fbpx
Connect with us

Abruzzo

La costituzione Italiana, una riflessione dal mondo della Pesca. Una mamma scrive a Renzi

Pubblicato

il

17 ottobre 2016.  Da giorni circola su facebook la seguente lettera che una moglie di un pescatore  ha deciso di inviare al Presidente del Consiglio Matteo Renzi. Con rispetto e piena condivisione la riportiamo integralmente:

“Gentilissimo Sig. Renzi

 Sono una mamma di 37 anni di 2 figli di 14 e 11 anni, e moglie di un uomo di 40 anni che da 26 anni fa il pescatore, un lavoro che lo tiene lontano da casa e dai suoi affetti per 4 gg alla settimana. Un mestiere che negli ultimi anni non da’ guadagni proporzionali alla quantità e qualità di lavoro svolto, e insufficienti a garantire un’esistenza libera e dignitosa, come invece afferma che dovrebbe essere, l’art. 36 della ns Costituzione Italiana.

 Le scrivo questa lettera per aiutarci a ritrovare la fiducia nelle Istituzioni, in quanto da giovedì 13 ottobre 2016, ci sentiamo definitivamente abbandonati da uno Stato, che anziché tutelarci, ci ha tolto una cosa, addirittura più importante del lavoro stesso, e cioè l’amore e la passione per quel lavoro che mio marito ha svolto sempre con immenso entusiasmo, un mestiere duro, che da generazioni viene fatto, con una passione ammirevole, da tutti gli uomini della sua famiglia . Ma vengo al dunque. Giovedì mattina, alle ore 04:00, all’asta del pesce del ns piccolo paese sul litorale marchigiano, Porto San Giorgio, dove mio marito porta tutto il pescato per essere commercializzato, gli sono stati sequestrati dalla Capitaneria di porto locale, 7,5 kg di merluzzi sotto misura su un totale di pesce pescato di 520 kg.

 Tali merluzzi, risultati irregolari per la vendita, sono stati pescati da mio marito con mezzi conformi (la grandezza delle maglie della sua rete per la pesca a strascico, oggetto anch’essa di controllo da parte dei militari, e’ risultata essere a norma) alla legge, la quale ha lo scopo, tra l’altro giusto a mio avviso, di tutelare il novellame, e permettere così ai pesci più piccoli di crescere e riprodursi. Se accidentalmente, nonostante le dovute misure, del pesce piccolo entra nella rete, quest’ultimo deve essere rigettato in mare; ma i pesci tirati su con la rete sono morti, e quindi mi chiedo come faranno a crescere e riprodursi. A questo proposito aggiungo, che tra pochi mesi, questi pesci sotto misura, anziché rigettati in mare dovranno essere riportati a terra e consegnati ad una ditta di smaltimento, pagata ovviamente dal pescatore, perché si è visto che questi pesci morti vanno ad alterare l’eco sistema marino, in quanto i pesci si abitueranno a mangiare pesci morti, prede ovviamente più facili, anziché pesci vivi. E per questo mi chiedo se non sia il caso di rivedere la legge, in quanto non raggiunge più lo scopo per cui è stata fatta. Ora le spiego anche perché probabilmente mio marito non sia riuscito a rispettare questa legge discutibile. Mettersi a misurare ogni pesce per verificare quelli che non raggiungono le misure consentite dalla legge, per poi rigettare in mare gli esemplari morti, che comunque non potranno quindi riprodursi, non lascerebbe tempo, già troppo esiguo per un riposo che gli consenta di svolgere il suo lavoro in sicurezza (4 o5 ore attualmente nell’arco di 24 ore).

