovi piani di trasferimento. Dovrebbero essere 170 i migranti che lasceranno l’hotspot di Lampedusa per raggiungere il centro di Porto Empedocle. Un secondo piano, ancora in fase di ipotesi, è quello di alleggerire ulteriormente il carico del centro lampedusano, trasferendo parte dei migranti verso Pozzallo. Scelta, quest’ultima, che non convince per niente il sindaco del piccolo comune siciliano, Roberto Ammatuna, il quale afferma che la struttura presente in città sia già colma.

Ma c’è un altro fattore che contribuisce ad aumentare la tensione: l’emergenza sanitaria da covid-19. I migranti fatti sbarcare a Lampedusa vivono in condizioni critiche, in spazi sovraffollati e senza alcun tipo di protezione. Nessuno indossa la mascherina e il rischio che si crei un nuovo focolaio non è certo da escludere. Fin ora chi è risultato positivo è stato fatto evacuare dal centro e trasferito in meno di 24 ore, ma il clima di allerta rimane sempre all’ordine del giorno.

L’hotspot di Lampedusa continua così a farsi carico di numerose vite. La disponibilità in termini di spazi è al termine. Un centro di prima accoglienza, come questo, dovrebbe avere il solo compito di identificare i migranti appena sbarcati sul suolo italiano. Un’operazione che dovrebbe prevedere una permanenza di 24-48 ore, si trasforma in un lungo processo che costringe innumerevoli persone a sostare nell’hotspot per settimane o addirittura mesi prima di permettere loro di conoscere la prossima destinazione.

Continua a leggere

Focus

Mattarella, elogio all’informazione vera e professionale

Benedetta Mura

Published

il

<<La ricostruzione del fenomeno così come il contributo all’educazione e al senso di responsabilità dei cittadini hanno consentito ai media di svolgere un ruolo di grande rilievo nel contrastare la pandemia. I dati degli ascolti televisivi, dei contatti web, della diffusione dei quotidiani in quei mesi terribili testimoniano una ripresa di fiducia e di attenzione nei confronti dei media professionali>>. Queste le parole del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, alla cerimonia del Ventaglio.

Svoltosi ieri mattina, al Quirinale, questo rito risale al lontano 1893, quando i giornalisti della tribuna stampa consegnarono un ventaglio di carta, con le firme di tutti i corrispondenti presenti, al presidente della Camera del Regno d’Italia Giuseppe Zanardelli. Il ventaglio viene oggi dato in simbolo al Presidente della Repubblica da parte dell’Associazione Stampa Parlamentare.

Mattarella durante il suo discorso ha tenuto a precisare quanto la stampa professionale sia fondamentale e quanto lo sia stata, ancor più, nei mesi critici in cui il Paese intero era in balia della crisi pandemica. <<Un’opportunità forse inattesa che rilancia il ruolo del giornalismo>> – ha dichiarato il Presidente, che ha continuato, mettendo in luce negativa i flussi di falsa informazione che navigano nel web e non solo.

<<Ruolo opposto alle fabbriche della cattiva informazione, di quelle che siamo ormai abituati a definire fake news, notizie contraffate, per esprimersi in italiano. In questa occasione l’informazione professionale di qualità è stata evidentemente riconosciuta dai nostri concittadini come capace di poter garantire un’affidabilità non attribuibile ad altri ambiti>>. Mattarella così esalta la figura del giornalista, quello vero, quello professionale che con chiarezza e oggettività racconta la più assoluta verità, dipingendo la realtà in maniera limpida.

<<Le fake news, notizie contraffatte, sono, normalmente, il prodotto di azioni malevole, abitualmente anonime, concertate allo scopo di ingannare la pubblica opinione, contando sull’effetto moltiplicatore del web e sull’assenza di sanzioni che caratterizza un mondo privo di responsabilità definibili>> – prosegue Mattarella nel suo intervento. La cattiva e falsa informazione non può altro che  nuocere alla società, nonché sgretolare il duro e onesto lavoro di chi svolge la professione di giornalista in maniera vera e autentica. Un lavoro quotidiano, minuzioso, volto alla ricerca della verità, regolato da norme precise, stabilite e fatte rispettare da organi specifici. Un mestiere basato sull’osservazione della deontologia professionale.

Quella del Ventaglio è stata, dunque, un’occasione di riflessione e scambio reciproco di stima tra Presidente e giornalisti della stampa parlamentare. Ma non solo. L’intervento di Mattarella è stato la ciliegina sulla torta perfetta per sottolineare quanto il ruolo della stampa veritiera e professionale sia immancabile nel mondo odierno, e come nonostante tutto essa non possa e non debba essere in alcun modo contraffatta.

Continua a leggere

Focus

Studio Inps: quanto la pandemia ha influito sulle assunzioni?

Benedetta Mura

Published

il

La pandemia ha influito sul mondo del lavoro? Dando uno sguardo ai dati dell’Osservatorio sul Precariato dell’Inps rilevati per il primo quadrimestre 2020 (https://www.inps.it/docallegatiNP/Mig/Dati_analisi_bilanci/Osservatori_statistici/Osservatorio_precariato/Osservatorio_Precariato_Gen_Apr_2020.pdf), la risposta è sì. I dati registrano un crollo delle assunzioni private. Un calo pari al -39% rispetto allo stesso periodo del 2019. Sono 1.493.286 le persone che (solo nel primo quadrimestre) sono state assunte da privati. Le cifre si fanno ancor più drastiche se si guarda al solo mese di aprile, -89%, o al mese di marzo, -45%. Questa discesa senza freni verso la carenza di assunzioni in campo privato è dovuta alla battuta d’arresto subìta da aziende ed esercizi commerciali. Il coronavirus ha così colpito il cuore della produttività nazionale. La chiusura delle attività, la caduta della produzione e dei consumi sono stati la spada di Damocle per l’economia e il sistema lavorativo italiano.

Il passaggio da contratto a tempo determinato a quello a tempo indeterminato è una tappa di estrema importanza nella carriera di ogni lavoratore. Questa trasformazione ha subìto, nei primi quattro mesi del 2020, una diminuzione del -29% rispetto allo stesso periodo del 2019. -48% se si considera il solo mese di aprile. Risultano essere in crescita, invece, i rapporti di apprendistato, con +16%. Le cessazioni di questo tipo di rapporto contrattuale sono in diminuzione in confronto allo stesso periodo dell’anno precedente.

E’ di gran lunga inferiore, invece, rispetto al primo quadrimestre del 2019, il numero di CPO stipulati. Con questa sigla si intende il Contratto a Prestazione Occasionale. Secondo questo studio, il meglio noto come lavoro occasionale è retribuito in media 240 euro.

Un aumento degno di nota è quello registrato dai lavori pagati con i titoli del “Libretto Famiglia”, pari a +458% rispetto ad aprile 2019. Una crescita notevole dovuta principalmente al bonus baby-sitter, recentemente introdotto dal governo Conte grazie al decreto Cura Italia.  Il cui pagamento è effettuato proprio con i titoli del Libretto Famiglia; l’importo medio mensile lordo della loro remunerazione effettiva risulta pari a 491 euro  – afferma l’Inps sulla sua pagina ufficiale.

Le imprese assumono meno e con maggiori difficoltà. L’effetto lockdown pesa, sia sui cittadini che sulle aziende. Lo studio Inps descrive in maniera chiara la situazione occupazionale. I primi mesi del 2020 non sono stati certo il periodo simbolo, apice, delle assunzioni in Italia. Anzi. Il precariato c’è nel nostro Paese e la pandemia ha dato una spinta, sì. All’indietro.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Responsabile: Noris Cretone