fbpx
Connect with us

L'Aquila

Incidenti stradali: frontale a Sante Marie, grave 21enne

Pubblicato

il

E’ stato ricoverato all’ospedale di Avezzano in gravi condizioni dopo un frontale tra due auto avvenuto, nel primo pomeriggio di ieri, sulla strada provinciale che porta a Sante Marie, vicino Tagliacozzo. Si tratta di un giovane, di 21 anni del posto, che dopo l’incidente è rimasto incastrato tra le lamiere del mezzo sul quale viaggiava. A bordo dell’altra auto, c’era una donna che, rimasta ferita lievemente, è stata trasportata dal 118 in ospedale. Sul posto i carabinieri della compagnia di Tagliacozzo e i vigili del fuoco di Avezzano.

Abruzzo

Tragedia Velino e Campo Felice, Regione Abruzzo: “Memoria e impegno per onorare le vittime”

Pubblicato

il

L’AQUILA – “Onorare le vittime, rendergli omaggio senza mai dimenticare quanto successo perché la memoria generi cultura, conoscenza e alimenti riflessione; impegnarsi quotidianamente affinché tragedie simili non si ripetano”. È il messaggio del’assessore regionale alle Aree interne Guido Liris nell’anniversario di una doppia tragedia, quella del monte Velino, che un anno fa vide perire quattro escursionisti – Tonino Durante, Gian Mauro Frabotta, Gianmarco Degni e Valeria Mella – e quella del Monte Cefalone, che quattro anni prima vide un elicottero del 118 schiantarsi nei pressi di Campo Felice, dove si era recato per soccorrere uno sciatore.

“Sul Velino, lo scorso anno, furono necessari 28 lunghi e difficili giorni per completare le operazioni di recupero delle vittime”, ricorda l’assessore, “ed oggi possiamo dire che quel dramma non è avvenuto invano, considerando che, oltre a infondere una maggiore consapevolezza e sensibilità nei confronti della sicurezza in montagna per chi amministra, ha impresso un’accelerazione nell’approvazione, da parte della Regione, della Carta di localizzazione dei pericoli da valanga, contente l’individuazione delle aree che presentano pericoli potenziali”.

“Seguii personalmente, sul posto, i soccorsi e ricordo che gli imprevisti non mancarono, come quando il gatto delle nevi precipitò dall’elicottero che lo trasportava sul luogo della valanga”, aggiunge Liris, “eravamo davanti a uno scenario drammatico, per certi versi inedito, in un territorio impervio. È stata, tuttavia, un’esperienza dalla quale l’intera macchina dei soccorsi ha tratto degli insegnamenti ed è questo, a posteriori, quello che deve restare impresso nella memoria di tutti gli attori coinvolti, affinché il sacrificio di quelle vite non sia vano”. 

“In occasione di una ricorrenza tanto triste, da medico prima ancora che da rappresentante delle istituzioni”, aggiunge l’assessore, “non posso poi non ricordare la tragica fine del dottor Valter Bucci e dell’infermiere Giuseppe Serpetti, sanitari del 118 dell’ospedale San Salvatore dell’Aquila, che insieme al tecnico di bordo Mario Matrella, al tecnico del Soccorso alpino Davide De Carolis, al pilota Gianmarco Zavoli, e al paziente soccorso, Ettore Palanca, persero la vita nello schianto dell’elicottero sul Monte Cefalone cinque anni fa”.

“Spesso chi è chiamato a soccorrere e il personale sanitario è talmente focalizzato sul raggiungimento dell’obiettivo, in favore delle vite altrui, da mettere a rischio il proprio destino”, rileva Liris, “come accadde quel giorno, quando nonostante il maltempo e la pessima visibilità, un gruppo di professionisti non fece altro che sacrificare la propria vita per il bene di un’altra persona”.

“Quella – un’autentica strage – è una ferita che non potrà rimarginarsi, che deve ricordare a tutti proprio quanto sia importante il ruolo dei sanitari e dei tecnici che lavorano, lontano dai riflettori, senza orari e senza festivi che tengano, nella filiera dell’emergenza urgenza”, aggiunge l’assessore.

