fbpx
Connect with us

Ristrutturazioni & Design

Dietro le quinte: Il lavoro in cantiere tra imprevisti e gradi soddisfazioni

Pubblicato

il

Il lavoro in cantiere non è per nulla semplice. Gli imprevisti e i momenti difficili non possono però fermare l’opera dell’architetto. Dall’inizio dei lavori fino alla loro chiusura, il tecnico passerà molto tempo in cantiere. Il suo compito sarà quello di regalare spazi di qualità seguendo il progetto elaborato con il cliente.

Inizio dei lavori

Sin dal primo giorno, l’architetto direttore dei lavori, si recherà in cantiere e lo farà quasi tutti i giorni. L’inizio dei lavori è fondamentale, si imposta il cantiere con la ditta esecutrice. Si consegnano gli elaborati da seguire. Nella realtà spesso i disegni esecutivi possono essere modificati in base alle difficoltà che si incontreranno durante i lavori. Oppure potranno essere ridisegnati in modo più dettagliato per spiegare meglio una soluzione. Una volta avuto lo stato grezzo dell’ambiente l’architetto, potrà decidere dove intervenire per migliorare la qualità dello spazio in questione, con materiali o dettagli migliorativi. Si dovranno trovare soluzioni che risolvano i problemi, senza alterare il risultato finale. L’obiettivo che si dovrà tener sempre presente è quello di realizzare alla perfezione lo spazio immaginato e progettato facendolo diventare un ambiente reale.

Coordinare e documentare

La coordinazione di tutte le fasi lavorative e delle varie imprese è un aspetto fondamentale per la buona riuscita del progetto. L’architetto in questo caso, diventerà l’anello di congiunzione tra tutti i lavori e tra i vari ambiti disciplinari. Questo aspetto imporrà al tecnico, di avere sempre con se l’attrezzatura adeguata per poter rispondere prontamente a vari aspetti e alle varie complessità. Dovrà avere la possibilità di prendere appunti, misure, di poter verificare i documenti e il progetto.

I rapporti

Oltre agli altri compiti, l’architetto deve instaurare un ottimo rapporto con il committente e con l’impresa esecutrice. Deve sapere guidare il cliente verso la realizzazione del progetto attraverso scelte e decisioni. Questo compito non è semplice. Di solito ci si trova davanti ad un committente che è alla prima esperienza ( non si ristruttura tutti i giorni) e di conseguenza non sa quali imprevisti si potranno incontrare nel corso dei lavori. Bisogna mostrare la propria professionalità nel superare i problemi con soluzioni tecniche adatte al committente. Ogni cosa che accade in cantiere deve essere riferito al proprietario. Deve essere sempre aggiornato così da poter discutere e raggiungere la scelta più adatta.

L’altro rapporto che l’architetto deve instaurare è quello con l’impresa. Anche qui ci deve essere piena fiducia. L’impresa dovrà comunicare all’architetto le eventuali criticità che vengono fuori con il procedere dei lavori. L’impresa deve impostare il cantiere in modo organizzato organizzato e pulito.

Quando c’è organizzazione e c’è un buon rapporto tra architetto, committente e impresa, il cantiere può essere un’esperienza appagante e si potranno realizzare opere di alta qualità. Alle volte tutto ciò non è possibile perché si punta sullo scegliere un’impresa dal conto più basso. Il risvolto di questa medaglia è trovarsi davanti a lavoratori poco collaborativi e poco professionali. Con questo non voglio dire che si deve pagare un’esagerazione ma, pagare molto poco, è ancor peggio.

Quando il lavoro è complesso

Ci si può trovare davanti ad un lavoro davvero complesso e pieno di piccolissimi particolari. Quando accade ciò spesso, l’architetto è obbligato a trasferirsi in cantiere. Si ricaverà uno spazio con scrivania e disegni a portata di mano per poter fronteggiare e sviluppare soluzioni per ogni singolo dettaglio. Oltre all’attività di supervisionare il cantiere, continuerà la progettazione.

Fine lavori

E finalmente si giunge alla fine. L’architetto deve essere presente fino a questa fase finale. Coordinare gli ultimi ritocchi e i fornitori. Nulla può essere lasciato al caso. La cura dei dettagli farà proprio la differenza sulla qualità della realizzazione.

Affidatevi sempre a persone di fiducia. Fatevi guidare e ascoltate i consigli degli esperti. Dite la vostra e ponete, a chi di dovere, anche la più semplice delle domande. Nulla è stupido, nulla è scontato. Ogni dubbio che avete deve avere risposte. Vedrete che così i problemi si risolveranno e la vostra ristrutturazione sarà una bella esperienza e alla fine sarete soddisfatti dei lavori e della vostra nuova casa.

Economia e Territorio

Gli Amici della Terra: “Lotta al COVID riqualificando l’edilizia pubblica”

Pubblicato

il

ROMA – Gli Amici della Terra insieme ad Assoclima propongono di integrare i paragrafi “edilizia pubblica” e “ospedali” del Recovery Plan, in modo da aggiungere agli interventi integrati di prevenzione del rischio sismico e riqualificazione energetica, anche la messa in opera di sistemi di Ventilazione Meccanica Controllata che possono contribuire a ridurre drasticamente il rischio di contaminazione da COVID19 negli ambienti collettivi.

