fbpx
Connect with us

Fermo

Mannarino “L’impero crollerà”: è il nuovo concept tour che partirà da Fermo il 23 marzo

Pubblicato

il

Dopo l’uscita del primo album dal vivo “Apriti Cielo Live”, nato sulla scia di un tour da oltre 100mila paganti, dal 23 marzo MANNARINO è pronto per ritornare al suo pubblico con “L’IMPERO CROLLERÀ”, un nuovo concept tour. 

Qualunque sia il tuo Impero, ovunque si trovi, qualsiasi nome abbia,

ci deve essere da qualche parte un suono che lo farà crollare

 

Ancora una volta, dopo un tour legato all’uscita di un album, MANNARINO si ritaglia uno spazio live di sperimentazione. “L’IMPERO CROLLERÀ” nasce proprio da questa esigenza. MANNARINO, artista eclettico e coraggioso, torna sul palco con un nuovo concept pensato per una dimensione “più intima” e per offrire uno spettacolo inedito al pubblico che continua a seguire la sua evoluzione. 

La parola impero è presente in varie canzoni. È un simbolo ma anche una metafora; è anche quel luogo immaginario e distopico che fa da sfondo a molte delle sue storie. Con questo tour sarà come entrarci dentro, sentirne i suoni e le voci.

L’IMPERO CROLLERÀ” arriverà nei principali teatri italiani: DATA ZERO – 23 marzo Fermo (Teatro dell’Aquila), 26 marzo Firenze (Teatro Verdi), 29 marzo Padova (Gran Teatro Geox), 30 marzo Genova (Teatro Carlo Felice) 31 marzo Parma (Teatro Regio), 5 aprile Milano (Teatro degli Arcimboldi), 8 aprile Roma (Auditorium Parco della Musica – Sala Santa Cecilia), 10 aprile Bari (TeatroTeam), 12 aprile Catania (Teatro Metropolitan), 16 aprile Napoli (Teatro Augusteo), 24 aprile Bologna (Teatro EuropAuditorium), 27 aprile Brescia (Gran Teatro Morato), 28 aprile Torino (Auditorium Giovanni Agnelli), 2 maggio Trieste (Politeama Rossetti).

 

Con il 2017 e l’uscita dell’ultimo album di inediti “Apriti Cielo”, Mannarino ha conquistato un pubblico ancora più ampio. L’album certificato disco d’oro, ha superato i 15 milioni di streaming su Spotify.

Mannarino ha ottenuto anche la Targa Faber (già Premio alla Carriera), prestigioso riconoscimento, che verrà ritirato sabato 25 novembre al Teatro Italia di Gallipoli.

 

Le prevendite saranno in vendita dalle ore 10:00 di venerdì 24 novembre online su TicketOne (www.ticketone.it) e dalle ore 10:00 di lunedì 27 novembre in tutti i punti vendita e su tutti i circuiti autorizzati.

Fermo

Fermo: furto ed estorsione, deferito un 40enne

Pubblicato

il

FERMO – “Dieci minuti fa mi hanno rapinato del cellulare, ma lo ho recuperato”.

Questo, in sintesi, il contenuto di una telefonata pervenuta alcuni giorni fa alla Sala operativa della Questura e dalla quale sono partite subito le indagini della Squadra Mobile fermana.

L’interlocutore è un camionista, addetto alla consegna di merci su tutto il territorio nazionale e quindi abituato a trattare con ogni tipo di persona ed anche a reagire alle eventuali situazioni di emergenza.

La consegna di un pacco nel fermano ad un indirizzo difficile da trovare, ma ormai è diventato, per tutti, un piccolo problema; smartphone alla mano ed il dispositivo ti porta dove vuoi senza dover chiedere indicazioni alle persone del posto.

Così ha fatto il nostro protagonista fino a quando non ha incontrato uno straniero di circa quarant’anni che gli ha chiesto chi stesse cercando; una breve conversazione del trasportatore con lo straniero che ha continuamente tenuto una mano nella tasca fino ad approfittare di un attimo di disattenzione del suo interlocutore per sottrargli dalle mani, con mossa improvvisa, il cellulare.

Il derubato, per il timore che il ladro potesse avere un’arma nella tasca, ha provato, mantenendo la distanza, a farsi restituire il bottino e lo straniero, da parte sua, ha provato ad estorcergli del denaro, chiedendo in cambio del cellulare la somma di 20 euro.

La vittima ha dichiarato di accondiscendere alla richiesta ma di non avere con sé denaro contante ma che sarebbe andato a prenderlo sul furgone delle consegne parcheggiato ad alcune centinaia di metri.

E così ha fatto. È tornato al proprio mezzo ha preso una banconota ed uno spray al peperoncino; perché non si sa mai cosa avrebbe potuto fare il ladro.

Infatti, tornato nel luogo precedente, il trasportatore ha posato a terra la somma estorta richiedendo la restituzione del cellulare, che il ladro ha rifiutato, pretendendo una somma maggiore.

Ancora qualche minuto di trattativa, anche con toni accessi, tra due persone entrambe con una mano nella tasca, nel corso della quale la vittima si è avvicinata allo straniero alla distanza ottimale per colpirlo con il getto dello spray urticante fino a farlo cadere a terra per l’effetto del peperoncino sul viso, occhi e vie respiratorie.

