Samb: contro i giuliani c’è il terzo pari di fila al “Riviera”

Quattro punti e nessuna vittoria nelle ultime 5 gare al "Riviera".

16 dicembre 2017. Samb-Triestina 1-1. (Foto Matteo Bianchini)

Quattro punti e nessuna vittoria nelle ultime 5 gare al “Riviera”.


In una gara simile a quella disputata contro i “ramarri” del Pordenone nell’ultimo turno casalingo, la Samb colleziona il terzo pari di fila e rimane a digiuno di vittorie in casa da ben 5 partite (4 pareggi e una sconfitta).

Peggiorato il “trend”-negativo in casa della scorsa stagione quando, dopo la vittoria contro il Teramo 2-0 (13 novembre 2016, Ottavio Palladini in panca) i rossoblù collezionavano due pareggi e due sconfitte di fila (pareggi con AlbinoLeffe e Modena, sconfitte con Ancona e Maceratese), tornando alla vittoria contro il Gubbio 2-0 nella prima gara casalinga dell’anno (29 gennaio 2017) e con il nuovo tecnico Stefano Sanderra.

Lo scenario dell’incontro, come con il Pordenone, si presenta fangoso e piovoso ma c’è tutta la voglia di vincere anche per la “fresca” notizia della sorprendente sconfitta della capolista Padova a Gubbio.

Capuano ripropone il 3-5-2 con il santomerese Di Pasquale al posto di Patti, infortunato.

A centrocampo c’è il ritorno dalla squalifica di Armin Bacinovic; in attacco il duo Esposito-Miracoli.

Dall’altra parte la Triestina di Mister Sannino reduce da due sconfitte in Trasferta si prefigge di conquistare punti.

C’è pioggia “a goccioloni” nel momento in cui la punta giuliana Rachid Arma sfodera un tiro dalla distanza: Fabio Pegorin non trattiene la sfera che, preda di Mensah, s’insacca in rete: Triestina in vantaggio.

E’ il primo gol della storia del club alabardato segnato nell’impianto del “Riviera delle Palme” in 5 sfide giocate: l’ultimo gol biancorosso realizzato in casa Samb risaliva al 31 marzo 1985, al “Ballarin”, con Giorgio De Giorgis che pareggiava la rete del rossoblù Nando Ruffini.

Dopo pochi istanti gli ospiti falliscono la rete del raddoppio e, come spesso accade, al gol sbagliato segue il gol subìto.

Con un tiraccio da fermo da oltre 40 metri, infatti, il cuoio scagliato dallo specialista Tomi perfora pioggia, barriera e portiere scuotendo la rete bagnata: pareggio rossoblù e primo gol al “Riviera” (in campionato) per l’esterno di San Giorgio a Cremano, già a segno su punizione in Coppa Italia contro la Lucchese.

Ora la Samb è rinfrancata e sembra più padrona del campo.

I rossoblù vanno vicino al vantaggio a dieci dal termine della prima frazione di gioco con Vittorio Esposito ma il suo tiro viene respinto sulla linea a portiere battuto.

Finisce il primo tempo e con lui anche le occasioni da segnare sul nostro taccuino.

Gli ingressi di Vallocchia e Valente per Bove ed Esposito al quarto d’ora della ripresa non cambiano la gara, condizionata dalle pessime condizioni del terreno di gioco, al limite della praticabilità.

C’è spazio anche per Genny Troianiello che sostituisce lo sloveno Bacinovic ad un paio di minuti dal 90°.

Ed è proprio nell’ultimo minuto dei 4 di recupero, concessi dal direttore di gara, che Luca Miracoli ha un’occasione d’oro: avesse stoppato la sfera invece di scagliarla al volo alle stelle ora si starebbe qui a parlare di una vittoria importante e della capolista Padova lontana soltanto 3 punti…

Però a Miracoli non si può gettare la croce addosso visto che non fa soltanto la punta….. questo è il problema…..

Urgono rinforzi, soprattutto da affiancare in avanti a supporto dell’attaccante ligure e a centrocampo per rinforzare una zona nevralgica del campo debole soprattutto in fase di costruzione del gioco.

Numericamente, la Samb chiude il girone d’andata meglio della scorsa stagione: 1,70 di media punti a partita (29 punti in 17 gare) contro 1,63 della scorsa stagione (31 punti in 19 gare).

Il prossimo turno la Samb non gioca (avrebbe dovuto far visita al Modena, radiato).

Si riprende tra Natale e Capodanno, venerdì 29 dicembre, contro la Fermana al “Riviera delle Palme” sempre più da….. espugnare.


IL TABELLINO

SAMBENEDETTESE: Pegorin, Conson v©, Gelonese, Miceli, Bove (57’ Vallocchia), Esposito (57’ Valente), Di Pasquale, Rapisarda, Bacinovic © (87’ Troianiello), Miracoli, Tomi. A disposizione: Raccichini, Ceka, Mattia, Troianiello, Demofonti, Candellori, Di Cecco, Trillò. Allenatore: Ezio Capuano.

TRIESTINA: Boccanera, Libutti, Grillo (78’ Pizzul), El Hasni, Arma (81’ Pozzebon), Bracaletti, Mensah, Codromaz, Porcari (81’ Acquadro), Meduri, Petrella (46’ Bariti). A disposizione: Perisan, Celestri, Brandmayr, Erman, Pastore. Allenatore: Giuseppe Sannino.

Arbitro: Vincenzo Valiante di Salerno
Assistenti: Marco Cecchi di Pistoia e Alessio Berti di Prato.

Marcatori: 9’ Mensah (T), 19’ Tomi (S)

Ammoniti: 20’ Porcari (T), 60’ Bracaletti (T), 63’Miceli (S), 65’ Bacinovic (S), 71’ Gelonese (S)

Espulsi: –

Angoli: 3-7

Recupero: 2pt, 4st.

Note: Sambenedettese in completo rossoblù con pantaloncini blù.
Triestina con maglia bianca e pantaloncini rossi.
Spettatori: Spettatori 3.500 circa di cui 1.114 paganti per un incasso al botteghino di 14.203 euro


ARTICOLI CORRELATI

Samb: i 21 convocati contro la Triestina, regina del gol. Il cammino dei giuliani.

Samb-Triestina: il primo scontro in casa è da dimenticare… (Tabella di tutti i precedenti)