L’associazione invierà nei prossimi giorni un proprio contributo al Governo chiedendo che siano previste le risorse necessarie a questo essenziale intervento di prevenzione epidemiologica che presenta anche una serie di vantaggi collaterali dal punto di vista economico e ambientale.

Sono ormai molte le evidenze tecnico-scientifiche per cui il controllo ambientale indoor sia una delle soluzioni più efficaci e meno costose per fronteggiare la pandemia, e altri paesi come la Germania stanno già investendo in questo senso. Anche la stampa internazionale ha iniziato a comunicare i benefici di queste soluzioni, una recente pubblicazione del NY Times mostra con delle simulazioni visuali il drastico calo di diffusione del virus in un ambiente con ventilazione controllata: https://nyti.ms/3uRznRG

In più occasioni durante i mesi di pandemia gli Amici della Terra hanno portato all’attenzione il tema e proposto investimenti strutturali, che permetterebbero di prevenire la diffusione del virus, innalzerebbero in generale gli standard sanitari del parco immobiliare pubblico a partire da scuole ed ospedali, e svilupperebbero una filiera industriale italiana all’avanguardia che presenta tecnologie di assoluta eccellenza a livello mondiale, un esempio calzante di debito buono.

Anche su L’Astrolabio, la testata degli Amici della Terra, il prof. Angelo Spena dell’Università Tor Vergata ha di recente rilanciato al nuovo Governo la proposta di inserire questi interventi nel PNRR, sottolineandone i benefici sanitari, in termini di riaperture, ambientali e di moltiplicatori del nostro PIL: https://bit.ly/3kHieFy

Continua a leggere

Abruzzo

Il Cinema Ambra…a Milano (non a Martinsicuro)

Un nome che evoca grande passato

Pubblicato

il

Il Cinema Ambra…a Milano, non quello di Martinsicuro. Nella foto potete vedere le condizioni del cinema Ambra a Milano nella zona di Via Padova.

In questo link http://www.giusepperausa.it/cinema_padova_-_cinema_ambra.html potete leggere la storia.

Continua a leggere

Ristrutturazioni & Design

Decorare casa con 6 carte da parati di tendenza dallo stile vintage

Pensata per grandi o piccoli spazi, di carattere moderno o classico, a fantasia o neutra. Queste sono un rivestimento versatile con cui decorare le pareti di un ambiente domestico.

Pubblicato

il

carte da parti con tema geometrico

Le carte da parati , un classico tornato di moda nell’ambiente del design e dell’architettura. Pensata per grandi o piccoli spazi, di carattere moderno o classico, a fantasia o neutra. Queste sono un rivestimento versatile con cui decorare le pareti di un ambiente domestico, dal bagno alla camera da letto. Con le diverse caratteristiche e stampe, anche personalizzate, si può dare libero sfogo alla creatività e creare giochi di disegni nelle nostre case.

Quali scegliere? Sul mercato ne troviamo davvero di tantissimi tipi e per tutti i gusti ma oggi vi vorrei parlare di una carte da parati d’ ispirazione vintage. Un gioco di trame geometriche e non e colori anni ‘70.

1- LE FORME GEOMETRICHE

L’effetto geometrico può essere di due tipologie: nella prima foto vediamo un effetto geometrico non ripetitivo che, posato a tutta parete, da vita ad un intrigante gioco di forme basilari piacevole e non ipnotizzante. carta da parati forme geometriche stile industriale

 Murals Wallpaper

In questa seconda immagine il motivo è sempre geometrico ma viene ripetuto per tutta la stampa e quindi per tutta la parete. I colori, in ambedue le stampe, sono colori d’ispirazione industriale: toni del grigio accostati a colori tenui.                                                . 

carta da parati geometrica con disegno ripetitivo industriale retrò

Murals Wallpaper

2- MAPPE CARTOGRAFICHE

carta da parati con cartina vintageMurals Wallpaper

Per chi ama viaggiare e avere sempre sotto gli occhi le prossime mete da raggiungere, potrebbe essere interessante una carta che raffigura una mappa di una nazione o di tutto il mondo.

3- VIAGGI VINTAGE

Dedicato sempre a chi ama viaggiare, ci sono carte che raccolgono poster di paesi che magari hai già visitato o in cui ti piacerebbe andare.

carta da parati con poster di viaggi vintageMurals Wallpaper

4- EFFETTO FUMETTO

Grazie anche alla pop art a cui molte carte da parati si rifanno, ecco che tornano le immagini fumettistiche dai colori forti. Con contrasti decisi e linee nette.

carta da parati con effetto fumetto di brigitte bardotMurals Wallpaper

5- FLOREALE

Per i più romantici e classici, un tema che non va mai fuori moda. Ma anche i temi floreali possono essere molteplici e diversi. Dai fiori piccoli che si ripetono a intervalli regolari, ad un unico soggetto che campeggia su tutta la parete. Il tema floreale dai caratteri vintage, segue senza dubbio la prima impostazione, ossia la stessa immagini che si ripete più volte.

carta da parati floreale con rosa stile vintageMurals Wallpaper

6- PAESAGGI E NATURA

Per chi ama un effetto più naturalistico e poetico esistono le carte da parati che rappresentano paesaggi e scene immerse nella natura.

carta da parati stile vintage con natura junglacarta da parati con paesaggio di Parigi stile vintage

Murals Wallpaper

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Responsabile: Luigi Tommolini | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Martinsicuro (TE) via metauro 10/A, 64014 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€

Privacy Policy