fbpx
Connect with us

Abruzzo

Sindaci di Giulianova, Mosciano S. Angelo, Bellante e Morro d’Oro: preoccupazione per gestione servizi sociali

Pubblicato

il

“I sindaci di Giulianova, Mosciano S. Angelo, Bellante e Morro d’Oro esprimono seria preoccupazione per la situazione che si sta delineando nell’ormai prossima gestione dei servizi sociali per il nuovo ambito territoriale n. 22 che comprende anche Roseto degli Abruzzi e Notaresco. Per dovere d’informazione verso i cittadini, in primis gli utenti, e verso le istituzioni superiori si ritiene opportuno fare chiarezza su quanto sta accadendo.

Nel PSR approvato ormai un anno fa sono state disciplinate le modalità di costituzione dei nuovi ambiti sociali, richiamando altresì la disciplina dell’esercizio del potere sostitutivo da parte della Regione per i Comuni inadempienti. Nella fase di concertazione sulla forma di gestione associata, avvenuta in seno all’assemblea dei Sindaci quale organo deputato alla scelta, sono state analizzate le due forme possibili di gestione unitaria, ossia l’Unione dei Comuni e la convenzione ex art. 30 del TUEL.

Il lavoro politico e tecnico, lungo e articolato, ha portato a deliberare UNANIMEMENTE lo scorso dicembre la scelta dell’Unione dei Comuni in quanto nessuno dei sei comuni costituenti l’Ambito ha potuto dimostrare la capacità finanziaria di poter garantire la gestione di cassa come capofila per un piano sociale da oltre 7 milioni di euro, oltre che la capacità assunzionale per garantire i servizi agli altri comuni. Inoltre, soprattutto per i comuni di piccole dimensioni come Morro D’Oro, vige l’obbligo di gestione associata dei servizi con un’unica forma di gestione, risultando pertanto incompatibile la gestione tramite convenzione del sociale e la sua permanenza nell’Unione dei Comuni delle Colline del Medio Vomano. Ultima valutazione maturata dai Comuni, ma non per importanza,è stata la maggiore collegialità e corresponsabilità nella gestione dei servizi tramite l’Unione, garantendo anche una visione di governance territoriale più armoniosa in una prospettiva di sempre maggiore integrazione delle politiche del territorio come già avviene ad esempio in Val Vibrata.

Tutti i Comuni, ad eccezione di Notaresco, entro il mese di febbraio hanno deliberato nei propri consigli comunali, in triplice lettura, lo statuto della costituenda Unione. Si è creata, a causa della decisione improvvisamente avversa del Comune di Notaresco, una situazione di empasse in quanto, in barba agli impegni presi in assemblea dei sindaci, il comune tareschino ha optato per deliberare per la forma di gestione convenzionale in una forma ibrida mai discussa con gli altri sindaci. Numerose, in questi mesi, sono state le interlocuzioni con la Regione per il tramite della dirigente del Sociale dott.ssa Tamara Agostini e dell’Assessore Marinella Sclocco, le quali hanno sempre rassicurato sull’imminente commissariamento al fine di garantire il più rapido avvio delle procedure per il nuovo piano sociale di zona.

Nel corso delle ultime settimane, invece, la Regione ha assunto una posizione diametralmente opposta su parere del difensore civico e dell’avvocatura regionale. Analizzando le fonti normative si è sollecitata una modifica alla legge regionale 22 del 1998 istitutiva del sistema integrato dei servizi sociali, determinando così la possibilità di intervenire in sostituzione dei Comuni inadempienti con la nomina di un commissario ad acta e procedere alla costituzione degli ambiti così come avvenuto in numerosi altri casi fuori regione con delibere semplicemente rinvenibili da una semplice ricerca online.

Dispiace e preoccupa, pertanto, questo repentino cambio di atteggiamento da parte della Regione che sollecita un componimento bonario della situazione in barba alla decisione assunta dalla maggioranza dei Comuni, così come preoccupa il repentino cambio di indirizzo del Comune di Roseto degli Abruzzi: tutte le Amministrazioni Comunali hanno come unico interesse quello di garantire i servizi nel miglior modo possibile e senza interruzioni, anche assumendosi responsabilità importanti davanti all’empasse dovuto al vuoto legislativo creatosi.

In un ambito tanto eterogeneo, con due comuni importanti per dimensioni come Roseto e Giulianova, è impensabile gestire in forma associata un settore così delicato come i Servizi Sociali delegando la funzione ad un solo Comune. Occore, semmai, piena condivisione e corresponsabilità e la Regione deve intervenire per sanare una situazione di stallo così come ha fatto in passato per altri servizi su base d’ambito, nominando commisari ad acta per la costituzione delle forme di gestione associata (vedi AGIR o ERSI)”.

Comunicato stampa del Comune di Mosciano Sant’Angelo

Abruzzo

Covid-19, il dato aggiornato dei contagi a Giulianova

Pubblicato

il

GIULIANOVA – Il Comune di Giulianova diffonde i nuovi dati sui cittadini giuliesi positivi al Covid-19, contenuti nelle ultime comunicazioni fornite dal Siesp della Asl di Teramo.

