fbpx
Connect with us

Abruzzo

Elezioni Martinsicuro, Tommolini: “Chi urla al tradimento si faccia un esame di coscienza”

Pubblicato

il

Martinsicuro. Con un comunicato stampa, Alduino Tommolini prende posizione in merito alla vicenda della campagna mediatica diffamatoria che nelle ultime ore si è condotta nei suoi confronti e del Gruppo MartinRosa, dopo la decisione di appoggiare il candidato sindaco Massimo Vagnoni:

“E’ con vera sorpresa che ho assistito, con la pazienza, la riflessività, la moderazione e la tolleranza che da sempre caratterizzano il mio modo di essere, a questa campagna mediatica fatta esclusivamente di attacchi di carattere personale, di vergognose illazioni in merito a ipotesi di spartizioni di poltrone, tradimenti, prese in giro, infamie, ecc. ecc.

La mia storia personale parla per me, una storia fatta di duro Lavoro quotidiano all’insegna dell’onestà e della correttezza e del guadagnarsi ogni giorno con il proprio sudore il necessario per vivere, senza mai approfittarsi del prossimo e senza mai discriminare nessuno per le proprie idee o per le proprie opinioni; una storia di fatti e di obiettivi raggiunti con la necessaria programmazione e circondandosi delle persone giuste, dei giusti compagni di viaggio, animati da quel necessario spirito di collaborazione e di tolleranza verso gli altri, senza i quali nessun obiettivo è concretamente raggiungibile.

Questa mia regola di vita ho sempre pensato debba essere portata anche e soprattutto nell’amministrazione della nostra Città e questo desiderio ha animato la nascita del Forum, un’esperienza fatta di quella Democrazia Partecipata che da sempre ho portato avanti nella mia storia politica e prova ne siano i Consigli Comunali aperti che abbiamo richiesto e ottenuto con il Gruppo MartinRosa tra i banchi dell’opposizione, consigli nei quali la gente, i cittadini hanno avuto la possibilità di dire la loro come protagonisti e non come ascoltatori.

Il mio impegno personale e quello del gruppo MartinRosa è stato massimo nel portare avanti l’esperienza del Forum, ma quello che non si dice o che non fa comodo dire, è che dietro a tutto questo ci sono state riunioni di carattere organizzativo in cui mi sono dovuto prodigare per fronteggiare la costante e ripetuta intransigenza, presunzione e litigiosità di certe persone, che più che costruire la concordia all’interno del gruppo di lavoro, contribuivano a creare malumori, contrasti, ostacolo all’andare avanti, con il loro modo di fare e di porsi nei confronti degli altri. Ho più volte richiamato all’ordine certi tipi di comportamenti, con la pazienza e la tolleranza che mi contraddistinguono, ma inutilmente.

Per lavorare insieme bisogna prima di tutto imparare ad avere tolleranza e rispetto di chi non la pensa come te e non dire frasi del tipo, se non è come dico io, me ne vado. Per tante troppe volte mi sono sentito ripetere frasi di questo genere. E malgrado i miei appelli a non comportarsi in questo modo, c’è chi ha continuato sistematicamente a farlo.

La prima vittima di tutto questo stato di cose è stato l’amico Concetto di Francesco, che non tollerando più certi tipi di comportamenti si è allontanato dal gruppo del Forum, amico al quale ho espresso la mia solidarietà.

Mi domando: come si poteva pensare di amministrare la nostra Città con una situazione del genere? Quello che vedevo di fronte a me, sarebbe poi stato lo scenario che mi sarei trovato di fronte nel caso fossi stato ad amministrare la mia Città?

E mi sono detto: la mia Città non si merita questo e io non ho niente a che vedere con questa gente, non fa parte del mio modo di essere, del mio modo di affrontare i problemi; è troppo comodo dire di fronte alle prime divergenze, me ne vado.

Cosa avremmo dovuto regalare alla nostra Città, un gruppo di persone che litigano e si dividono sulle questioni più banali?

