fbpx
Connect with us

Fermo

L’antica cinepresa del cinema Moderno donata al Comune di Porto Sant’Elpidio

Pubblicato

il

PORTO SANT’ELPIDIO – Un monumento della storia di tutti, ma soprattutto del Comune, l’antica e usurata macchina da presa di proprietà dell’ex cinema Moderno è stata donata alla città. Giacerà e sarà conservata, a detta dell’amministrazione comunale, in un luogo sicuro.

Le parole del Sindaco Nazareno Franchellucci: ‘La macchina sarà ripulita e poi, al termine dei lavori, sarà certamente esposta nel nuovo Polo Culturale Beniamino Gigli’.

Ascoli Piceno

Branco di cinghiali attraversa l’autostrada tra Pedaso e Porto San Giorgio

Pubblicato

il

cinghiali-autostrada-a14

L’autista di un autobus non ha potuto evitare l’impatto con uno dei cinghiali che ha attraversato l’autostrada, ma è riuscito ad evitare manovre brusche e potenzialmente pericolose.

FERMO -Singolare investimento in A14 nel tratto compreso tra Pedaso e Porto San Giorgio, lungo la carreggiata nord, dove un branco di cinghiali ha attraversato l’autostrada, questa mattina, giovedì 2 febbraio. In quel momento stava transitando per quel tratto un autobus e il conducente non ha potuto evitare di investire un esemplare, pur riuscendo a non compiere sterzate brusche, inchiodate o manovre che avrebbero potuto mettere in pericolo l’incolumità dei passeggeri o degli altri automobilisti.

L’animale colpito è stato scagliato a qualche metro di distanza ed è deceduto, mentre gli altri cinghiali che hanno attraversato l’autostrada A14 tra Pedaso e Porto San Giorgio sono riusciti a dileguarsi.

La circolazione ha subito qualche rallentamento dal momento che la carreggiata è stata chiusa durante le operazioni di sgombero della carcassa, effettuate dal personale di Società Autostrade. Tanto spavento, ma nessuna conseguenza per i passeggeri del bus, che ha potuto riprendere il suo viaggio. Il mezzo infatti ha riportato qualche danno, ma non tale da impedirgli la circolazione.

Nei giorni scorsi, altre segnalazioni avevano già segnalato la presenza di cinghiali non lontano dal punto in cui si è verificato l’incidente questa mattina. Sul posto è intervenuta anche una pattuglia della polizia stradale.

Continua a leggere

Ancona

XIII Congresso Cgil Marche, Santarelli confermato segretario regionale

Pubblicato

il

xiii-congresso-cgil-marche-saltamrini-confermato-segretario

Si è svolto il 30 e il 31 gennaio il XIII Congresso della Cgil Marche, alla presenza di 300 delegati e del segretario nazionale Emilio Miceli. Giuseppe Santarelli confermato segretario regionale: «Le Marche sono al declino, necessario un patto per il lavoro di qualità».

ANCONA – La due giorni del XIII Congresso regionale della Cgil Marche alla Mole Vanvitelliana, gli scorsi 30 e 31 gennaio, di Ancona si è chiusa con la conferma a segretario regionale di Giuseppe Santarelli. Presente, insieme a 300 delegati, il segretario nazionale Emilio Miceli. I lavori di preparazione al congresso hanno interessato oltre 27 mila iscritti, che hanno discusso nel corso di 1783 assemblee.

Emilio Miceli segretario nazionale Cgil (Foto di Pierpaolo Mascia).

A conclusione dei lavori, Emilio Miceli ha affermato: «Siamo ad un nuovo passaggio storico della crisi del lavoro: oscilliamo tra i rider, ormai metafora del lavoro sfruttato, le enormi sacche di lavoro intellettuale sottopagato e la disintermediazione di fronte all’orizzonte dell’intelligenza artificiale. Una crisi che ci cade addosso in virtù dei processi di transizione emergenti”. Per quanto riguarda le Marche, Miceli ha sottolineato che «si è messi a dura prova: il modello di internazionalizzazione che ha fatto delle Marche una regione avanzata è stato colpito dal Covid e anche dall’interscambio con la Russia. Perciò, questa crisi è eccezionale a tutte le latitudini: al centro come al nord e al sud».     

Giovani, lavoro, sanità i punti su cui vuole concentrarsi Santarelli, confermato segretario regionale al XIII Congresso Cgil Marche, che ha affermato: «Le Marche sono al declino, l’Europa stessa ci ha declassato, con l’Abruzzo e l’Umbria, tra le regioni in transizione. Abbiamo perso ben 24 punti percentuali di Pil procapite in 20 anni, -16% di perdita di valore aggiunto della nostra economia. Le Marche sono diventate una terra di conquista dove i grandi marchi colgono i vantaggi legati alla professionalità: oltre 60 imprese sono passate di mano da proprietà marchigiane a grandi multinazionali o a fondi finanziari tra il 2005 e il 2021. Dal 2011 al 2020 sono stati oltre 5mila i giovani laureati marchigiani che hanno lasciato la regione. Troppo povere le retribuzioni con  una media 19.400 euro lordi annui, sotto la media nazionale e anche rispetto alle regioni del centro. La giunta regionale aveva puntato tutto sulla sanità ma è stato un fallimento». Di fronte a questo, secondo Santarelli «la  giunta è solo preoccupata di dare risposte ai campanilismi, non ha fatto nulla».

           

Continua a leggere

Fermo

Maltrattamenti e lesioni a Pedaso e Servigliano: attivato il codice rosso

Pubblicato

il

112-cc-carabinieri-maltrattamenti-in-famiglia-e-lesioni-personali-pedaso-servigliano

Interventi dei carabinieri a Pedaso e Servigliano per maltrattamenti in famiglia e lesioni personali. Un uomo albanese residente a Pedaso, per almeno un paio d’anni ha vessato la propria moglie con maltrattamenti e lesioni per motivi di gelosia. A Servigliano invece i carabinieri hanno arrestato un bulgaro che ha colpito un 64enne durante una lite condominiale.

FERMO – I carabinieri di Pedaso e Servigliano hanno compiuto interventi per lesioni personali e maltrattamenti in famiglia. In seguito alla denuncia presentata da una donna e gli opportuni accertamenti, i carabinieri di Pedaso hanno denunciato per maltrattamenti in famiglia e lesioni personali un giovane albanese. In base a quanto appurato dai militi, per almeno due anni, spinto da una gelosia morbosa, ha maltrattato ed anche picchiato la propria compagna. I carabinieri hanno avviato le procedure per attivare il “codice rosso”

I militari della stazione di Servigliano invece hanno rintracciato e denunciato per lesioni graviun bulgaro di 50 anni ritenuto responsabile di aggressione nei confronti di un uomo di 64 anni. Al culmine di una lite durante una una riunione di condominio a Montappone, avrebbe minacciato e colpito l’anziano con un bastone, procurandogli una prognosi di cinque giorni per la “contusione dell’emicostato”.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore: Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Martinsicuro, Via Gabriele D'annunzio 37, Cap 64014 - Sede Operativa: Alba Adriatica (TE) via Vibrata snc, 64011 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.