fbpx
Connect with us

Abruzzo

18 gennaio, un anno fa la tragedia dell’Hotel Rigopiano: non dimentichiamoli

Pio Di Leonardo

Published

il

FARINDOLA – Nevica ormai da giorni in Abruzzo, un’ondata di freddo glaciale aveva invaso il nostro Paese e gli accumuli sugli Appenini avevano raggiunto anche il metro e mezzo. Numerosi i centri abitati rimasti isolati, a causa dell’inagibilità della rete stradale e dell’interruzione delle forniture di energia elettrica. Il giorno 17 e 18 il bollettino del servizio nazionale di previsione neve e valanghe emesso da Meteomont indicava per l’area della Maiella e del Gran Sasso un grado di pericolo 4 su una scala da 1 a 5. La forte nevicata bloccava la strada che collega il Rigopiano col fondovalle e, nonostante i numerosi appelli, non venne trovata alcuna turbina spazzaneve per liberare la strada e permettere l’evacuazione dell’albergo.

Quel maledetto 18 gennaio di un anno fa, tre scosse, con magnitudo maggiore di 5.0 interessarono il centro Italia: alle ore 10:25 (ML 5.3), ore 11:14 (ML 5.4) e ore 11:25 (ML 5.3); nel pomeriggio alle ore 14:33 una nuova scossa (ML 5.1). Tra le 16:43 e le 16:48 una valanga di neve e detriti di grandi proporzioni si staccava dalle pendici sovrastanti del massiccio orientale del Gran Sasso, tra il Vado di Siella e il Monte Siella, incanalandosi nella Grava di Valle Bruciata, un canalone coperto da un faggeto, sino a raggiungere l’Hotel Rigopiano.

La valanga travolse l’albergo, sfondandone le pareti e spostandolo di circa dieci metri verso valle rispetto alla posizione originaria, e precipitò ancora più a valle interrompendo le vie di collegamento con il paese. Il primo allarme, con l’indicazione dell’avvenuta valanga venne dato alle ore 17:40: si trattava di una telefonata, fatta col cellulare di Giampiero Parete, al suo datore di lavoro Quintino Marcella: “È caduto, è caduto l’albergo!“; quest’ultimo diede l’allarme superando una certa incredulità iniziale da parte dei responsabili dei soccorsi in zona. A causa di questa incredulità, la colonna dei soccorsi partirà solo tra le 19:30 e le 20:00 per quella che si rivelerà una difficile marcia di avvicinamento alla zona del disastro.