Questi sono i fatti, il resto sono solo chiacchiere e diffamazione dell’onorabilità della persona, onorabilità che ho sempre dimostrato sul campo in una vita di Lavoro.

Oggi chi urla al tradimento, all’opportunismo, alla spartizione di poltrone, dovrebbe farsi un sincero esame di coscienza e chiedersi come si possa pretendere di lavorare in gruppo e amministrare una città con quegli atteggiamenti di cui dicevo, e domandare a se stesso se non sia lui il vero traditore della mia fiducia e del mio impegno a mantenere la concordia e la pace all’interno del gruppo di lavoro, un impegno puntualmente mortificato da certi atteggiamenti inutilmente litigiosi.

Questo stato di cose, segnalatomi da tante persone che mi circondano, mi ha spinto giustamente a prendere le distanze da questa situazione; null’altro, nessuna poltrona, ma solo il desiderio di mettere le mie competenze e quelle del Gruppo MartinRosa a disposizione della Città.

Su una cosa mi sento di fare ammenda e domandare scusa ai miei concittadini: sul fatto di non essere riuscito a far comprendere a certe persone quanto sia importante essere tolleranti quando si sta insieme in un gruppo.

L’esperienza della Democrazia Partecipata va avanti, siamo in campo oggi più che mai!

Questa settimana nascerà il “MartinRosa Meeting” e i cittadini continueranno ad essere i protagonisti.

Tanto mi sentivo di dire alla Cittadinanza. Un abbraccio. Alduino Tommolini”.

Teramo

Secondo appuntamento con Historia Magistra Vitae 2024 a Martinsicuro

Pubblicato

il

seconda serata historia magistra vitae 2024

Nella serata di domani secondo appuntamento con “Historia Magistra Vitae museo da vivere 2024” a Martinsicuro, dedicato alla tradizione del “Cummar a Fiur” ed all’ascolto di scritti e poesie della tradizione dialettale abruzzese.

TERAMO – Dopo il successo dell‘evento inaugurale, con l’inaugurazione della pala d’altare donato alla comunità di Martinsicuro dal pittore Leonardo Carapucci, che ha riscosso un’ampia ed entusiasta partecipazione, domani sera, domenica 23 giugno, torna “Historia Magistra Vitae Muso da Vivere 2024”, con la seconda serata.

Il presidente del Consiglio comunale Umberto Tassoni insieme al pittore Leonardo Carapucci

Alle ore 18:00 presso il Museo delle Armi Antiche a Martinsicuro si svolgerà il secondo appuntamento della rassegna di Eventi organizzati dall’Associazione omonima per ricordare la figura del suo Fondatore Nino Torquati.

Nello spazio all’aperto antistante il Museo, dopo i saluti del Sindaco Massimo Vagnoni, la maestra Valentina Cicconi racconterà il rito antico delle “Cummar a Fiur”, ovvero come suggellare un’amicizia importante tra persone che si scelgono liberamente anche senza vincoli di parentela. Il pubblico sarà invitato ad interagire scambiandosi i mazzolini di fiori ed altri piccoli omaggi che sugellano il legame speciale. Saranno messi a disposizione del pubblico dei fiori freschi per comporre il ben noto “ ramajett….” da scambiare.

Poi Gabriele Ruggieri, noto autore in vernacolo teramano e depositario della tradizione dialettale abruzzese, reciterà scritti di Giuseppe Savini e poesie in vernacolo di sua composizione, accompagnato dalla musica di Du’ Bott suonata dai giovanissimi Vincenzo Aleandri, Manuel Mazza e Jan Galiffa.
Cornice dell’evento, l’esposizione le opere della pittrice Loredana Tosi in un originale percorso nel giardino del Museo.

E’ gradita la prenotazione al 3356627564.

seconda serata historia magistra vitae 2024 locandina

Continue Reading

Teramo

Riapertura ufficio anagrafe a Villa Rosa e ripristino di Fonte Armata: centinaia le firme raccolte

Pubblicato

il

circolo pd martinsicuro piazza cavour

L’iniziativa è stata portata avanti dai volontari del circolo dem truentino Fabio Foglia e Pacifico Amatucci. Le firme raccolte per la riapertura dell’Ufficio Anagrafe di Villa Rosa ed il ripristino di Fonte Armata saranno ora sottoposte all’amministrazione comunale di Martinsicuro.