 Detto ciò, mio marito ha comunque sbagliato per la legge. Ha riportato 7,5 Kg di pesce sotto misura che avrebbero rappresentato circa 50 euro di incasso. I militari preposti al controllo gli hanno fatto una multa di 5.000 euro e gli sono stati tolti 5 punti sulla sua licenza di pesca e 5 punti sul suo libretto di navigazione. Quindi per 50 euro di infrazione, 5.0000 euro di multa. Dopo averle spiegato tutto ciò , torno al vero motivo per cui le scrivo. Mio marito, giovedì , in preda alla disperazione, per l’impossibilità di pagare una multa tanto esosa, dal momento che da 2 mesi non ha guadagni, a causa del fermo pesca, e che i ns risparmi sono serviti per pagare il mutuo della ns casa e i libri scolastici per i ns figli in primis, ha urlato davanti ai suoi figli: “BASTA, mi hanno tolto quello che di più caro avevo dopo di voi, la passione per quello che faccio e la dignità. Non vogliono più permettermi di lavorare, vogliono che le ns barche rimangano ferme nei porti!” Davanti ad un padre disperato, suo figlio, che lo ha sempre visto come un eroe, tornare dal lavoro stanco ma soddisfatto, gli ha detto: “Non preoccuparti babbo, non può essere così , io l’ho studiato a scuola, ho studiato la ns Costituzione e so che lo Stato favorisce e promuove le condizioni affinché tu possa svolgere un tuo diritto fondamentale, quello al lavoro”. Beh di fronte a questo, per la prima volta, ho visto scendere una lacrima sul volto di mio marito. In quella lacrima, oltre alla rabbia e al dolore della sconfitta, sono sicura che ci fosse anche la speranza che ns figlio possa ancora credere nella ns Costituzione e in ciò che insegnano a scuola. Mi dica lei, la risposta, oltre le lacrime, che possiamo dare ai ns figli, affinché ci credano ancora.

La moglie di un pescatore”La moglie di un pescatore

 

Dopo aver letto questa lettera, le imprese della pesca del Medio Adriatico aderenti alla rete d’imprese MA.MOL.AB,  hanno deciso di darne massima divulgazione ritenendo lo sfogo della signora più che legittimo e condivisibile, a testimonianza di un sistema che, se sta portando le persone all’esasperazione, significa che non funziona più! I pescatori d’Italia sono esausti, sfiniti, increduli nel constatare che davvero non ci sia mai limite al peggio, ogni giorno devono fare i conti con decreti ministeriali che davvero escono a raffica!  In molti dichiarano tale situazione non più sostenibile ed il clima sulle banchine dei porti italiani si fa sempre più infuocato, come la protesta che si sta volgendo in queste ore a Porto San Giorgio.

E’ triste constatare che lo Stato Italiano non solo non da giusta attenzione al settore della pesca, dedicandogli un Dipartimento (e non un Ministero) che accoglie nel peggiore dei modi le indicazioni che giungono dalla Comunità Europea.

L’art.90 del Reg. Comunitario 1224/2009 esplicita che “oltre all’art.42 del Reg. CE n.1005/2008 sono considerate infrazioni gravi anche le attività in funzione della gravità determinate dall’autorità competente dello Stato membro (cioè dall’Italia), che dovrebbe tener conto di criteri quali la natura del danno arrecato, il suo valore, la situazione economica del trasgressore e la portata dell’infrazione o la sua reiterazione!

Crediamo dunque che sia davvero inopportuno e altamente squilibrato che lo stato membro Italia abbia punito il pescatore, marito della signora scrivente, con “una multa di 5.000 euro,  5 punti sulla sua licenza di pesca e 5 punti sul suo libretto di navigazione per 50 euro di infrazione.” Tutto ciò è inaccettabile. E’ inconcepibile catalogare tra le infrazioni gravi chi pesca, con divieto di pesca entro le 6 miglia dalla costa, chi si trova a pescare a 5,9 miglia con chi pesca ad un miglio o con attrezzi vietati. Il fatto che il legislatore parli sempre di “divieto”, “sanzione”, penalizzazione” e mai di un sistema di “premialità” pone quantomeno dei dubbi sulla vocazione che spinge a legiferare.

Gli armatori vogliono far presente a chi governa, e soprattutto a chi scrive ed approva leggi e decreti riguardanti la pesca in Italia, che troppo spesso vengono emanante delle normative attuative impossibili da applicare alle realtà produttive locali.

Nel corso degli ultimi anni, a seguito dell’abolizione del parlamentino e della consulta generale della pesca, vi è una totale assenza di confronto tra i pescatori e la Direzione Generale della Pesca Italiana che emana decreti senza un minimo di confronto preliminare.

