E’ con due delibere relative all’utilizzo del Docup pesca, che si trova a ridosso della foce del Tronto, che la giunta targata Camaioni, dopo le polemiche di una parte degli operatori della piccola pesca contrari all’arrivo nell’approdo dei natanti della pesca sportiva, ha fissato il canone mensile che le imbarcazioni sportive dovranno versare al Comune. 15 euro mensili a partire dal 1° maggio. In tal proposito, l’Assessore Massimo Corsi afferma che : “Contestualmente, sono stati individuati anche tre locali da adibire ad uso ufficio all’interno del centro polifunzionale. Spazi destinati ad associazioni che si occupano di studio e ricerca dell’ambiente marino. Associazioni che saranno individuate tra coloro che presenteranno richiesta”. Il canone annuo, per ciascun locale, è di 600 euro.

Tuttavia, staremo a vedere se le polemiche, da parte degli operatori contrari si riaccenderanno, in quanto affermano: “lavorare in queste condizioni è difficile; figuriamoci restringere l’area a noi destinata”.