TERAMO – «E’ stato un lavoro ben Fatto!». Il Partito Democratico di Martinsicuro è soddisfatto della raccolta firme attuata dai propri volontari, in particolare Fabio Foglia e Pacifico Amatucci, per chiedere riapertura dell’Ufficio Anagrafe di Villa Rosa e del ripristino della storica “Fonte Armata”.

«Le firme firme raccolte sono state diverse centinaia – si legge in una nota dei dem – ed è stato il sintomo di un problema molto sentito, a cui il Circolo PD ha voluto dare voce, e la dimostrazione di un grande successo visto il considerevole numero di firme raccolte».

Adesso le firme saranno portate in Comune per «portare a conoscenza dell’Amministrazione Comunale la volontà di tanti cittadini di Villa Rosa». La nota dei dem conclude: «Un’Amministrazione dovrebbe essere più attenta alle necessità dei propri cittadini, avendo come scopo anche quello di produrre servizi più efficienti e la cura attenta del proprio territorio».

Continue Reading

Abruzzo

Ponte ciclopedonale sul Tronto: affidati i lavori, realizzazione prevista entro il 2025

Pubblicato

il

affidati i lavori per il ponte ciclopedonale sul tronto

Il tanto atteso ponte ciclopedonale sul fiume Tronto, tra i comuni di Martinsicuro e San Benedetto del Tronto, sembra finalmente in procinto di realizzazione: i lavori sono stati ufficialmente affidati. Ad annunciarlo l’assessore Francesco Baldelli di Regione Marche, l’assessore Umberto D’Annuntiis di Regione Abruzzo ed i sindaci di San Benedetto del Tronto e Martinsicuro Antonio Spazzafumo e Massimo Vagnoni.

TERAMO – I lavori sono stati ufficialmente affidati ed il ponte ciclopedonale sul fiume Tronto sorgerà, salvo imprevisti, entro l’estata dell’anno prossimo, in una data compresa tra luglio ed agosto 2025.

L’annuncio è stato dato sulla sponda sambenedettese, nel punto in cui il ponte poggerà, nell’area della Riserva Naturale Sentina. Presenti all’annuncio l’assessore Francesco Baldelli di Regione Marche, l’assessore Umberto D’Annuntiis di Regione Abruzzo ed i sindaci di San Benedetto del Tronto e Martinsicuro Antonio Spazzafumo e Massimo Vagnoni.

«La consegna dei lavori di realizzazione del ponte ciclopedonale sul fiume Tronto rappresenta un tassello fondamentale per sbloccare il futuro della Ciclovia Adriatica. Un’infrastruttura che rappresenta, al contempo, una fondamentale opportunità turistica ed una risorsa di mobilità dolce per le nostre città della costa» ha affermato l’assessore regionale D’Annuntiis.

«Orgogliosi di aver contribuito al raggiungimento di questo importante obiettivo per la nostra comunità. Una bellissima notizia per la nostra comunità. Non più solo un Fiume che divide ma un ponte che unisce» le parole del primo cittadino truentino Vagnoni.

Il sindaco Antonio Spazzafumo ha commentato: «San Benedetto è in prima fila nel voler vedere realizzata questa opera, che tutti stiamo aspettando da molto tempo. Il ponte ciclopedonale è un simbolo di collegamento tra le due regioni, tra i nostri due Comuni, e un’infrastruttura la cui costruzione avrà effetti positivi sull’ambiente e sul turismo, migliorando la qualità della vita e potenziando la rete di mobilità dolce del comprensorio».

Continue Reading

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore: Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Martinsicuro, Via Gabriele D'annunzio 37, Cap 64014 - Sede Operativa: Alba Adriatica (TE) via Vibrata snc, 64011 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.