Ultimi in ordine di tempo alcuni dei tanti contestati decreti:

la legge n°154 ispirata solo a concetti di base punitivi o repressivi, senza prevedere un sistema di premialità a chi invece rispetta le normative comunitarie e  ponendo sullo stesso livello di gravità penale delle azioni troppo diverse tra loro. Chi pesca con attrezzi da pesca regolamentari e in zone di mare ove la pesca è consentita e accidentalmente cattura una specie sottomisura non può essere punito penalmente e soprattutto non può essere equiparato a chi pesca con attrezzature vietate e in zone di nursery.

L’entrata in vigore dei regolamenti n.1224 e 404 riguardanti i sistemi blu box e logbook che non tengono conto delle effettive dinamiche collegate alle attività di pesca e alle operazioni di sbarco e pesatura che avvengono nei porti italiani, molto diversi da quelli del nord Europa a cui si ispirano la maggior parte delle normative comunitarie; e di ciò la Direzione Generale della Pesca deve tenerne conto in fase di attuazione dei regolamenti d’attuazione. Parlare di tolleranze del 10% di peso a cassette di pesce che nel giro di poche ore possono avere un calo nettamente maggiore per fattori legati al “calo peso” o allo scioglimento del ghiaccio è decisamente improponibile.

Il Decreto Ministeriale del 25 gennaio 2016 che istituisce l’elenco nazionale delle barche autorizzate alla pesca delle alici e sarde nel Mar Adriatico, privando di fatto molte imbarcazioni della licenza di pesca legittimamente acquistata; non era davvero possibile fornire l’elenco delle imbarcazioni in altro modo?

Una normativa che sembra tener conto più della salvaguardia dei tonni che dei pescatori! Lo sa bene chi esercita l’attività di pesca per la cattura dei piccoli pelagici con sistema a circuizione (o lampara) che da anni non registrava uno stato di crisi come quello attuale, in cui registrano un’interferenza di tonni, in costante crescita, che rompono le reti e non permettono di raccogliere le alici o sarde.

Il divieto di Pesca nelle zona impropriamente definita “Fossa di Pomo” che non rispetta le coordinate geografiche istituite nel 2003 ma che aumenta l’area interdetta per le imbarcazioni italiane e diminuisce l’area per le imbarcazioni croate.

E le prospettive future non sono affatto incoraggianti, anzi! Circolano bozze di regolamenti per l’obbligo di sbarco di specie di taglia minima che sembrerebbero incoraggiare la pesca di pesce sottomisura per incentivare la produzione di farine di pesce anziché favorire realmente la salvaguardia delle specie ittiche, tutelandone la riproduzione.

Abruzzo

“Io non rischio”: anche in Abruzzo la campagna nazionale per le buone pratiche di Protezione civile

Pubblicato

il

L’AQUILA – Per scoprire cosa ciascuno di noi può fare per la prevenzione, i volontari della Protezione Civile invitano i cittadini a partecipare agli appuntamenti fissati per domenica prossima 24 ottobre, nelle piazze fisiche e digitali comuni abruzzesi:

L’Aquila In Piazza Battaglione Alpini e nella piazza digitale #iononrischio2021l’aquila

Pescara in Piazza Della Rinascita e nella piazza digitale #iononrischioPescara

Chieti in Corso Marrucino e nella piazza digitale #iononrischioChieti

Teramo Piazza Martiri della Libertà e nella piazza digitale #iononrischio2021Teramo

Avezzano Piazza Risorgimento e nella piazza digitale #iononrischio2021Marsica

Sulmona Piazza XX Settembre e nella piazza digitale #iononrischio2021Sulmona

Pratola Peligna in Piazza Madonna della Libera e nella piazza digitale #iononrischioPratolaPeligna

Castel di Sangro Piazza Patini #iononrischioCasteldiSangro

Cepagatti in Piazza Schumann e nella piazza digitale #iononrischioCepagatti

Pineto nella piazza digitale #iononrischioPineto

Giulianova nella piazza digitale #iononrischio2021Giulianova

Alanno nella piazza digitale #iononrischio2021Alanno

Carsoli nella piazza digitale #iononrischio2021Carsoli

Campli nella piazza digitale #iononrischio2021Campli

Volontariato di protezione civile, Istituzioni e mondo della ricerca scientifica, tornano così in piazza per diffondere la conoscenza dei rischi naturali nel nostro Paese e delle buone pratiche di protezione civile. Volontarie e volontari saranno presenti negli spazi informativi “Io non rischio”, realizzati online e nei gazebo allestiti su gran parte del territorio nazionale, per diffondere la cultura della prevenzione e sensibilizzare i cittadini sul rischio sismico, sul rischio alluvione e sul maremoto.

