fbpx
Connect with us

Focus

Martinsicuro: Desastudio di Norma Campli vince il premio “Best of Houzz Design” 2016

Pubblicato

il

Da Il Martino n. 27 del 22.02.2016

Classe ’82, compie i suoi studi superiori presso il Liceo artistico di Teramo. In seguito si laurea in architettura presso l’Università di Camerino nell’anno accademico 2006/2007 per poi acquisire definitivamente l’abilitazione alla professione di Architetto nel 2008.

A spiegarci l’importanza di questo premio è proprio Norma che, in tal proposito, spiega: “Houzz è una piattaforma on-line leader mondiale nell’arredamento, progettazione e ristrutturazione d’interni ed esterni. Essa riesce a mettere in contatto milioni di utenti appassionati di Design e professionisti di tutto il mondo”. Proprio in quest’ambito, il DESASTUDIO, attività creata dalla mente vivace di questa giovane professionista, è stato scelto tra oltre 35 milioni di utenti su Houzz. “Sono davvero fiera di aver ricevuto questo premio – dice – e precisamente quello che guarda all’ambito della ‘Soddisfazione Clienti’”. E continua: “Tale riconoscimento si basa su più fattori tra i quali il numero e la qualità delle recensioni ricevute durante l’anno (nel nostro caso il 2015) da parte dei clienti per cui ho lavorato”.

Mattia Perroni, MD di Houzz Italia, ha commentato così il conferimento del premio a DESASTUDIO: “Siamo felici di nominare DESASTUDIO ‘Best of Houzz’ della nostra grande community di proprietari di casa e appassionati di Design”.

L’attività è nata circa 4 anni fa. “Questo perché – spiega Norma – diventare architetto è sempre stato un mio sogno, sin dai primi anni di liceo”.  “DESASTUDIO – continua il giovane architetto – si occupa di progettazione architettonica spaziando da interventi di recupero a nuova costruzione su vasta parte del territorio nazionale. L’elaborazione del progetto viene definito da diverse fasi che spaziano dalla fase dei rilievi, alle fasi di analisi e progettazione  fino alle varie valutazioni economiche d’intervento. La progettazione è integrata da tutti i servizi necessari per la realizzazione del progetto da quelli d’ingegneria a quelli inerenti alle varie fasi progettuali, fino alla direzione lavori e collaudo. Collaborando con numerosi e qualificati professionisti, con i quali abbiamo consolidato negli anni un rapporto di fiducia e capacità di lavorare in team, siamo in grado di fornire un supporto tecnico per tutte le fasi della progettazione fino a chiusura lavori”. E ancora: “Con i nostri servizi di progettazione, vogliamo creare un autentico valore aggiunto agli spazi che vivete ogni giorno. Il nostro obiettivo è lavorare con voi per realizzare i vostri ambienti perfetti”.

Ma Norma Campli non è solo un eccellente architetto libero professionista. Infatti, nonostante la giovane età, già può vantare collaborazioni importanti sia a livello nazionale, come quello con lo Studio di Architettura per progetti di ristrutturazione e ricostruzione post terremoto dell’Aquila, sia internazionale. “A livello internazionale – dice Norma – ho collaborato alla progettazione d’interni per una villa in Guang Zhou, in Cina e con un architetto per disegni esecutivi di ville, in Angola”.

Intanto il nostro giovane architetto, nonostante la soddisfazione per il premio ricevuto, non si è di certo poggiato sugli allori. Com’è tipico della sua professione, la sua mente già è proiettata verso il futuro e per questo siamo curiosi di sapere quali sono i suoi prossimi progetti. “Naturalmente – dice Norma – il mantra che da sempre mi guida nel mio lavoro recita: ‘Fai sempre il tuo lavoro nei migliori dei modi e soddisfa a pieno le aspettative dei clienti’. Questo perché – continua Norma – credo che la Casa sia qualcosa di veramente importante e personale, nella quale si trascorre la maggior parte del tempo. Il mio compito e obiettivo principale deve essere quello di conoscere e capire le persone per poter realizzare ambienti che siano accoglienti e che si sentano come propri, adatti alle  diverse esigenze”. Inoltre, “ho intenzione di espandere DESASTUDIO con nuovi collaboratori. Naturalmente, tutto ciò che in più verrà, sarà ben accetto”.

