fbpx
Connect with us

Focus

La ricostruzione dei paesi colpiti dal sisma è un fatto politico

Avatar

Published

il

Da Il Martino cartaceo n.18 del 17.9.2016

Una coesione che si riflette o che viene colta anche dal panorama politico, in grado di sancire una sorta di tregua in nome dell’unità e della solidarietà. Le forze politiche hanno saputo smorzare le polemiche e ammorbidire gli scontri verbali.

Il governo ha subito dichiarato che non sarà preso in considerazione il modello aquilano, per quanto riguarda la risposta all’emergenza e la ricostruzione, e su questo nessuno ha avuto nulla da obiettare. Difficile comunque essere di parere contrario.

Tuttavia era chiaro che l’incantesimo non potesse durare in eterno e  che le forze politiche tenessero ben affilate le armi in vista della prima divisione puntualmente manifestata alla prima decisione di rilievo avvenuta con la nomina di Vasco Errani a Commissario per la ricostruzione.

L’ex governatore della regione Emilia Romagna, navigato esponente democratico, ha dovuto rassegnare le dimissioni dal precedente incarico come conseguenza della vicenda “Terre Emerse”. Un’inchiesta che l’ha visto coinvolto, e in un primo momento anche condannato, insieme al fratello in un presunto caso di concussione. Tuttavia dalla sentenza ne è uscito immacolato e può vantare di essere stato governatore di una regione anch’essa colpita da un drammatico evento sismico, il cui piano di ricostruzione è stato da molti indicato come modello di trasparenza e regolarità. In realtà alcune inchieste giornalistiche qualche dubbio in merito nel corso degli anni l’hanno sollevato, ma in generale si può affermare che l’Emilia resse bene il colpo.

La scelta presa dal Consiglio dei Ministri ha rotto il fragile equilibrio e ha sollevato diverse obiezioni da parte delle opposizioni. Le prime accuse sono state mosse dal fronte pentastellato, in primis Di Maio, secondo il quale il premier ha utilizzato la vicenda per ricucire le fila del proprio partito. Errani in effetti è stato a lungo governatore della regione rossa ed è maggiormente vicino al fronte minoritario del partito, pertanto c’è chi ha interpretato questa strategia come un modo per mediare col fronte interno.

Sempre dalle fila dei cinquestelle sono state lanciate accuse circa presunte infiltrazioni mafiose all’interno del processo di ricostruzione.

Anche la sponda destra dell’elettorato, Lega e Forza Italia, intendono la nomina come una questione tutta interna al Partito Democratico. Il partito azzurro, per bocca del senatore Gasparri, oltretutto critica la gestione dell’emergenza durante l’esperienza emiliana. Nel Carroccio ha fatto inoltre discutere la divergenza di opinioni riguardo la scelta. Il Governatore della Lombardia Maroni infatti aveva espresso parere favorevole alla nomina, mentre diversi esponenti l’avevano aspramente rigettata.

Errani ha comunque incassato l’appoggio del premier che ha descritto il neo commissario come uomo di grande capacità e ne ha difeso l’operato della precedente esperienza.

Errani, dal canto suo, ha mantenuto un atteggiamento prudente astenendosi dal pronunciare sensazionali proclami. Ha riconosciuto che sarà una ricostruzione lunga ma, ha dichiarato che sarà un processo trasparente, regolare  avendo cura di mantenere le identità dei paesi coinvolti. Ha inoltre affermato di voler operare in sintonia con la Protezione Civile e l’unità Anticorruzione.

Nel frattempo il ministro dell’Economia Padoan, ha firmato il decreto di sospensione delle tasse, per i paesi colpiti dal sisma, fino al prossimo dicembre.

Per quanto riguarda la ricostruzione, in Italia purtroppo manca una vera e propria  normativa specifica che indichi i principi da seguire a seguito di eventi tellurici. Pertanto, ogni volta che se ne verifica uno, si agisce in maniera differente con risultati diversi.

Durante l’evento che interessò L’Aquila, si sono levate molte critiche circa la decisione di finanziare le New Town, ma in molti approvarono la scelta di incominciare a ricostruire, in primis, le provincie per garantire un numero maggiore di nuclei abitativi, penalizzando la ricostruzione del centro storico. Durante l’esperienza emiliana invece, la scelta di agevolare le attività produttive e la puntualità dei finanziamenti stanziati, sono stati apprezzati ed elogiati da molti. Ovviamente, anche questa volta, sono da subito partite le inchieste giudiziarie e si è ribadito, con forza, quanto importante sia costruire e ristrutturare gli edifici in maniera consona e pulita, come pure  importante dovrebbe essere insistere sulla sicurezza del territorio. I paragoni tra le cifre ipotizzate e quelle riguardanti le ricostruzioni è sempre imbarazzante, tuttavia ogni volta questi discorsi rimangono inascoltati e ci si limita a monitorare la ricostruzione in corso in attesa del prossimo dramma.

