fbpx
Connect with us

Pesaro-Urbino

Pergola, tormenta i famigliari e se la prende con le tombe dei parenti defunti a causa dell’eredità: arrestato.

Published

on

PESARO – Un uomo residente a Pergola di 66 anni, è stato arrestato dopo aver a lungo e ripetutamente tormentato la propria famiglia. La causa scatenante, una questione ereditaria.

Dal momento che l’abitazione in cui abita è passata prima alla matrigna e successivamente alla nipote, l’uomo, persuaso di essere vittima di un complotto, a partire da febbraio ha inviato svariate lettere minatorie sia ai propri parenti che al notaio che ha curato i dettagli della successione. Queste non sono state sufficienti a sfogare la sua frustrazione, tanto che è arrivato a danneggiare alcuni loculi famigliari, ricoprendo le tombe con offese ed insulti pitturate sulle lapidi.

Tutto questo lo ha condotto a collezionare quattro denunce nell’arco di un semestre, per stalking, minacce, tentata estorsione e delitti contro la pietà dei defunti, a causa delle quali non poteva più avvicinarsi né comunicare con i parenti. Tuttavia non ha saputo adeguarsi alle ordinanze cui era stato sottoposto ed ha inviato una nuova lettere minatoria alle due donne, premonendo loro una serie di sventure in concomitanza con le feste natalizie. Sono state quindi informate per l’ennesima volta le forze dell’ordine e i carabinieri hanno arrestato l’uomo, che si trova ora in carcere a Pesaro.

Ancona

Due morti e un ferito in un incidente sull’A14 tra Fano e Marotta

Published

on

ANCONA – Due persone sono morte e una terza è rimasta gravemente ferita in un incidente avvenuto ieri mattina lungo l’autostrada A14 Bologna-Taranto, nel tratto tra Fano e Marotta (Pesaro Urbino), direzione Ancona, all’altezza del km 184. Come riporta l’Ansa, i tre viaggiavano sulla stessa auto, una Y10, rimasta coinvolta nel sinistro con altre macchine.

Sul luogo i soccorsi sanitari e meccanici, i vigili del fuoco, la Polizia Stradale ed il personale della Direzione di Tronco di Pescara. All’interno del tratto interessato, il traffico transita su una corsia delle tre disponibili e si registrano 3 km di coda. II ferito è stato trasportato all’ospedale di Ancona.

Continue Reading

Ancona

Elezioni Amministrative Marche: sindaci e ballottaggi

Published

on

Elezioni comunali amministrative

ANCONA – Sono diversi i Comuni marchigiani che andranno al ballottaggio. Nei sette comuni superiori ai 15 mila abitanti, solo due candidati sono riusciti ad imporsi al primo turno nelle Marche alle Elezioni Amministrative 2022. A Fabriano Daniela Ghergo ha superato di poco la quota del 50+1 ed è stata eletta sindaco con il 50,51% dei voti. A Porto San Giorgio invece, Valerio Vesprini si è imposto con il 66,11% in quella che era già una corsa a due. Negli altri Comuni delle Marche i sindaci saranno eletti il prossimo 26 giugno, dopo i ballottaggi.

A Jesi si sfideranno Lorenzo Fiordelmondo e Matteo Marasca, a Porto Sant’Elpidio Alessio Pignotti e Gionata Calinari, che ha superato per una manciata di voti il candidato Fabiano Alessandrini, 30,54% contro 30,52%. A Tolentino la gara è tra Silvia Luconi e Mauro Scalvi, a Corridonia tra Giuliana a Giampaoli e Manuele Pierantoni, mentre a Civitanova Marche si concludono i ballottaggi con il duello tra Fabrizio Ciarapica e Mirella Paglialunga.

I comuni delle Marche inferiori ai 15 mila abitanti in cui si votava per le Elezioni Amministrative 2022 sono 10. Corinaldo, Offagna e Rosora in provincia di Ancona, dove sono stati eletti rispettivamente sindaci Gianni Aloisi, Ezio Capitani e Fausto Sassi. In provincia di Ascoli Piceno era chiamato a rinnovare l’amministrazione comunale solo il Comune di Acquaviva Picena, dove si è imposto Sante Infraccioli. Stesso discorso Pedaso in provincia di Fermo, dove è stato eletto sindaco Vincenzo Berdini.  In provincia di Macerata  si è votato a Camerino, dove è stato eletto Roberto Lucarelli, e a Valfornace, in cui è stato eletto Massimo Citracca. Andrea Spagna è stato eletto primo cittadino di Frontino, Stefano Pompei a Tavoleto e Antonio Sebastianelli a Terre Roveresche, nella provincia di Pesaro-Urbino.

L’affluenza si è fermata al 55,15%, oltre quattro punti percentuali in meno rispetto alle Eelezioni del 2017, quando si attestò sul 59,67%. Per i dettagli sui risultati elettorali, vi rimandiamo al sito Eligendo, a cura del DAIT – Ministero dell’Interno.

Continue Reading

Marche

Marche, è morto Fabio Ridolfi dopo aver avviato la sedazione profonda

Published

on

FERMIGNANO – E’ morto Fabio Ridolfi, il 46enne di Fermignano (Pesaro-Urbino), che ha scelto la revoca del consenso alla nutrizione e alla idratazione artificiali. “Nel pomeriggio era stata avviata la sedazione profonda”. Lo rende noto l’Associazione Coscioni.

Come riporta l’Ansa, Fabio Ridolfi, 46enne di Fermignano, immobilizzato da 18 anni a letto a causa di una tetraparesi, stava tentando con l’assistenza legale dell’Associazione Luca Coscioni l’accesso al suicidio assistito, possibile in Italia per le persone nelle sue condizioni, come indicato dalla sentenza della Corte costituzionale Antoniani/ Cappato. “Dopo una lunghissima attesa, il 19 maggio scorso aveva ottenuto il via libera dal Comitato etico che aveva verificato la sussistenza dei requisiti ma non aveva indicato le modalità né il farmaco che Fabio avrebbe potuto autosomministrarsi”, ricorda l’associazione Luca Coscioni. Così nei giorni scorsi Fabio ha comunicato la sua scelta, “una scelta di ripiego”, di ricorrere alla soluzione che avrebbe potuto percorrere senza aspettare il parere mai ricevuto: la sedazione profonda e continua. “Fabio Ridolfi è morto senza soffrire, dopo ore di sedazione e non immediatamente come avrebbe voluto” dichiarano Filomena Gallo e Marco Cappato dell’Associazione Luca Coscioni.

Come ricorda l’Ansa, da quattro mesi aveva chiesto l’aiuto medico al suicidio, rientrando nelle condizioni previste dalla Corte costituzionale, “ma una serie di incredibili ritardi e di boicottaggi da parte del Servizio sanitario l’hanno portato a scegliere la sedazione profonda e la sospensione dei trattamenti di sostegno vitale in corso”. L’associazione Coscioni si unisce “innanzitutto al dolore della famiglia di Fabio. Da domani continueremo a batterci affinché non si ripetano simili ostruzionismi e violazione della volontà dei malati. Continueremo in ogni caso a fornire aiuto diretto alle persone che si rivolgeranno a noi per far valere il loro diritto di decidere sulla propria vita”.

Continue Reading

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore vicario: Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Alba Adriatica (TE) via Vibrata snc, 64011 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.