Nuove regole sicurezza stradale: stop al cellulare alla guida, basta fare cassa con Autovelox

Roma. Il Ministero dell’Interno “dichiara guerra” all’uso di telefonini e smartphone al volante, alla guida in stato di ebbrezza o sotto l’effetto di sostanze stupefacenti, al mancato utilizzo delle cinture di sicurezza e del casco e alla diffusa pratica di fare cassa con gli Autovelox.

E’ questo il senso della “Direttiva Minniti” un documento ufficiale che lancia la tolleranza zero per contrastare quelli che sono considerati i comportamenti più pericolosi alla guida.

I dati sugli incidenti stradali mortali registrati da Polizia di Stato ed Arma dei Carabinieri registrano un preoccupante incremento, ed ecco quindi, la risposta del Governo.

Queste le principali novità: costante monitoraggio sulla collocazione dei sistemi di rilevazione della velocità affinché risultino motivati esclusivamente da condivise esigenze di sicurezza stradale; riclassificazione e più efficiente definizione dei sistemi di rilevamento della velocità in tre grandi categorie; taratura e verifica della funzionalità delle apparecchiature, che avverrà con cadenza annuale; precisa delimitazione delle attività di assistenza tecnica dei soggetti privati, che non devono mai interferire con quella dell’organo di polizia e comunque essere svolte sotto il controllo di quest’ultimo; spese di accertamento gravanti sul trasgressore, che dovranno essere ben circostanziate e documentate; possibilità di effettuare riprese frontali con dispositivi da remoto purché si proceda all’oscuramento automatico dell’abitacolo; regole più puntuali, utilizzando apposito cartello, per presegnalare e rendere visibili le postazioni di controllo della velocità, che potranno funzionare anche su entrambi i sensi di marcia.