Al momento dell’impatto, si trovavano nell’area dell’hotel 40 persone, 28 ospiti, di cui 4 bambini, e 12 membri del personale, da ore bloccate nel rifugio a causa dell’abbondante nevicata. L’allarme fu lanciato da un impiegato e un ospite che si trovavano immediatamente fuori dall’albergo, il primo nel locale caldaia e il secondo presso la propria automobile, rimasti solo marginalmente coinvolti dalla slavina. Tuttavia la macchina dei soccorsi si attivò solo dopo le 19:30, in quanto le prime telefonate non furono considerate attendibili dalla prefettura di Pescara (sia per la confusione generata dal crollo di una stalla avvenuta a Farindola la mattina stessa, sia per le informazioni contrastanti fornite alla prefettura dal direttore dell’hotel che era all’oscuro dell’accaduto, sia verosimilmente per la situazione di emergenza in cui versava buona parte dell’Abruzzo).
Essendo interrotte le vie di comunicazione, ostacolata l’avanzata della turbina spazzaneve dalla presenza di tronchi e detriti mescolati a neve sulla strada, vista la nevicata incessante, e nell’impossibilità di utilizzare elicotteri per il maltempo, i soccorritori della Guardia di Finanza e del Corpo nazionale soccorso alpino e speleologico (CNSAS) decisero di staccarsi avanzando con gli sci dalla colonna dei mezzi di soccorso che proseguiva con la turbina spazzaneve, dirigendosi alla volta dell’hotel. Dopo più di due ore di avvicinamento, il gruppo riuscì a raggiungere l’hotel verso le quattro del mattino, soccorrendo i due superstiti, un ospite ed un impiegato dell’albergo, che nel frattempo avevano trovato rifugio in un’autovettura. Iniziarono quindi le ricerche, che portarono al ritrovamento della prima salma. Solo verso mezzogiorno la colonna motorizzata dei mezzi dei soccorsi riesce a raggiungere l’hotel.
Il 20 gennaio la bella notizia, l’unica purtoppo: attorno alle 12:00 e dopo oltre 30 ore furono trovati 6 sopravvissuti nel locale cucine, salvati da un solaio e localizzati anche grazie alle indicazioni di uno dei superstiti che volle ritornare sul luogo per aiutare la ricerca dei sopravvissuti. In tutto vennero recuperate vive nove persone intrappolate nell’edificio, cinque adulti e quattro bambini; gli ultimi superstiti vengono estratti 58 ore dopo la caduta della valanga.
Terminate il 26 gennaio le operazioni di ricerca, delle 40 persone che si trovavano nel rifugio, il bilancio finale sarà di 29 vittime e 11 superstiti. I risultati delle autopsie hanno mostrato che quasi tutte le vittime morirono per traumi a seguito dell’impatto della valanga e asfissia e non per ipotermia. Una delle vittime, in base all’analisi dei messaggi contenuti nel telefono cellulare, sarebbe tuttavia sopravvissuta per oltre 40 ore dopo la valanga.
Una storia di errori, incomprensioni, sottovalutazioni, quella di Rigopiano. Una storia di coraggio, eroismo e determinazione, quella dei soccorritori. La valanga di Rigopiano è molte cose. Un dramma che si aggiunge alle (troppe) calamità che hanno colpito la nostra regione.
Ho mangiato un po’ di neve ma l’ho sputata subito, era mista a chissà cosa, aveva un sapore orribile. Provavo a chiamare Valentina, ma non mi rispondeva. Pensavo a Gaia ma non avevo minimamente idea di quel che era successo, sembrava la fine del mondo. Ad un certo punto mi sono sentito soffocare, con i denti ho fatto una specie di buco sulla maglietta e sono riuscito a strapparmela, non respiravo. Ho sognato di lavorare, di essere qui in pasticceria e di essere chiuso in quel frigorifero e sai perché? Perché lì teniamo l’acqua e io avevo sete“. A parlare alll’Ansa è Giampaolo Matrone, l’ultimo sopravvissuto dell’hotel Rigopiano: lo hanno tirato fuori dopo 62 ore, ha subito 5 interventi al braccio e alla gamba.
Vuoi sapere se avevo capito che Valentina era morta? L’ho saputo un’ora dopo essere uscito di lì ma lo immaginavo. Anche perché per tutte quelle ore l’ho avuta accanto a me, la vedevo come fosse un angelo, mi ha dato la forza per rimanere in vita e tornare da Gaia“.

Ma c’è stato un momento in cui hai capito che eri salvo?” gli chiede il giornalista. “Vuoi la verità? No, non c’è stato. Non ricordo neanche le facce di chi mi ha salvato. Quando li ho visti ho chiesto subito di Valentina e loro mi hanno detto che stava al caldo, per non farmi mollare. Io pensavo solo a Gaia, dovevo tornare a casa da lei, sono rimasto aggrappato alla vita per riabbracciarla e non lasciarla più“. “Ringrazierò sempre chi mi ha salvato, quegli uomini e quelle donne che hanno scavato per ore rischiando la vita. Ma non ringrazierò mai i Corpi a cui appartengono” continua Matrone.

C’è comprensibile rabbia nelle sue parole, c’è dolore. Il dolore di una regione intera. “Forti e gentili” sì, ma fino a che punto? Facciamo in modo, tutti insieme, che i 29 angeli di Rigopiano non siano morti invano, che l’Abruzzo non pianga più di queste vittime! Si rispetti la natura, si impari a convivere con essa, si dia giustizia a chi ha pianto troppo… e non si dimentichi mai questa tragedia!

Abruzzo

Viaggi tra regioni, ok dal 3 giugno

Marco Capriotti

Published

il

viaggio tra regioni

Viaggi tra regioni, ok dal 3 giugno. Finalmente è arrivata la data che , salvo ulteriori sorprese, ci darà la possibilità di viaggiare per tutta Italia, isole comprese.

“Il decreto legge vigente prevede dal 3 giugno la ripresa degli spostamenti infraregionali. Al momento non ci sono ragioni per rivedere la programmata riapertura degli spostamenti. Monitoreremo ancora nelle prossime ore l’andamento della curva”.