 

Ancona

“La Crociata dei fanciulli”: fede, innocenza ingenuità

Pubblicato

il

la crociata dei fanciulli convegno a Jesi
I relatori dell'evento insieme all'assessore alla Cultura di Jesi, Luca Brecciaroli (Foto di Cristina Franco).

Le Crociate non furono soltanto imprese di guerra indette per arginare una dilagante espansione islamica. Il miraggio della Terrasanta attrasse anche diseredati in cerca di fortuna, mercanti e avventurieri. A volte, certo, anche pellegrini che solo per fede o penitenza lasciavano la loro terra per raggiungere Gerusalemme e i luoghi sacri. Erano spesso infiammati da un fervore che rasentava l’esaltazione e il fanatismo. Il più straordinario di questi esodi di massa fu senz’altro ‘La Crociata dei fanciulli’ o ‘degli innocenti’. Non si concluse felicemente, ma lasciò un ricordo così persistente da suggerire fiabe e, in tempi recenti, persino   fumetti. Di questo evento storico la sera del 5 luglio hanno parlato sotto le stelle, nel cortile del Museo Stupor Mundi, la professoressa Elena Percivaldi, storica, saggista, giornalista e Bruno Letizia, fumettista della Acca Academy. Prima di entrare in argomento la relatrice ha presentato un ampio affresco della situazione  sociale, politica, culturale del tempo in cui la ‘Crociata dei fanciulli’ ebbe luogo.

Siamo nel 1212. Il Cristianesimo, in fase di fervido rinnovamento religioso, aveva raggiunto il confini d’Europa fino alla Scandinavia. Ovunque si erigevano chiese e cattedrali grandiose. Favorevoli condizioni climatiche avevano agevolato lo sviluppo dell’agricoltura e del commercio. In questo rifiorire tuttavia si insinuarono presentimenti nefasti causati da eventi ritenuti straordinari e di tale suggestione da suscitare timori superstiziosi. Non ne ha parlato la relatrice, ma vale la pena prenderne nota perché accesero la fantasia soprattutto della gente semplice. In mare furono avvistati branchi enormi di pesci; nei fiumi, negli stagni, nei laghi proliferò un gran numero di rane che sembrava richiamasse una delle piaghe d’Egitto. Il cielo venne oscurato da stormi di uccelli e da nugoli di farfalle. In Francia cani randagi in gran numero si affrontarono e si sbranarono. Questi ed altri fenomeni legati a coincidenze astrali contribuirono a creare un clima d’attesa come di eventi straordinari. Uno di questi sembrò la ‘Crociata dei fanciulli’. Non ne parlano storici, ma cronisti del tempo – circa quaranta – essenzialmente concordi nel riferirla, non però nell’ interpretarla e valutarla.

Fu nell’estate del 1212 che dal villaggio di Cloyes, in Francia e da Colonia in Germania si mossero due schiere di ‘pueri’ determinati a raggiungere la Terrasanta a piedi. Erano del tutto disarmati e convinti che per loro Dio come a Mosè avrebbe aperto il mare perché lo attraversassero ‘siccis pedibus’. I primi erano guidati da un pastorello di nome Étienne (Stefano). Affermava che Cristo gli era apparso in sogno chiedendogli di consegnare una misteriosa lettera al re di Francia, Adeodato Filippo II Augusto. A Stefano si sarebbero aggiunti circa 30.000 ‘pueri dai sei anni in su’, secondo alcuni cronisti. Giunsero fino a Saint Denis, dove sembra che siano avvenuti diversi miracoli. La lettera fu effettivamente consegnata a Filippo II; il quale però si limitò a consigliare ai ragazzi di tornare a casa. Così alcuni fecero. Altri invece continuarono il pellegrinaggio giungendo fino a Marsiglia. ‘Mali homines’ purtroppo si erano intanto aggiunti ai fanciulli. Di due di questi malfattori si conoscono bene i nomi. Sono Hugo Ferreus e Guilelmus Porcus (!) che fecero imbarcare i ragazzi su sette navi, due delle quali affondarono durante un naufragio, in prossimità della Sardegna, causando la morte dei ragazzi. Le altre proseguirono fino ad Alessandria e Bugia dove i ‘pueri’ furono venduti come schiavi; alcuni ad Al- Kamil, il sultano con il quale Federico II avrebbe stretto un trattato di pace. E proprio dall’imperatore svevo i due ‘orchi’ sarebbero stati più tardi giustiziati.