 

 

Focus

Università e lavoro: il nuovo ddl dice addio all’esame di stato

Benedetta Mura

Published

il

L’Università cambia volto. Parola di Gaetano Manfredi. Il Ministro dell’Università e della Ricerca ha annunciato il varo di un nuovo disegno di legge da parte del Consiglio dei Ministri. Parliamo di un progetto legislativo che prevede di eliminare l’esame di stato per diverse categorie professionali. Odontoiatria e protesi dentaria, Farmacia e farmacia industriale, Medicina veterinaria e Psicologia sono i quattro corsi di laurea magistrale a ciclo unico che abiliteranno direttamente lo studente al termine della sua carriera universitaria, che così non dovrà più affrontare il fatidico e decisivo step dell’esame di stato successivamente al percorso di studi. Un cambiamento significativo all’interno della complessa macchina universitaria, volto a semplificare l’ingresso dei neo-laureati nel mondo del lavoro. Le previsioni fanno intendere che il tirocinio pratico-valutativo sia curriculare e quindi svolto all’interno del corso di laurea così da accorciare i tempi per l’abilitazione all’esercizio della professione. Ma non finisce qua perché la stessa soluzione è in agenda anche per tre nuove lauree professionalizzanti introdotte proprio quest’anno e che riguardano le figure di agrotecnico, perito agrario, perito industriale, geometra.

L’ex presidente Crui ha, inoltre, come secondo obiettivo quello di rendere abilitanti anche altre lauree per ruoli professionali come: tecnologo alimentare, dottore agronomo e dottore forestale, pianificatore paesaggista e conservatore, assistente sociale, attuario, biologo, chimico e geologo. Per questi esercizi l’eliminazione dell’esame di stato potrà essere possibile solo su richiesta dei consigli degli ordini o dei collegi professionali o delle relative federazioni nazionali, con uno o più regolamenti da adottare su proposta del Ministro dell’Università e della Ricerca, in accordo con il Ministro vigilante sull’ordine o sul collegio professionale competente.

Rilancio e modernizzazione del Paese. Sono queste le parole d’ordine, fondamenta del progetto normativo. Un passo necessario per venire incontro alle necessita della nuova generazione di lavoratori, dandogli migliori e più efficaci strumenti per entrare nell’universo lavorativo e costruirsi più agevolmente un futuro solido e indipendente. Manfredi usa l’espressione <<preparazione maggiormente integrata>> capace di permettere agli studenti di sfruttare al massimo la propria esperienza accademica sotto il profilo pratico con tirocini mirati alla completa professionalizzazione. Un aspetto, questo, sui cui il Ministro punta molto. Al tempo stesso si mostra fiducioso sulla possibilità che questo disegno da lui creato possa trasformarsi in legge a tutti gli effetti. <<L’esigenza di rinnovare i percorsi di abilitazione all’esercizio delle professioni è condivisa dalle diverse forze politiche presenti in Parlamento, che, a maggior ragione, mi auguro possano arricchire il progetto in fase di discussione nelle aule parlamentari e rendere più veloce l’iter che porterà il disegno di legge a diventare norma a tutti gli effetti>> – dichiara Manfredi.

Continua a leggere

Focus

Studio Caritas: aumenta la povertà, + 45%

Benedetta Mura

Published

il

Il virus impazza e la crisi economica non si arresta. Due aspetti strettamente correlati tra loro secondo il rapporto 2020 della Caritas Italiana, pubblicato oggi, 17 ottobre, in occasione della Giornata mondiale di contrasto alla povertà. Secondo lo studio statistico i “nuovi poveri” sono passati dal +31% di maggio-settembre 2019 a +45% del 2020. Un incremento notevole che fotografa una situazione critica in netto peggioramento. L’avvento della pandemia è stata la spada di Damocle nei confronti dei ceti più deboli. La crisi sanitaria si è ripercossa sulla crisi economica e sulle spese quotidiane dei cittadini come un fulmine a ciel sereno, capovolgendo le carte in tavola. Tutto ciò pesa di più, soprattutto, sulle tasche di famiglie con minori, donne, giovani, nuclei di italiani che risultano in maggioranza, persone in età lavorativa. Il paragone con la crisi mondiale del 2008 è immediato e spontaneo. Le cifre sono mutate da allora e in negativo. I cosiddetti “nuovi poveri” stimati nel 2019 sono oltre il doppio rispetto a quelli calcolati nel 2007, anno precedente al burrascoso crollo di Wall Street. Secondo l’identikit statistico sono soprattutto le donne a recarsi presso i centri di ascolto Caritas, per il 54,4% dei casi. Ma non finisce qua, perché il 22,7% delle persone sono giovani con età compresa tra i 18 e i 34 anni. In aumento anche la percentuale di cittadini italiani che ammonta a 52% rispetto al 47,9% dello scorso anno.

