fbpx
Connect with us

Senza categoria

Scegliere l’ impresa adatta alle tue esigenze

Pubblicato

il

Spesso ho sentito clienti e non, arrabbiati e delusi per avere avuto problemi con l’impresa esecutrice scelta per una ristrutturazione o per una nuova costruzione. Privati che si son trovati abbandonati con lavori a metà e ditte dileguate, con lavori eseguiti male e grossolanamente, tempi biblici per poter entrare finalmente in casa. Senza parlare dei soldi buttati via. Si sa i tempi si allungano e il conto sale.

Da qui la scelta di scrivere questa breve guida. Non voglio sembrare presuntuosa o farvi prendere per oro colato tutto ciò che dico ma, voglio solo darti delle indicazioni su come partire per fare una scelta importante che potrà rivelarsi un incubo o una bella esperienza nel quale vedrete i vostri sogni realizzarsi.

1- SCEGLIERE DITTE SPECIALIZZATE

Non mi stancherò mai di dirlo….non ti affidare a ditte che millantano di fare tutti i tipi di lavoro, dai lavori in muratura, al piastrellista, al pittore…..non esistono o sono talmente rare che ad oggi, non ho avuto ancora il “piacere” di incontrare. Nella tua mente prenderà forma il pensiero “Si, ora do tutto a quell’impresa, cosi io non penserò a nulla”. SBAGLIATO!!!Ricorda questo, da quando inizieranno i lavori tu non sarai più un semplice cittadino, ma sarai un COMMITTENTE e se non avrai incaricato un tecnico, dovrai anche controllare che l’impresa sia in regola con tutti i requisiti previsti(personale, contributi, ecc). Quindi se l’impresa si avvarrà di altre maestranze per adempiere a parti di lavoro, in cantiere ci saranno ditte o persone che si accavallano e tu non saprai chi c’è o chi non c’è in casa tua. La specializzazione è una regola d’oro che vale in qualsiasi cosa.

2- PASSA PAROLA O INTERNET?

Oggi abbiamo questo strumento potentissimo che è internet, lo consiglio come ricerca di una ditta? Si solo se tu sai cosa stai cercando. Torna il discorso sopra, non cercare una ditta tuttofare ma cerca qualcuno di specializzato. Ti serve un cartongessista, cerca questo. Controlla bene il suo sito internet, i suoi dati e le recensioni che ha. Controlla anche se ha un’assicurazione e se è della tua zona (non ha senso chiamare un imbianchino per tinteggiare una camera, e trovarlo a 100 km di distanza). Se non hai tempo di cercare tra le molteplici ditte ci sono dei siti che ti permettono di ricevere diversi preventivi in poco tempo e gratuitamente.

Il passaparola in questo campo funziona. Se sei poco esperto di internet o ti fidi di più di esperienze dirette di conoscenti o di persone della tua città, chiedi informazioni e fai domande a chi prima di te, ha affrontato la stessa esperienza.

3- L’ESPERIENZA PUO’ AIUTARE MA NON E’ TUTTO

Non avere come idea fissa che una ditta presente da anni e anni è una ditta imbattibile sul livello di efficienza e professionalità. Non è detto che chi si è fatto un nome, perché attivo da tempo, sia migliore di un’impresa giovane. Infatti quest’ultima puo’ avere l’esigenza di eseguire ottimi lavori e operare con maggiore professionalità ed efficienza perché deve farsi spazio e risultare competitivo con chi è presente sul mercato da tempo memorabile.

4- VALUTA BENE IL PREVENTIVO

Non chiedete un solo preventivo, l’ideale è chiederne tre ma ricorda, le imprese non forniscono preventivi tutte allo stesso modo. C’è chi sviluppa i costi a ora, chi al mq e chi a corpo. Chiedete preventivi sviluppati tutti nella stessa maniera cosi da poter paragonare i prezzi unitari. Sicuramente saranno tutti diversi ma almeno potrete permettervi un reale confronto. Tutto deve essere il più chiaro possibile e i lavori ben documentati. Cosi potrete notare chi ha tralasciato qualcosa rispetto agli altri o se sono in linea tra loro.

5- NON PUNTARE SUL PREZZO PIU’ BASSO

Secondo me questo è il punto più IMPORTANTE. Risparmiare qualcosa va bene ma quando si commissionano lavori a prezzi di molto inferiori a quelli di mercato, chiedendo magari ulteriori sconti si va incontro al disastro. I lavori verranno realizzati in fretta senza tener conto dei dettagli. L’impresa pur di prendere il lavoro, visti i tempi che corrono, accetta un compromesso ma dovrà pur recuperare i soldi “persi” in qualche altro modo. E dove li recupera?….Ovvio, sui tempi e sui materiali utilizzati. Il risultato è che tu non avrai avuto un lavoro eseguito a regola d’arte e l’impresa avrà lavorato senza troppo interesse e non vedrà solo che la voglia di scappar via dal tuo cantiere.

Una volta chiusi i lavori, non vorrà più guardarsi indietro e se nel tempo sorgeranno problemi, troverà mille scuse per non tornare . Scommetto che neanche a te piace spaccarti la schiena per un compenso misero, soprattutto quando sai di valere.

Ti do un altro consiglio….quando stringi la rosa delle imprese chiedi di fare un sopralluogo cosi potrai parlare e valutare di persona chi effettuerà i lavori e a chi affiderai la tua casa.

