fbpx
Connect with us

Abruzzo

Il bilancio della DMC Gran Sasso Laga sugli eventi di Abruzzo Open Day Summer

Pio Di Leonardo

Published

il

Teramo. La conferenza stampa, indetta dalla Regione Abruzzo a Pescara per presentare i dati di Abruzzo Open Day Summer, è stata anche per la DMC Gran Sasso Laga l’occasione per tracciare un proprio bilancio del progetto sul territorio.

“Il nostro lavoro è partito ad inizio anno – dichiara il Presidente Erminio Di Lodovico – quando ancora il territorio era in grandi difficoltà ed attivammo confronti con gli operatori per capire quale fosse la strada migliore per mettere in moto il rilancio della nostra area messa a dura prova dalle varie calamità. Abbiamo individuato 3 macro progetti che potessero esprimersi con un respiro duraturo nel tempo e con l’obiettivo di animare 3 diverse aree del nostro territorio che esaltando le loro vocazioni primarie: Borghi di Santi, Fanti e Bevitori nel comprensorio dei Monti Gemelli, nei comuni di Campli e Civitella, mettendo in risalto i due borghi e l’enogastronomia della zona; Gran Sasso Outdoor Gran Prix nell’area montana del Gran Sasso, nello specifico l’Alta Valle del Vomano e la Valle Siciliana, con lo scopo di far conoscere il Gran Sasso come meta per la pratica delle attività Outdoor e Ball e Sone Festival del Saltarello a Teramo città, puntando sulla rivalutazione delle musiche e dei balli tradizionali, ed in particolare sul Saltarello che è stato uno dei maggiori protagonisti di tutta questa edizione di Abruzzo Open Day.”

“La partecipazione agli eventi è stata numerosa e attiva per tutte le manifestazioni, superando complessivamente le 13 mila presenze – commenta Claudio Ucci, Direttore della DMC – in questo territorio non potevamo aspettarci molti turisti da fuori regione dopo i tragici eventi dell’inverno, ma l’obiettivo di creare un capitale di comunicazione e promozione è stato raggiunto in pieno. Gli eventi hanno riscosso molto successo sui social e sui media locali e nazionali, in particolare da parte del progetto di rivalutazione del Saltarello, che ha ottenuto anche spazio per un’esibizione durante il Concerto del Primo Maggio a Roma, sulle trasmissioni Rai la Vita in Diretta e Sereno Variabile ed è stato uno dei progetti di punta di Abruzzo Open Day a livello regionale. Il grande risultato comunicativo, andrà messo a frutto, seguendo il percorso già tracciato da altri noti predecessori, come il Festival de La Notte della Taranta di Melpignano, con cui è stato costruito un progetto di gemellaggio.”

“Considerato il ritratto del territorio che è stato veicolato nei mesi passati a seguito delle calamità che lo hanno colpito, il più grande risultato ottenuto sta nell’aver comunicato un’immagine di un territorio che vuole reagire, con un’offerta turistica fortemente identitaria ed articolata su più segmenti, sport, enogastronomia, cultura e folklore – afferma il responsabile organizzativo Gianni Berardino – Questo è il biglietto da visita che potrà essere utilizzato come veicolo promozionale per incentivare il rilancio del turismo nei prossimi mesi, già a partire dalla stagione estiva che sta iniziando. Ma ancora più importante è il risultato sul fronte interno, nei confronti dei residenti e delle organizzazioni della società civile del territorio, che hanno collaborato in rete riacquistando fiducia attraverso una progettualità condivisa e partecipata. Come DMC crediamo profondamente nella costruzione della rete e dedichiamo molto impegno nel facilitare la collaborazione tra i tanti soggetti attivi, ed Abruzzo Open Day è stato l’occasione per concretizzare questo lavoro su progetti specifici. Si è così creato un sistema con una solida base per le future progettualità, un patrimonio prezioso che garantirà la continuità del percorso di crescita del territorio.

Sono state direttamente coinvolte 43 organizzazioni del territorio: 6 amministrazioni comunali direttamente attive nell’organizzazione, una rete composta da 16 tra Enti ed Associazioni sportive e 21 fra Enti culturali, Pro Loco ed Associazioni Culturali ed è stato ottenuto il patrocinio del CONI Nazionale per il Gran Sasso Outdoor Gran Prix.”

“Ringraziamo per questo le tante persone incontrate in questi mesi – conclude il Presidente Di Lodovico – con cui abbiamo lavorato fianco a fianco, che per aiutare il territorio, senza risparmio, hanno investito tempo e risorse proprie, aggiungendo valore alle iniziali risorse finanziarie messe a disposizione dalla Regione. Grazie a chi si è messo in gioco, ha portato idee e le ha realizzate insieme a noi.”.

Abruzzo

Cantieri aperti: consegna lavori sulla Vomano-Fino

E’ prevista per domani la consegna dei lavori sulla provinciale 3 bis, Vomano-Fino.

Published

il

Riceviamo e pubblichiamo dalla Provincia di Teramo.

E’ prevista per domani la consegna alla ditta Iervelli Costruzioni dei lavori sulla provinciale 3 bis, Vomano-Fino. Importo complessivo dell’intervento 70 mila euro.

In programma la sostituzione dei giunti sul ponte di Capsano (Penna Sant’Andrea), la sistemazione di alcuni tratti di asfalto e della segnaletica orizzontale.  Ad annunciarlo il consigliere delegato alla viabilità Gennarino Di Lorenzo che segue la vallata  del Fino e che ricorda: “In questa area la Provincia sta realizzando le opere di manutenzione non previste nel Masterplan Città del Fino assegnato direttamente ai Comuni e coordinato dal Comune di Castilenti. Per quanto di nostra competenza la criticità maggiore è rappresentata dalla frana sulla 365 nel tratto Castiglione/Bisenti che chiederemo sia inserita nel settimo stralcio Anas coperto dai fondi sisma”.