Fondamentale per la Campagna – giunta quest’anno all’undicesima edizione – è il ruolo attivo dei cittadini che potranno informarsi e confrontarsi nelle oltre 500 piazze, tra fisiche e digitali dove, con l’ausilio di contenuti interattivi e dirette streaming sui social media, si forniranno spunti e approfondimenti sulle tematiche della Campagna. L’edizione di quest’anno, inoltre, si arricchisce di una nuova e importante iniziativa, un evento digitale nazionale organizzato dal Dipartimento della Protezione Civile.

La Campagna a livello nazionale coinvolge oltre 3000 volontarie e volontari appartenenti a circa 500 realtà associative, tra sezioni locali delle organizzazioni nazionali di volontariato, gruppi comunali e associazioni locali di tutte le regioni d’Italia.

“Io non rischio” – Campagna nata nel 2011 per sensibilizzare la popolazione sul rischio sismico – è promossa dal Dipartimento della Protezione Civile con Anpas-Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze, Ingv-Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Reluis-Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica, Ispra-Istituto superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, Ogs-Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale, AiPo-Agenzia Interregionale per il fiume Po, Arpa Emilia-Romagna, Autorità di Bacino del fiume Arno, CamiLab-Università della Calabria, Fondazione Cima, Irpi-Istituto di ricerca per la Protezione idro-geologica, Regioni, Province Autonome e Comuni.

Sul sito ufficiale della Campagna, iononrischio.protezionecivile.it e sui profili social dedicati (canali Facebook, Twitter e Instagram) è possibile reperire informazioni, aggiornamenti e consultare i materiali informativi su cosa sapere e cosa fare prima, durante e dopo un terremoto, un maremoto o un’alluvione.

Per informazioni sulla piazza: Sala Operativa Regionale di Protezione Civile: salaoperativa@regione.abruzzo.it

Continua a leggere

Abruzzo

Coronavirus Abruzzo, dati aggiornati al 22 ottobre: oggi 92 nuovi positivi e 60 guariti

Pubblicato

il

PESCARA – Sono 92 (di età compresa tra 1 e 97 anni) i nuovi casi positivi al Covid registrati oggi in Abruzzo, che portano il totale dall’inizio dell’emergenza a 82158.

Il bilancio dei pazienti deceduti registra 1 nuovo caso e sale a 2559 (si tratta di una 95enne della provincia dell’Aquila).

Nel numero dei casi positivi sono compresi anche 78240 dimessi/guariti (+60 rispetto a ieri).  

Gli attualmente positivi in Abruzzo (calcolati sottraendo al totale dei positivi, il numero dei dimessi/guariti e dei deceduti) sono 1359* (+31 rispetto a ieri). 

*(nel totale sono ricompresi anche 415 casi riguardanti pazienti persi al follow up dall’inizio dell’emergenza, sui quali sono in corso verifiche)

46 pazienti (-2 rispetto a ieri) sono ricoverati in ospedale in area medica; 5 (invariato rispetto a ieri) in terapia intensiva, mentre gli altri 1308 (+33 rispetto a ieri) sono in isolamento domiciliare con sorveglianza attiva da parte delle Asl. 

Nelle ultime 24 ore sono stati eseguiti 3021 tamponi molecolari (1464220 in totale dall’inizio dell’emergenza) e 9213 test antigenici (966042). 

Il tasso di positività, calcolato sulla somma tra tamponi molecolari e test antigenici del giorno, è pari a 0.75 per cento. 

Del totale dei casi positivi, 21027 sono residenti o domiciliati in provincia dell’Aquila (+45 rispetto a ieri), 20896 in provincia di Chieti (+14), 19738 in provincia di Pescara (+17), 19709 in provincia di Teramo (+18), 671 fuori regione (+1) e 117 (-3) per i quali sono in corso verifiche sulla provenienza. 