Cronaca

Marche, continuano le violazioni nei cantieri: raffica di multe e sanzioni

Multe da decine di migliaia di euro per diverse irregolarità accertate nei cantieri edili del maceratese. A Preoccupare è il mancato rispetto delle normative sulla sicurezza visto l’alto numero di infortuni

Pubblicato

il

Marche, irregolarità cantieri edili

MACERATA – Continuano i controlli sui cantieri aperti in tutta la provincia maceratese volti alla verifica del rispetto della normativa di settore e in particolare di quella sulla sicurezza dei lavoratori, visti anche i recenti drammatici numeri delle cosiddette “morti bianche”.

Nel periodo intercorso tra il 12 e il 14 Gennaio sono scattate diverse ispezioni disposte dal Comando Provinciale di Macerata insieme alla Legione Carabinieri delle Marche, ed attutati dalle Compagnie di Macerata, Civitanova Marche, Tolentino e Camerino, Unitamente al Nucleo Operativo Tutela del Lavoro di Venezia, al NIL di Macerata e agli Ispettori dell’Asur. Ecco le irregolarità riscontrante:

A Tolentino è stato segnalato all’autorità giudiziaria il legale rappresentante di una società emiliana per omessa difesa delle aperture nei solai del cantiere.

A Potenza Picena il legale rappresentante di una società locale e quello di una società anconetana sono stati segnalati per violazioni inerenti le aperture nei solai, rischio di caduta, fino all’impiego di un operaio non regolarmente assunto. In questo caso è scattata la sospensione dell’attività imprenditoriale.

Diverse violazioni alla sicurezza dei lavoratori sono state invece riscontrate in un cantiere di Recanati dove i gli ispettori dell’Asur e del Nil di Macerata hanno evidenziato la presenza di andatoie, passerelle e scale non a norma, motivo per cui per il legale rappresentante della ditta, di origini campane, è scattata la sospensione dell’attività imprenditoriale. La stessa, insieme alla segnalazione, è scattata anche per il legale rappresentante di un’azienda operante a Porto Recanati per l’assunzione di un operaio straniero irregolare.

A Matelica gli amministratori di tre imprese operanti nel medesimo cantiere sono state sanzionate per diverse violazioni che vanno dalla omessa informazione dei lavoratori, alla mancanza della sorveglianza sanitaria, dalla mancanza di recinzione del cantiere al deposito di materiali nell’impalcatura, sino all’omessa installazione dei parapetti. Per un’impresa è anche scattata la sospensione dell’attività imprenditoriale per impiego di un lavoratore in nero.

Sospensione dell’attività imprenditoriale e segnalazione infine per tre imprese operanti in un cantiere a San Severino Marche. Ad esse sono state contestate le violazioni della mancata viabilità nei cantieri, deposito di materiale sull’impalcature, omessa installazione dei parapetti e di difese sulle scale in muratura e sulle aperture.

Complessivamente sono state decine le violazioni che hanno comportato la somministrazione di ammende per decine di migliaia di euro da parte delle Forze dell’Ordine.

Continua a leggere

Senza categoria

Spaccio di droga e ricettazione, quattro persone denunciate

Pubblicato

il

carabinieri arresto

FERMO – A fronte dei controlli effettuati in questi giorni dalle Forze dell’Ordine, due persone sono state denunciate con l’accusa di detenzione di droga ai fini di spaccio. I Carabinieri hanno posto sotto sequestro cocaina, metadone e contanti.

Altre due persone sono state deferite per ricettazione e utilizzo indebito di una carta di credito. I controlli proseguono

Continua a leggere

CoViD19

Monoclonali, Marche prime in Italia per utilizzo: “noi secondi a nessuno nella lotta al Covid”

Le Marche si conferma capofila nell’utilizzo della terapia monoclonale nella lotta al Covid. A certificarlo è stata l’Agenzia Italiana del Farmaco

Pubblicato

il

Marche, terapia monoclonale

ANCONA – La regione Marche è stata la prima in Italia ad utilizzare gli anticorpi monoclonali nella lotta al Sars Cov2. A certificarlo niente meno che l’Agenzia Italiana del Farmaco dopo la settimana di sperimentazione dal 6 al 12 Gennaio di quest’anno.

A dirsi estremamente soddisfatto è stato l’assessore alla sanità Filippo Saltamartini, soprattutto in un contesto in cui la forte crescita dei contagi impone la ricerca di trattamenti che possano ridurre le ospedalizzazioni. A questo scopo infatti, le terapie sono talvolta combinate fra loro, come nella sperimentazione all’Ospedale di Pesaro, con la terapia monoclonale abbinata alle pillole antivirali attualmente circolanti (il Molnupiravir e il Remdesivir).

I dati dell’Aifa dimostrano come rispetto alla media italiana di prevalenza dell’0,18%, le Marche siano capofila nell’utilizzo della terapia monoclonale: «a fronte di 13.372 nuovi positivi nelle Marche, ha spiegato l’assessore, sono state richieste 152 sacche di trattamento , con una prevalenza dell’1,14%, la seconda regione in Italia ha una prevalenza dello 0,58%, la metà circa».

«Ho sempre creduto molto nell’utilizzo dei monoclonali – prosegue l’assessore, anche perchè nell’85 dei casi determinano una guarigione quasi immediata».

Gli anticorpi monoclonali possono essere utilizzati esclusivamente su pazienti senza necessità di ossigenoterapia ma che sono ad alto rischio di progressione della malattia. Queste terapie vengono somministrate per via endovenosa in un tempo di 60 minuti ( a cui segue un’altra ora di osservazione ospedaliera): «naturalmente le valutazioni cliniche verranno fatte dal personale medico e da quello specialistico ospedaliero, spiega Saltamartini, ma dopo il record di vaccini somministrati nei giorni precedenti, anche questo dimostra che nonostante tutto non siamo secondi a nessuno“.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore vicario: Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Martinsicuro (TE) via Metauro 10/A, 64014 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.

Privacy Policy