In pochi attimi il trasportatore ha recuperato cellulare e banconota e si è dileguato, tornando al suo veicolo con il quale ha abbandonato il nostro territorio e dal quale ha informato del fatto la Questura, mentre il “malcapitato” delinquente è stato soccorso da un amico che lo attendeva nelle vicinanze con il quale si è messo alla inutile ricerca della vittima fuggita, ricerca non certamente pacifica perché l’amico teneva in mano una bottiglia di vetro da usare come corpo contundente.

Profonda conoscenza delle dinamiche criminali delle nostre aree e professionale capacità investigativa sono i costanti ingredienti che hanno consentito, anche questa volta, ai segugi della Squadra Mobile di identificare e denunciare all’Autorità Giudiziaria il responsabile del furto con strappo e dell’estorsione.

Alcuni elementi della fisionomia del delinquente, travisato con il cappuccio di una felpa, forniti dalla vittima e relativi all’altezza, andatura, abbigliamento, barba incolta, dentatura rovinata, modus operandi, hanno subito indirizzato gli investigatori verso alcuni soggetti dediti a reati contro il patrimonio effettuandone la “cernita” sulla base della possibilità che si trovassero in quel posto ed a quell’ora, riducendo in tal modo il novero dei potenziali responsabili.

Importante contributo per identificare definitivamente il colpevole è stato offerto dai sistemi di videosorveglianza che hanno permesso di riconoscere l’amico con la bottiglia che gli ha prestato soccorso e successivamente incastrare finalmente il ladro/estorsore.

La “prova del nove” della corretta attività della Squadra Mobile è stato il riconoscimento fotografico del delinquente da parte della vittima.

Tra i modus operandi analizzati, che hanno consentito di identificare il criminale, pregressi reati analoghi per modalità; a carico del denunciato infatti, tra gli altri precedenti, anche la rapina di un cellulare perpetrata, alcuni mesi fa, minacciando la vittima con un coltello e successiva chiedendo alla stessa del denaro per la restituzione della refurtiva.

Continua a leggere

Fermo

Fermo: denunciato per false assicurazioni. Un ragazzo in carcere per evasione

Pubblicato

il

FERMO – I Carabinieri del Comando Provinciale di Fermo, hanno denunciato due persone per false assicurazioni ai danni di ignare vittime. Inoltre, un altro ragazzo è finito in carcere per non aver rispettato la misura della sorveglianza speciale.

Continua a leggere

Fermo

Fermo: si fingeva non vedente, denunciato per truffa aggravata

Pubblicato

il

FERMO – I Finanzieri del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Fermo, al termine di un’indagine dapprima d’iniziativa e poi coordinata dalla locale Procura della Repubblica, hanno denunciato a piede libero un cittadino italiano per il reato di truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche.

Per quasi 20 anni avrebbe indebitamente percepito dall’Inps importi per circa 145 mila euro, a fronte di una attestazione della sua condizione di “cieco assoluto” ora all’esame dell’Autorità Giudiziaria. Infatti, alla persona denunciata, originaria di Porto Sant’Elpidio e già affetta da una pregressa patologia del campo visivo, nel 2001 la commissione medica accertatrice avrebbe illegittimamente riconosciuto l’aggravamento dell’invalidità, consentendo alla stessa di percepire importi mensili, compresi tra gli 800 ed i mille euro, sommati al normale stipendio incassato come dipendente pubblico.

Il medico di categoria, oculista, responsabile della valutazione tecnica della commissione medica competente, è deceduto nel 2013.

L’indagine condotta dai militari, che hanno sempre operato in abiti borghesi, ha consentito di verificare le abitudini quotidiane del denunciato, il quale abitualmente si recava a lavoro a bordo di mezzi pubblici, senza ricorrere all’ausilio di mezzi di aiuto (bastone/cane guida) o di un accompagnatore.

Nel tragitto casa-lavoro e negli spostamenti quotidiani, non utilizzando occhiali, attraversando con apparente disinvoltura la strada (anche la Statale 16), schivando ostacoli e salendo il marciapiede, la persona riusciva ad interagire con l’ambiente esterno senza alcuna apparente difficoltà di movimento. In un’occasione, ha addirittura fornito agli stessi Finanzieri, presentatisi come comuni passanti bisognosi di indicazioni stradali, precise informazioni sull’itinerario da seguire, indicando a gesti le strade da percorrere e dove avrebbero dovuto svoltare.

L’indebito accesso a prestazioni assistenziali e a misure di sostegno al reddito genera iniquità e mina la coesione sociale. L’attività di servizio svolta dal Comando Provinciale di Fermo testimonia la specifica attenzione del Corpo al contrasto alle frodi nei settori della previdenza e assistenza sanitaria e mira a garantire l’effettivo sostegno alle fasce più deboli della popolazione, evitando il dispendio di risorse a beneficio di soggetti non aventi diritto.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Responsabile: Luigi Tommolini | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Martinsicuro (TE) via metauro 10/A, 64014 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€

Privacy Policy