“Questo doppio tragico anniversario”, prosegue Liris, “deve essere anche da monito per chi, spesso con superficialità e imprudenza, si avventura in montagna: occorre conoscere i propri limiti, informarsi sempre sulle condizioni meteo e della neve prima di qualsiasi tipo di escursione, equipaggiarsi adeguatamente. Anche per questo, occorre lavorare su sensibilizzazione e prevenzione e per questo ringrazio tutte le associazioni e organizzazioni che, insieme alle istituzioni, lavorano in questa direzione”.

“Dal nostro insediamento”, ricorda infine l’assessore, “abbiamo istituito il Tavolo della montagna che periodicamente è terreno di proficuo confronto con tutti gli attori interessati e, per ricordare solo i risultati più importanti, abbiamo portato in Abruzzo il sofisticato sistema per il distacco controllato delle valanghe attraverso cariche esplosive, una pratica consolidata sull’arco alpino che non era mai stata adottata nell’Appennino, il sonar Recco, anch’esso per la prima volta in una regione appenninica, utilizzato per la ricerca di dispersi sotto la neve in caso di operazioni di soccorso, e approvato la Carta di localizzazione dei pericoli da valanga”

Continua a leggere

L'Aquila

Omicidio Aliona Oleinic: ergastolo per il muratore che la uccise

Pubblicato

il

Confermata la condanna all’ergastolo per Roland Bushi. Il muratore 30enne che sferrò 11 coltellate ad Aliona Oleinic.

FRANCAVLLA AL MARE – Per l’omicidio di Aliona Oleinic, 33enne moldava, è finalmente giunta giustizia. La Corte d’Assise d’appello dell’Aquila ha condannato Roland Bushi, il 30enne albanese all’ergastolo.

Il difensore dell’imputato, l’avvocato Antonello D’Alosio, ha chiesto la concessione delle attenuati generiche per far meno aggravante i futili motivi. Roland Bushi, il 3 Settembre del 2019, sferrò undici coltellate alla donna per un rifiuto e dopo aver perso la testa la uccise.

L’uomo, accusato dell‘omicidio di Aliona Oleinic ha ribadito il suo pentimento e di non aver agito con l’intenzione di ucciderla. Il difensore valuterà se presentare ricorso in Cassazione. Il deposito delle motivazioni è atteso per il 15 aprile 2022.

Continua a leggere

Abruzzo

Covid Abruzzo: nuove disposizioni per i certificati di fine isolamento

Pubblicato

il

PESCARA – Un’ordinanza del Presidente Marsilio che va a risolvere un problema segnalato più volte in questi giorni dai cittadini abruzzesi: il ritardo con cui le Asl rilasciano i certificati di fine isolamento Covid, a causa dell’aumento esponenziale del numero dei nuovi casi positivi che si registra dalla fine dello scorso anno.

“D’ora in avanti – spiega l’assessore alla Salute, Nicoletta Verì – nell’attesa dell’arrivo della certificazione da parte dei Siesp delle Asl, il cittadino asintomatico potrà esibire (ad esempio per il rientro a scuola, al lavoro, in caso di mancata riattivazione del green pass o di controllo da parte delle forze dell’ordine) i referti del tampone positivo da cui si evince la data di inizio dell’isolamento e del test negativo effettuato alla fine del periodo previsto dalle norme nazionali, che varia a seconda dello stato vaccinale di ciascuno”.

La circolare ministeriale del 30 dicembre scorso prevede un intervallo di isolamento di 7 giorni per gli asintomatici che abbiano completato il ciclo vaccinale primario da meno di 4 mesi e di 10 giorni negli altri casi.

La facoltà prevista nella nuova ordinanza potrà essere esercitata se, nelle 24 ore successive alla data di fine isolamento, il cittadino non riceve la certificazione Asl.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore vicario: Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Martinsicuro (TE) via Metauro 10/A, 64014 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.

Privacy Policy