fbpx
Connect with us

Abruzzo

Talami di Orsogna: dalla tradizione del dramma sacro, un spettacolo teatrale per le vie della città

Published

on

ORSOGNA – Come ogni anno nel secondo giorno di Pasqua, il Martedì dell’Angelo, la città di Orsogna si prepara a festeggiare la Festa della Madonna del Rifugio, più comunemente conosciuta come “Festa dei Talami”.

La manifestazione dei Talami,  divenuta Patrimonio d’Italia per la Tradizione nel 2011, ha origini antichissime collocabili in epoca medioevale, agli albori della cristianità. In quel periodo, era forte il bisogno da parte dei fedeli di incarnare le sacre scritture tramite rappresentazioni sceniche. Inizialmente molto rozze e semplici, divennero man mano sempre più sofisticate fino a dare vita ad un primitivo teatro cristiano.

La sacra rappresentazione dei Talami, grandi quadri biblici viventi, costituisce un vivido esempio di dramma sacro medievale, che si è evoluto nel tempo divenendo un vero e proprio spettacolo teatrale per le vie dell’intero paese.

Il Talamo originario venne rappresentato in onore della leggendaria apparizione della Madonna del Rifugio o Madonna Nera, comparsa ad alcuni contadini nei pressi dell’attuale Belvedere di Orsogna. L’affresco dell’apparizione, realizzato sull’abside della Chiesa del Rifugio, raffigura la Vergine in azione protettiva nei confronti di alcuni paesani. Intorno all’effige, considerata miracolosa, ogni anno all’alba del Martedì di Pasqua, i fedeli attendevano in veglia il miracolo della Madonna. In un anno imprecisato, durante la veglia, l’affresco divenne animato: fanciulli e fanciulle, in posa ed immobili, riprodussero il quadro in tutte le sue sfaccettature. Nacque così il primo Talamo.

Da quel giorno l’evento iniziò a ripetersi ogni Martedì di Pasqua e la festa della Madonna del Rifugio prese così il nome di “Martedì dei Talami”. Di anno in anno, l’iniziativa coinvolse sempre più pubblico, a tal punto che la rappresentazione dovette uscire dalla Chiesa, troppo piccola e spostarsi nella piazzetta antistante. Con la crescita del paese, ognuno dei sei rioni iniziò a realizzare il proprio talamo: il palco, eretto in ogni quartiere, era costituito da una tavola orizzontale di legno sulla quale il racconto prendeva forma.

Lamentando un distacco dal luogo di devozione originario, si decise successivamente di condurre a spalla i Talami dai sei quartieri fino al Santuario della Madonna del Rifugio, loro luogo natio. I Talami erano realizzati su una sorta di barelle in legno, portate a spalla da uomini valorosi, con una parete frontale al centro della quale, in alto, era posta una raggiera di legno. Al di sotto della raggiera, vi era una mensolina su cui poggiava in piedi, assicurata mediante legatura alla cintola, una bimba dai dieci agli undici anni raffigurante la Madonna e sotto due bimbetti raffiguranti gli angioletti.

Nel 1959, con l’avvento dei veicoli a motore, gli uomini che portavano i Talami cedettero il passo a camionette a motore e gli angioletti ai piedi della Madonnina scomparvero.

Quest’anno, per la prima volta Orsogna ha aperto le sue antiche porte ad artisti nazionali ed internazionali per la realizzazione dei Talami, tramite un concorso bandito dal comune: “Un bozzetto per i Talami”. I partecipanti hanno potuto inviare progetti di realizzazione di un Talamo in bozza ed i vincitori vedranno realizzata la propria idea. I finanziamenti per la realizzazione dei quadri sono stati ricavati anche dall’iniziativa “Adotta un Talamo”, grazie alla quale gruppi di concittadini all’estero hanno potuto contribuire finanziariamente all’evento.

L'Aquila

Roseto, arrestati due minorenni per spaccio, avevano hashish e cocaina

Published

on

cc carabinieri 112 volante

Notati da una pattuglia, hanno cercato di nascondersi, ma non sono passati inosservati ai carabinieri. Sono stati così arrestati per spaccio a Roseto due ragazzi minorenni che avevano un ingente quantitativo di sostanze stupefacenti.