Questi dati spaventano e non poco. Anche la Coldiretti dà man forte a quanto rivelato dal rapporto Caritas. Nel 2020 sono 1 milione in più, rispetto all’anno precedente, le persone che versano in uno stato critico di povertà. Nel 2019 si contavano ben 1,7 milioni di famiglie e 4,9 milioni di individui in condizioni di povertà assoluta. A patire di più questa situazione sono le persone residenti nel Mezzogiorno. Il 20% degli indigenti si trova in Campania, il 14% in Calabria e, a seguire, l’11% in Sicilia. Registrano un peggioramento significativo anche Lazio e Lombardia, rispettivamente con percentuali pari a 10% e 9%. Lo scenario, dunque, è buio, con il PIL in picchiata e l’occupazione che nel secondo trimestre del 2020 ha registrato un calo di 841 mila occupati rispetto al 2019. Ciò, inoltre, è aggravato dalla crescita costante degli inattivi, ovvero individui che smettono di cercare lavoro.

In proposito alla grave condizione di miseria in cui versa una grossa fetta della popolazione e della giornata mondiale volta a contrastare questo status, il Ministro degli Esteri, Luigi di Maio ha espresso il proprio pensiero con un post su Facebook: <<Il 17 ottobre è la giornata internazionale per la lotta alla povertà. Durante queste settimane, girando per l’Italia, ho avuto modo di ascoltare molte storie di vita reale. Di chi ha davvero sofferto. In molti ci hanno ringraziato per aver introdotto il reddito di cittadinanza così come il reddito di emergenza durante il lockdown. Lasciatemi dire una cosa. Chi strumentalizza il reddito di cittadinanza in una fase così delicata per gli italiani ne fa solo una questione politica e mette in croce milioni di italiani che hanno sofferto davvero la fame. C’è gente che grazie a questa misura adesso è in grado di sfamare i propri figli: ha ritrovato un po’ di dignità. Ovviamente è migliorabile. Chi prende il reddito deve lavorare per il bene collettivo, ma dovrà dare anche sostegno alle piccole e medie imprese. E stiamo lavorando per questo. Il momento è particolare, lo stiamo vedendo tutti. Il virus non è scomparso e i contagi stanno aumentando. Vanno adeguati tutti gli strumenti messi in campo dal governo per dare ulteriore sostegno agli italiani, incluso il reddito. Ma se durante questa pandemia non avessimo avuto il reddito di cittadinanza ci saremmo ritrovati davanti a una rivolta sociale, perché la fame crea rabbia. E l’aiuto alle persone in difficoltà è un gesto di pace>>.

Continua a leggere

Focus

Economia: le aziende che hanno guadagnato nel lockdown

Benedetta Mura

Published

il

L’economia italiana paralizzata, stretta nella morsa del Covid. Molte sono le realtà commerciali, piccole e grandi, che hanno sofferto i mesi di lockdown pressoché totale del Paese. Tuttavia ci sono particolari settori che dalla quarantena forzata ne hanno tratto vantaggio, aumentando ulteriormente la propria produttività. Parliamo, nello specifico, di due colossi della finanza mondiale: Amazon e Netflix. Due aziende che hanno “fatto il botto”. Mentre gli italiani erano costretti a stare a casa per salvaguardare la salute e prevenire un ulteriore aumento dei contagi, le aziende online hanno giovato di un importante aumento delle entrate. Un rialzo del 28% per Amazon e del 32% per Netflix, rispetto a inizio anno. Il gigante di Seattle così si impone sempre più sul mercato globale, facendo da padrone, con una capitalizzazione di 1.185 miliardi di dollari. Numeri da spavento che fanno comprendere le dimensioni dello strapotere della società di Jeff Bezos. Con cinema e negozi chiusi e gli italiani bloccati tra le mura di casa, l’acquisto online di prodotti di ogni genere si è radicato nella quotidianità di ognuno di noi, più di quanto non fosse già prima. L’e-commerce che anni fa aveva rivoluzionato il nostro modo di concepire lo shopping, da quest’anno è al centro di un’altra nuova rivoluzione. Con un’impennata degli acquisti di alimenti, prodotti igienizzanti, attrezzature sportive, pc e una crisi nera nel fatturato di hotel, aziende di voli e viaggi.

Ma parlando di realtà aziendali italiane, secondo i dati Istat, sono 2,2 milioni le imprese che hanno dovuto chiudere i battenti con l’incombere della pandemia. Sono state sospese le attività e mandati a casa 7 milioni e mezzo di addetti. A rimanere aperte sono state 2,3 milioni di aziende (il 51% del totale) che hanno dato impiego a circa 16.000.000 di lavoratori, durante il lockdown. Il comparto alimentare è uno di quelli che ha fatturato di più con un aumento sulle vendite del 9,4%. Basti pensare che l’effetto domino delle “scorte alimentari”, impazzato agli albori della pandemia, ha permesso un aumento di spesa pari a +750 milioni di euro. Registra uno sviluppo positivo anche il settore dei prodotti farmaceutici (+4%) e delle telecomunicazioni (+8%). Le imprese specializzate in questo tipo di produzione hanno potuto sorridere. La necessità di rimanere a casa ha di conseguenza richiesto più cibo, più connessione a internet e una maggiore attenzione alla cura della salute personale. Quindi sebbene l’economia nazionale ed internazionale sia generalmente in forte crisi, da molti definita senza precedenti, con il Pil italiano che scende in picchiata, ci sono comparti produttivi che anziché fermarsi hanno acceso i motori e ingranato la quinta.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Responsabile: Luigi Tommolini