Lo comunica l’Assessorato regionale alla Sanità.

Continua a leggere

Abruzzo

Agricoltura, Abruzzo terzultimo e pericolo disimpegno per fondi PSR. Pepe: “A rischio 43 mln di euro”

Pubblicato

il

TERAMO – “Sono 43 i milioni di euro che l’Abruzzo rischia di dover restituire all’Europa se non verranno erogati entro fine anno e questo ci pone di nuovo sotto “pericolo disimpegno” con la perdita dei fondi europei destinati allo sviluppo rurale. Con il 49,46% di spesa complessiva sostenuta siamo infatti i terzultimi in Italia e il confronto con altre regioni “in transizione” è impietoso: il Molise è al 72,24% e la Sardegna al 71,44, solo per fare un paio di esempi, e tutto questo mentre la Giunta Regionale si accapiglia e litiga su questioni che, francamente, hanno ben poco interesse per i cittadini”. 

Questo è quanto afferma il Consigliere e Vice Capogruppo Regionale del Pd Dino Pepe a commento dell’avanzamento della spesa dei fondi del Programma di Sviluppo Rurale (PSR) destinati all’Abruzzo. “Dobbiamo ancora una volta constatare che ogni pezzo del mondo agricolo della nostra regione è in affanno per l’inadeguatezza di fondo dell’Assessore Imprudente e del presidente Marsilio” incalza Pepe. “Il PSR è solo la punta dell’iceberg, basti pensare ai problemi mai affrontati, in questi 30 mesi, come i danni causati dalla fauna selvatica, come anche gli aiuti mai arrivati ai produttori del latte e agli imprenditori degli altri comparti. Ultimo disastro in ordine cronologico è dato dal clamoroso flop dell’Abruzzo sui fondi del Recovery Plan destinati alle risorse idriche in agricoltura dove la nostra regione non ha prodotto alcun progetto capace di rispettare i criteri di ammissibilità con la conseguenza di non partecipare al riparto dei circa 2 miliardi di euro disponibili”. 

Tra le questioni mai affrontate – prosegue il Vice Capogruppo del Partito Democratico in Consiglio Regionale – quella legata all’organizzazione degli uffici regionali è forse la più emblematica: il Dipartimento Agricoltura ha una carenza di organico preoccupante! Sono 70, infatti, le unità di personale andate in pensione e mai sostituite. La Giunta Marsilio non ha mai predisposto un turnover e questo ha di fatto paralizzato ogni attività. Sono mesi che non vengono pubblicati nuovi avvisi: le istruttorie dei bandi scaduti stentano a partire o comunque hanno ritardi di anni e l’avanzamento della spesa, che poi è determinate per evitare il disimpegno dei fondi europei, è praticamente ferma. Si sottraggono poi risorse importanti agli agricoltori per pagare prestazioni come, ad esempio, l’assistenza tecnica e altre consulenze”. “E’ utile ricordare che, negli ultimi due anni, il disimpegno dei fondi del PSR è stato evitato solo grazie ed esclusivamente al lavoro della passata Giunta in quanto, nel 2018, siamo riusciti, attraverso una costante attività data da una programmazione ben definita, ad erogare oltre 15milioni di euro in più della spesa complessiva imposta all’Abruzzo dall’Europa, e questo ha determinato, a cascata, benefici oggettivi, per la Giunta Marsilio per gli anni 2019 e 2020. In sostanza il disimpegno è stato evitato grazie al lavoro svolto fino al dicembre 2018 per il quale ringrazio il Dipartimento Politiche Agricole della Regione. Il comparto agricolo – conclude Dino Pepe – è quello che più ha patito la superficialità e l’approssimazione con cui la destra sta governando la Regione, i prossimi mesi saranno fondamentali per la nostra economia, ma per agganciare la ripresa serve un cambio di passo, cosa, che al momento, non sembra interessare troppo Marsilio ed Impudente impegnati a difendere gli interessi dei loro partiti politici”.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Responsabile: Luigi Tommolini | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Martinsicuro (TE) via metauro 10/A, 64014 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€

Privacy Policy