Dal 18 al 24 gennaio si registrano in città:

–      523 nuovi contagi
–      15 nuovi guariti (totale guariti 2700)
–      1 deceduto
–      Totale attualmente positivi 1479 (di cui 7 ricoverati)
–      Totale deceduti a partire dalla seconda ondata 51
–      Totale contagiati a partire dalla seconda ondata 4230

Continua a leggere

Abruzzo

Giulianova, Giorno della Memoria: consegna di 14 medaglie alle famiglie di internati nei lager nazisti

Pubblicato

il

GIULIANOVA – Alle 10 di questa mattina il Vice Sindaco Lidia Albani ha reso omaggio ai Caduti giuliesi della Seconda Guerra Mondiale deponendo fiori presso la lapide loro dedicata,  nel cimitero cittadino. Il gesto ha aperto simbolicamente il “Giorno della Memoria”, giorno in cui, in Italia e nel mondo, si commemorano le vittime dell’ Olocausto. 
L’ Amministrazione comunale, dopo la collocazione, venerdì scorso,  di una pietra d’inciampo recante il nome di Vincenzo Alleva, prosegue dunque oggi nelle iniziative di adesione al “Giorno del ricordo”. Alle 17.30, nel loggiato “Riccardo Cerulli”, sotto piazza Belvedere, si terrà la presentazione del libro “Perchè dire la Shoah”. Dialogherà con l’autrice Biancamaria Di Domenico il direttore della Biblioteca e dei Musei civici Sirio Maria Pomante. Al dibattito, moderato dal ricercatore storico Walter De Berardinis, seguirà la cerimonia di consegna di 14 medaglie, donate dalla Città di Giulianova, ad altrettante famiglie di internati giuliesi nei campi di concentramento nazisti. I riconoscimenti andranno alla memoria degli artiglieri Cesare Cervellini, Luigi Stacchiotti, Aldo De Berardinis e Flaviano Stacchiotti; degli avieri Pasquale Manocchia e Walter Costantini; dei carabinieri Ernesto Zenobi e Carmine Broccolini; dei fanti Pasquale Stacchiotti  e Cesare Stacchiotti; del marconista Giovanni Cianella, del marinaio Nicola Cretoni, dell’ autiere Cesare Concordia e del telegrafista Carlo Nazziconi. “ Giulianova non è solo una “città che legge” – sottolinea il Vice Sindaco Lidia Albani – Giulianova è una città che non dimentica: non dimenticata la tragedia della guerra, l’orrore dell’ Olocausto, le vittime, giuliesi e non, di tutte le forme di violenza, discriminazione, persecuzione, a prescindere dalla matrice politica o religiosa.  L’ Amministrazione comunale intende continuare a promuovere, in questo senso, iniziative che, per quanto diverse, siano testimonianze in grado di guidare e formare le coscienze delle nuove generazioni. La pandemia ha impedito che fossero oggi materialmente coinvolte le scolaresche. Sappiamo però che non c’è stata classe, negli istituti della città,  che non abbia dedicato uno spazio di riflessione al tema della Shoah. Questo 27 Gennaio, a Giulianova, trova dunque scuola, famiglia, amministrazione comunale, enti culturali, assolutamente coesi nell’obiettivo di  tessere una “rete” morale e sociale tanto robusta da non permettere che si verifichino, negli anni a venire,  altri assurdi cedimenti, dettati dall’ignoranza e dalla malvagità umana.”

Continua a leggere

Abruzzo

Coronavirus Abruzzo, dati aggiornati al 27 gennaio: oggi 3615 nuovi positivi e 391 guariti

Pubblicato

il

PESCARA – Sono 3615 (di età compresa tra 1 mese e 100 anni) i nuovi casi positivi al Covid registrati oggi in Abruzzo, che portano il totale dall’inizio dell’emergenza – al netto dei riallineamenti  a 204954. Dei positivi odierni, 2355 sono stati identificati attraverso test antigenico rapido.

Il bilancio dei pazienti deceduti registra 9 nuovi casi (di età compresa tra 50 e 94 anni, 3 in provincia di Chieti, 2 in provincia di Teramo, 3 in provincia dell’Aquila, mentre 1 risale ai giorni scorsi ed è stato comunicato solo oggi dalla Asl) e sale a 2786

Nel numero dei casi positivi sono compresi anche 98803 dimessi/guariti (+391 rispetto a ieri).  

Gli attualmente positivi in Abruzzo (calcolati sottraendo al totale dei positivi, il numero dei dimessi/guariti e dei deceduti) sono 103365* (+3212 rispetto a ieri). 

*(nel totale sono ricompresi anche 83567 casi riguardanti pazienti persi al follow up dall’inizio dell’emergenza, sui quali sono in corso verifiche)

415 pazienti (+7 rispetto a ieri) sono ricoverati in ospedale in area medica; 40 (-1 rispetto a ieri) in terapia intensiva, mentre gli altri 102910 (+3206 rispetto a ieri) sono in isolamento domiciliare con sorveglianza attiva da parte delle Asl. 

Nelle ultime 24 ore sono stati eseguiti 7940 tamponi molecolari (1902329 in totale dall’inizio dell’emergenza) e 21685 test antigenici (2524155).  

Il tasso di positività, calcolato sulla somma tra tamponi molecolari e test antigenici del giorno, è pari a 12.20 per cento. 

Del totale dei casi positivi, 43319 sono residenti o domiciliati in provincia dell’Aquila (+707 rispetto a ieri), 56084 in provincia di Chieti (+948), 48835 in provincia di Pescara (+822), 51141 in provincia di Teramo (+1003), 2623 fuori regione (+56) e 2952 (+76) per i quali sono in corso verifiche sulla provenienza. 

Lo comunica l’Assessorato regionale alla Sanità.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore vicario: Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Martinsicuro (TE) via Metauro 10/A, 64014 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.

Privacy Policy