Terremoto, via libera del Cdm al decreto: ricostruzione semplice e aiuti diretti

Roma. Via libera del Consiglio dei ministri al decreto legge in favore delle popolazioni del centro Italia colpite dai terremoti del 2016 e del gennaio 2017. Si tratta del terzo provvedimento legislativo in materia varato dal Governo, dopo quelli seguiti alle scosse di agosto e novembre dell’anno scorso.

“Credo che l’Italia non dimenticherà questo colpo, che è stato inferto ad una parte così rilevante del nostro territorio. L’Italia deve reagire con decisione, con un’obiettivo che è quello di mettere in campo tutte le norme e le iniziative necessarie per accelerare i percorsi di ricostruzione ed emergenza”, ha detto il premier Paolo Gentiloni al termine del Consiglio dei Ministri.

“Apprendo con grande soddisfazione che il Consiglio dei Ministri ha approvato il decreto sul terremoto e l’emergenza maltempo, recependo la quasi totalità delle nostre richieste”. È quanto scrive il governatore d’Abruzzo, Luciano D’Alfonso, in una nota.

“Tra le varie misure – spiega D’Alfonso – vi sono la semplificazione procedurale della ricostruzione, in particolare per quello che riguarda le scuole; il sostegno alle persone fisiche e agli oneri di vita delle imprese, compresi quelli fiscali; 35 milioni di aiuti diretti per il mancato reddito delle imprese di allevamento, da erogare entro febbraio, l’estensione del fondo di solidarietà alle colture assicurabili (oltre a quelle assicurate), agevolazioni per l’accesso al credito per i giovani agricoltori e ulteriori semplificazioni per accelerare l’acquisto delle stalle mobili e dei moduli abitativi da parte delle Regioni”.