Lo stupefacente sequestrato dai carabinieri

TERAMO – I carabinieri stavano perlustrando il lungomare, per prevenire eventuali tentativi di furto negli stabilimenti balneari chiusi, quando hanno notato due sagome nel retro di un locale che, alla vista della pattuglia, hanno cercato di nascondersi. Si tratta di due minorenni sorpresi in possesso di un ingente quantitativo di sostanze stupefacenti, che sono stati arrestati per spaccio a Roseto degli Abruzzi.

Il loro tentativo di passare inosservati non è sfuggito ai carabinieri che li hanno fermati e perquisiti. I due ragazzi avevano 75 dosi di hashish, complessivamente circa 50 grammi, oltre a 2 grammi di cocaina suddivise in 3 dosi. I due ragazzi avevano anche due bilancini di precisione. Tutto lo stupefacente è stato sequestrato, mentre i due giovani sono stati arrestati per detenzione ai fini di spaccio e sono stati accompagnati al Centro Prima Accoglienza de L’Aquila, in attesa dell’udienza di convalida.

I carabinieri sono al lavoro ora per capire chi possa aver ceduto ai due minorenni arrestati per spaccio a Roseto le sostanze stupefacenti e a chi fossero destinate. Le indagini sono dirette dalla Procura presso il Tribunale dei Minorenni de L’Aquila.

Continue Reading

Abruzzo

Aborto in Abruzzo: utilizzo Ru486 raddoppiato nel 2021. Obiettori tra 75 e 90%

Published

on

PESCARA – Impennata di Ru486 nel 2021 in Abruzzo. Nel 2019 l’utilizzo del farmaco per l’interruzione di gravidanza aveva visto 196 utilizzatori che nel 2020 erano saliti a 214. Lo scorso anno sono stati invece 527 i casi in cui le donne ne hanno fatto ricorso. Un aumento di ben oltre il 100%, soprattutto nella provincia di Teramo.

Stabili invece le interruzioni di gravidanza, che si attestano a 1300 circa l’anno. Come riporta l’Ansa, con una nota del 2021 la Regione Abruzzo aveva raccomandato la somministrazione della Ru486 in ambito ospedaliero e non consultoriale, a maggior tutela delle pazienti in caso di effetti avversi che nei consultori potrebbero non essere trattati adeguatamente.

Per quanto riguarda gli obiettori di coscienza nella Asl di Pescara sono oltre 90 per cento mentre per le interruzioni di gravidanza c’è un’unità operativa specificamente dedicata alle Ivg a Penne. A Teramo gli obiettori arrivano all’80%, e le interruzioni si fanno all’ospedale di Teramo; a Chieti obiettori oltre il 90%. Le interruzioni si fanno all’ospedale Lanciano. Per L’Aquila le interruzioni si effettuano all’Aquila e Avezzano. La media degli obiettori nella Asl è del 75 per cento.

Continue Reading

Abruzzo

Abruzzo: “Siamo tutti Protezione civile”, prevedere per prevenire

Published

on

L’AQUILA – Venerdì 30 settembre dalle 16:00 alle 23:30, all’Aquila (Piazza Duomo) si rinnoverà l’evento “SHARPER – LA NOTTE DEI RICERCATORI” promosso e organizzato dai Laboratori Nazionali del Gran Sasso con la collaborazione del Comune dell’Aquila, del Gran Sasso Science Institute e della Regione Abruzzo.

Oltre ad offrire un programma vario e multidisciplinare, quest’anno l’evento sarà ancora più ricco grazie alla partecipazione dell’Agenzia Regionale di Protezione Civile che metterà in campo professionalità e mezzi della protezione civile regionale a testimoniare l’impegno in favore della prevenzione e della sicurezza.

“La protezione civile è un sistema di persone, professionalità, mezzi e conoscenze che possono fare la differenza quando si è esposti ad un rischio ambientale” ha detto Mauro Casinghini, direttore dell’Agenzia di PC”. “Le decisioni in fase di emergenza devono essere prese in tempi rapidi”, ha aggiunto, “ma per costruire la consapevolezza del rischio c’è bisogno di studio e di collaborazione tra le istituzioni e il cittadino” “Tutti abbiamo un ruolo importante per proteggerci e per proteggere gli altri e quella di SHARPER rappresenta un’occasione importantissima per sensibilizzare e diffondere la cultura della prevenzione e delle buon pratiche, a cominciare dai più piccoli che potranno giocare e sperimentare insieme agli operatori di protezione civile”. 

Continue Reading

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore vicario: Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Alba Adriatica (TE) via Vibrata snc, 64011 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.