Continua a leggere

Abruzzo

ASL Teramo: analisi carni di cinghiale

Il laboratorio dell’IZSAM ha comunicato gli esiti delle analisi effettuate sulle carni dei cinghiali abbattuti durante la caccia di selezione ripresa dopo la pausa

Published

il

cinghiali

ASL Teramo: analisi carni di cinghiale. Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa della ASL di Teramo.Il 23/05/2020 il laboratorio dell’IZSAM ha comunicato gli esiti delle analisi effettuate sulle carni dei cinghiali abbattuti durante la caccia di selezione ripresa dopo la pausa legata all’emergenza COVID-19.

Un capo è risultato infestato da parassiti del genere Trichinella, un agente di zoonosi che si trasmette con l’ingestione di carni parassitate.

Il Servizio Veterinario di Igiene della Produzione, Trasformazione, Commercializzazione, Conservazione e Trasporto degli Alimenti di Origine Animale e loro Derivati assicura dal 2004 la raccolta dei campioni e l’invio al laboratorio secondo procedure documentate e validate da un sistema di gestione per la qualità certificato ISO 9001 e, anche nel periodo di emergenza COVID-19 ha assicurato i servizi a tutela della salute pubblica legati al consumo di alimenti di origine animale.

Il 21 maggio, alla riapertura delle attività venatorie, sono riprese anche le attività di controllo ufficiale sulla selvaggina cacciata ed il personale medico veterinario specializzato ha eseguito i primi campionamenti.

A seguito del responso del laboratorio di presenza della Trichinella in uno dei cinghiali esaminati, è scattata la procedura di sicurezza che ha permesso al personale del servizio di rintracciare rapidamente il cacciatore e le carni contaminate disponendo la loro esclusione dal consumo umano.

Con DGR n. 823/2016 la regione in attuazione della normativa unionale ha reso obbligatoria la ricerca delle Trichinelle nelle carni dei suidi selvatici, una misura necessaria nei confronti di una pericolosa zoonosi il cui agente è riscontrato sempre con maggiore frequenza anche nel territorio abruzzese.

ASL Teramo: analisi carni di cinghiale: https://www.aslteramo.it/

Continua a leggere

Abruzzo

Coronavirus, in Abruzzo 3 nuovi casi su un totale di 1276 tamponi analizzati, zero contagi a Teramo

Del totale dei casi positivi, 246 si riferiscono alla Asl Avezzano-Sulmona-L’Aquila, 819 alla Asl Lanciano-Vasto-Chieti, 1513 alla Asl di Pescara e 652 alla Asl di Teramo

Valentina Fagnani

Published

il

Lo comunica il Servizio Prevenzione e Tutela della Salute dell’Assessorato regionale alla Sanità: in Abruzzo, dall’inizio dell’emergenza, sono stati registrati 3230 casi positivi al Covid 19, diagnosticati dai test eseguiti nel laboratorio di riferimento regionale di Pescara, dall’Istituto Zooprofilattico di Teramo, dall’Università di Chieti e dal laboratorio dell’ospedale dell’Aquila.

Rispetto a ieri si registra un aumento di 3 nuovi casi su un totale di 1276 tamponi analizzati (0.2 per cento di positivi sul totale). Nella giornata di ieri (25 maggio) era stato registrato un solo caso positivi su 1173 tamponi (0.08 per cento).

142 pazienti (-7 rispetto a ieri) sono ricoverati in ospedale in terapia non intensiva (11 in provincia dell’Aquila, 61 in provincia di Chieti, 60 in provincia di Pescara e 10 in provincia di Teramo), 3 (invariato rispetto a ieri) in terapia intensiva (0 in provincia dell’Aquila, 0 in provincia di Chieti, 1 in provincia di Pescara e 2 in provincia di Teramo), mentre gli altri 764 (-130 rispetto a ieri) sono in isolamento domiciliare con sorveglianza attiva da parte delle Asl (17 in provincia dell’Aquila, 148 in provincia di Chieti, 521 in provincia di Pescara e 78 in provincia di Teramo).

Nel numero dei casi positivi sono compresi anche 400 pazienti deceduti (invariato rispetto a ieri1921 dimessi/guariti (+140 rispetto a ieri, di cui 183 che da sintomatici con manifestazioni cliniche associate al Covid 19, sono diventati asintomatici e 1738 che hanno cioè risolto i sintomi dell’infezione e sono risultati negativi in due test consecutivi).

Gli attualmente positivi in Abruzzo (calcolati sottraendo al totale dei positivi, il numero dei dimessi/guariti e dei deceduti) sono 909, con una diminuzione di 137 unità rispetto a ieri. Dall’inizio dell’emergenza Coronavirus, sono stati eseguiti complessivamente 68733 test, di cui 62384 sono risultati negativi. La differenza tra il numero dei test eseguiti e gli esiti, è legato al fatto che più test vengono effettuati sullo stesso paziente. Nel totale viene considerato anche il numero degli esami presi in carico e tuttora in corso.

I 3 casi di oggi si riferiscono 2 alla Asl Lanciano-Vasto-Chieti e 1 alla Asl di Pescara.

Il dato riguarda la presa in carico dei pazienti e non coincide necessariamente con la loro residenza anagrafica, in quanto ci sono pazienti residenti in una provincia che sono in cura in una diversa Asl provinciale. Inoltre, per ragioni cliniche, ci sono pazienti che sono stati trasferiti da un ospedale all’altro, anche in presidi di Asl differenti.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Responsabile: Noris Cretone