Gli ‘innocenti’ tedeschi invece  partirono solo per ispirazione divina. Erano migliaia, compresi, dicono, alcuni lattanti. Li guidava un ragazzo di Colonia di nome Nicola il cui emblema era una croce a forma di ‘tau’. Procedettero speditamente, a una media di venticinque chilometri al giorno. Si sostenevano con le elemosine che ricevevano durante il pellegrinaggio, ma non pochi morirono per sfinimento. Giunti a Genova attesero anche loro inutilmente che, come era accaduto ad Étienne a Marsiglia, alle invocazioni di Nicola il mare si aprisse. Alcuni, delusi, decisero allora di tornare indietro, altri trovarono ospitalità presso famiglie genovesi, altri ancora giunsero in Ancona dove pure il mare non si aprì. Altri infine proseguirono fino a Brindisi dove però il vescovo ingiunse loro di tornare indietro. Fu un ritorno desolato. Delusi per il fallimento della loro missione, dovuto a loro avviso a mancanza di fede o a una condizione di peccato, non trovarono più l’accoglienza generosa che avevano ricevuto all’andata. Non pochi morirono di fame.

La ‘Crociata dei fanciulli’ ha lasciato un ricordo non sempre positivo. Da alcuni cronisti fu ritenuta un ‘iter stultorum’, da altri un’impresa voluta per ‘instinctu diabolico’. Non pochi sospesero un giudizio su questa incredibile avventura che tuttavia ha ispirato fiabe – la più famosa è quella del ‘Pifferaio di Hamelin’ – e persino fumetti e romanzi fantasy. Bruno Letizia ne ha mostrato immagini in video. Sono storie disegnate in stili diversi che reinterpretano la vicenda e ne modificano anche radicalmente il significato, ideate da autori italiani, francesi, inglesi, rumeni, giapponesi e americani. Cambia generalmente l’ambientazione, collocata persino nell’epoca della seconda guerra mondiale. La storia ha suggerito anche romanzi. Pagine di tre di questi, – autori Kurt Vonnegutt, Rullio Avoledo, Iris Florina – sono state lette da tre neodiplomate del Liceo Classico di Jesi, Eva Remedi, Maria Borgacci, Emma Lanuti.        

Persiste dunque nella memoria il ricordo di questa eccezionale avventura. Il motivo è da rintracciare nel suo significato universale. I più giovani, i più inesperti, i più semplici e innocenti possono essere facilmente raggirati da disonesti, malfattori, profittatori della loro ingenuità. Per fronteggiarli occorrono accortezza e sagacia; anche astuzia, come pure è scritto nel Vangelo.

Augusta Franco Cardinali

Continue Reading

Focus

Martinsicuro, “Historia Magistrae Vitae” concerto e rassegna storica in memoria di Nino Torquati

Pubblicato

il

museo delle armi martinsicuro

TERAMO – Si svolgerà domenica 16 luglio 2023 alle ore 21:00 presso il Museo delle Armi Antiche sito in via Strada Statale 16 n.39 a Martinsicuro il primo appuntamento della rassegna “Historia Magistrae Vitae”, una serie di eventi organizzati dall’Associazione omonima per ricordare la figura del suo Fondatore Nino Torquati.

