fbpx
Connect with us

Fermo

Montegranaro, identificati i due responsabili dell’aggressione del 22 aprile

Published

on

MONTEGRANARO – Il 22 aprile scorso, presso il bar The Cave, due giovani, di origine magrebina, vennero aggrediti da altre due persone.

I carabinieri dopo aver visionato le immagini delle telecamere di videosorveglianza sono risaliti ai responsabili, che son stati identificati dalle vittime. Si tratta di due pregiudicati, di 27 e 32 anni, anch’essi di origine magrebina.

La notte in questione, per futili motivi, aggredirono e minacciarono i due ragazzi, armati anche di un coltello, prima di dileguarsi. Fortunatamente, l’assalto non ha comportato conseguenze molto gravi.

I due sono stati denunciati per concorso in minaccia, lesioni personali e possesso ingiustificato di oggetti atti ad offendere. Uno di loro è stato anche segnalato all’autorità giudiziaria per aver contravvenuto al foglio di via obbligatorio e per inosservanza del decreto di espulsione, emesso dal Questore di Ascoli.

Abruzzo

A14, stop cantieri Marche-Abruzzo: tutte le corsie disponibili

Published

on

ANCONA – Sull’autostrada A14 Bologna-Taranto, in particolare nel tratto marchigiano-abruzzese Pedaso-Val di Sangro, stamattina “le squadre della Direzione di Tronco di Pescara di Autostrade per l’Italia hanno completato le operazioni di rimozione dei cantieri di ammodernamento, come previsto dal cronoprogramma condiviso con le Istituzioni locali, sotto la supervisione del Ministero del Infrastrutture e della Mobilità Sostenibile. Dalla tarda mattina, grazie all’interruzione delle lavorazioni, è stata ripristinata la viabilità su tutte le corsie disponibili, sia in direzione Nord che in direzione Sud”.

Come riporta l’Ansa, lo comunica Autostrade per l’Italia. “L’interruzione delle lavorazioni, che proseguirà fino alla sera di martedì 6 settembre, – spiega la società – consentirà di garantire una maggiore fluidità al traffico per le settimane estive, caratterizzate da un incremento dei flussi di traffico per via degli spostamenti verso le località di mare e di rientro dalle vacanze verso le città”. I cantieri, “da oggi sospesi nel tratto della A14 tra Pedaso e Val di Sangro, rientrano nel programma di ammodernamento e potenziamento che Autostrade per L’Italia sta portando avanti sulle principali infrastrutture della rete, secondo quanto previsto dalle più recenti linee guida del Ministero concedente”.

Continue Reading

Fermo

Botte e minacce al padre per avere il denaro per comprare la droga: arrestato

Published

on

FERMO – Forse perché comunque non voleva farlo arrestare, forse per paura di nuove ritorsioni, fatto sta che non è stato l’anziano padre a denunciare il figlio arrestato oggi dalla Squadra Mobile di Fermo per maltrattamenti in famiglia. E’ stata l’Autorità Giudiziaria a disporre le indagini, dopo la segnalazione della polizia, come da parassi nei casi di “codice rosso”. L’uomo finito in manette, picchiava il padre per ottenere il denaro con cui comprare la droga. La vittima già da tempo era vessato da continue richieste di denaro da parte del figlio instabile, disoccupato e tossicodipendente. Alla fine è stato stato picchiato in maniera violenta, al punto che ha dovuto ricorrere alle cure del ponto soccorso.

Giunto con ematomi e tumefazioni evidenti al volto e ai fianchi, le sue ricostruzioni non sono parse convincenti agli inquirenti, che dopo aver capito che versava in uno stato di ansia e paura, hanno deciso di approfondire gli accertamenti. Dalle loro indagini, partite ai primi di giugno, e dall’ascolto dei testimoni, è emerso che il figlio arrestato oggi, subissava il padre di continue richieste di denaro, con cui comprare gli stupefacenti.

In qualche occasione però, l’uomo si è rifiutato di finanziare l’autodistruzione del figlio, suscitando le sue ire. Quando il ragazzo dava in escandescenze, ricopriva il genitore di insulti e minacce, anche di morte. In un’occasione si è appunto scagliato contro di lui, aggredendolo in maniera violenta. Nonostante questo però, l’anziano aveva deciso di non denunciare il figlio che picchiava il padre per avere il denaro per la droga.

Oggi la Squadra Mobile, dopo l’ordinanza di custodia cautelare del Gip di Fermo, ha arrestato il figlio violento e lo ha condotto in carcere.

Continue Reading

Fermo

Fermo, agitati durante la passeggiata: detenevano 57 gr di cocaina

Published

on

FERMO – Due italiani che passeggiavano per le vie di Fermo, in evidente stato di agitazione, erano in possesso di 57,5 grammi di cocaina. A controllarli, durante verifiche di routine, sono stati i militari della Guardia di Finanza di Fermo insospettiti proprio dall’atteggiamento dei due che avevano manifestato nervosismo.

Così i finanzieri hanno iniziato a esaminare minuziosamente tutti i loro effetti personali e i sospetti hanno trovato conferma: dopo l’iniziale reticenza, i fermati hanno esibito spontaneamente la sostanza stupefacente in loro possesso. Per uno dei detentori è scattata la denuncia penale per la violazione prevista dall’articolo 73 del Testo Unico sugli stupefacenti che prevede, nei casi più gravi, la reclusione da sei a venti anni e la multa da 26mila a 260mila euro.

Come ricorda l’Ansa, quotidianamente la Guardia di Finanza si impegna per la tutela della legalità e della salute pubblica e in questo caso è stata impedita l’immissione sul mercato, soprattutto tra le fasce più giovani della popolazione, di un considerevole quantitativo di stupefacente, la cui vendita, oltre a danneggiare la salute dei consumatori, avrebbe fruttato illeciti guadagni per quasi 6mila euro. 

Continue Reading

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore vicario: Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Alba Adriatica (TE) via Vibrata snc, 64011 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.