Nello spazio all’aperto antistante il Museo, dopo i saluti del Sindaco Massimo Vagnoni a nome dell’Amministrazione Comunale che sostiene da tre anni l’iniziativa,il professor Albino Tommolini grande conoscitore della realtà martinsicurese, in particolare riguardo all’ubicazione degli scavi fatti nei vari anni passati sulla città antica di Truentum, terrà una Conferenza dibattito.

Il suo intervento sarà integrato dalle conoscenze sul campo del pittore Leonardo Carapucci ricercatore di antichità romane sul territorio martinsicurese. Durante la serata ed al termine della stessa si terrà un breve concerto dei sassofonisti fermani Monica Noschese (sax contralto) e Simone Tenerelli (sax baritono) che eseguiranno brani di Bach ma anche classici del Jazz. Per maggiori informazioni sulla rassegna “Historia Magistrae Vitae” 2023 che si terrà a Martinsicuro è possibile consultare il sito web del Comune o l’Ufficio Turismo. È gradita prenotazione al 3356627564.

Continue Reading

Focus

E’ scomparso Arnaldo Forlani: il pesarese fu segretario DC, presidente del Consiglio e terza lettera del CAF

Pubblicato

il

arnaldo forlani

Passato alla storia anche come “il coniglio mannaro” Arnaldo Forlani, si è spento a 98 anni. Già segretario della Democrazia Cristiana, è stato ad un passo dal Quirinale e presidente del Consiglio quando scoppiò lo scandalo P2. Negli anni ’80 era la terza lettera del CAF Condannato a due anni per la maxi tangente Enimont.

PESARO-URBINO – Arnaldo Forlani, ex segretario della Democrazia Cristiana, si è serenamente spento all’età di 98 anni nella sua casa di Roma. Originario di Pesaro e con un passato da calciatore della Vis (debuttò in serie C). La sua carriera da calciatore descrive per certi versi quella che avrebbe seguito n politica: «Ero ambidestro, tiravo bene sia col destro che col sinistro. Così una volta giocavo di qua e l’altra di là. Poi mi chiesero di scegliere: mezzala destra o mezzala sinistra. Fu allora che lasciai il calcio».

Con la scomparsa di Forlani cala definitivamente il sipario sulla Prima Repubblica, che viene dunque relegata ai libri di Storia, per quanto concerne i suoi protagonisti. La carriera politica è stata lunga ed articolata, non senza qualche passaggio in ombra. L’ingresso in Parlamento è avvenuto nel 1958. Vi è rimasto fino al 1994. Due volte segretario DC: la prima elezione nel ’69, la seconda nel ’89. Presidente del Consiglio per breve periodo: dall’ottobre del 1980, al maggio dell’anno successivo, nei mesi in cui scoppiava lo scandalo P2. E’ stato anche ministro degli Esteri nel governo Andreotti III e vicepresidente del Consiglio nel Craxi I e II. Costituiva infatti l’ultima lettera del CAF degli anni ’80: Craxi-Andreotti-Forlani. Nel 1992 è stato ad un passo dal Quirinale. La sua elezione a presidente della Repubblica fumò per appena 24 voti, pare di fronda andreottiana.

Il passaggio più scuro, la condanna in via definitiva per la maxi tangente Enimont, durante l’inchiesta Mani Pulite, per la quale ricevette una pena a 2 anni e 4 mesi.

Dotato di spiccate abilità oratorie, il giornalista Gianfranco Piazzesi lo ha definito “Il Coniglio Mannaro”. Non si sottraeva mai alle domande dei cronisti e rispondeva sempre con garbo, ma spesso utilizzava giri di parole per non esprimere nessun concetto. Quando un giornalista lo interruppe durante un’intervista dicendogli: «segretario non sta dicendo niente», Arnaldo Forlani rispose: «ah, sapessi, carissimo: io potrei andare avanti così per ore».

Continue Reading

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore: Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Martinsicuro, Via Gabriele D'annunzio 37, Cap 64014 - Sede Operativa: Alba Adriatica (TE) via Vibrata snc, 64011 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.