Con questa dichiarazione di poco fa il Ministro della Salute Roberto Speranza ha dato il suo placet per i viaggi tra regioni dal 3 giugno prossimo.

Inoltre dal 1 giugno riapriranno palestre, piscine, circoli culturali e ricreativi in Lombardia, come comunicato dal presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana.

Il buon risultato dei dati in possesso, in tutte le Regioni gli indici di trasmissibilità Rt sono al di sotto di 1 e il trend dei nuovi caso è in diminuzione, ha agevolato questa possibilità che per molti vuol dire tornare dai parenti oppure andare nelle seconde case.

Comunque come ci ricordano”si raccomanda cautela specialmente nel momento in cui dovesse aumentare per frequenza ed entità il movimento di persone sul territorio nazionale”. L’emergenza coronavirus non è finita.

Questa è la situazione fino al 3 giugno: https://www.ilmartino.it/2020/05/spostamenti-abruzzo-marche-il-sindaco-truentino-chiarisce/

Gli spostamenti saranno ricordiamo dopo il 3 giugno.

Per info: http://www.salute.gov.it/portale/ministro/p4_3.jsp?lingua=italiano&label=ministro

Continua a leggere

Abruzzo

Coronavirus, ottima notizia dall’Abruzzo: zero nuovi contagi su un totale di 1603 tamponi analizzati

Del totale dei casi positivi, 246 si riferiscono alla Asl Avezzano-Sulmona-L’Aquila, 820 alla Asl Lanciano-Vasto-Chieti, 1517 alla Asl di Pescara e 654 alla Asl di Teramo. Il prossimo report dettagliato sarà inviato mercoledì 3 giugno (per la giornata festiva del 2 giugno). Successivamente sarà trasmesso ogni martedì e venerdì

Valentina Fagnani

Published

il

Lo comunica il Servizio Prevenzione e Tutela della Salute dell’Assessorato regionale alla Sanità: in Abruzzo, dall’inizio dell’emergenza, sono stati registrati 3237 casi positivi al Covid 19, diagnosticati dai test eseguiti nel laboratorio di riferimento regionale di Pescara, dall’Istituto Zooprofilattico di Teramo, dall’Università di Chieti e dal laboratorio dell’ospedale dell’Aquila.

Rispetto a ieri si registra un aumento di 0 nuovi casi, su un totale di 1603 tamponi analizzati.

Nella giornata di ieri (28 maggio) i positivi erano stati 4 su 1521 tamponi analizzati (0.3 per cento). 122 pazienti (-6 rispetto a ieri) sono ricoverati in ospedale in terapia non intensiva (9 in provincia dell’Aquila, 54 in provincia di Chieti, 48 in provincia di Pescara e 11 in provincia di Teramo), 3 (invariato rispetto a ieri) in terapia intensiva (0 in provincia dell’Aquila, 0 in provincia di Chieti, 2 in provincia di Pescara e 1 in provincia di Teramo), mentre gli altri 645 (-48 rispetto a ieri) sono in isolamento domiciliare con sorveglianza attiva da parte delle Asl (16 in provincia dell’Aquila, 130 in provincia di Chieti, 440 in provincia di Pescara e 59 in provincia di Teramo).

Nel numero dei casi positivi sono compresi anche 404 pazienti deceduti (+2 rispetto a ieri). I nuovi decessi riguardano una 92enne di Montenerodomo e un 92enne di Casoli; 2063 dimessi/guariti (+52 rispetto a ieri, di cui 177 che da sintomatici con manifestazioni cliniche associate al Covid 19, sono diventati asintomatici e 1886 che hanno cioè risolto i sintomi dell’infezione e sono risultati negativi in due test consecutivi).

Gli attualmente positivi in Abruzzo (calcolati sottraendo al totale dei positivi, il numero dei dimessi/guariti e dei deceduti) sono 770, con una diminuzione di 54 unità rispetto a ieri. Dall’inizio dell’emergenza Coronavirus, sono stati eseguiti complessivamente 73301 test, di cui 66896 sono risultati negativi. La differenza tra il numero dei test eseguiti e gli esiti, è legato al fatto che più test vengono effettuati sullo stesso paziente. Nel totale viene considerato anche il numero degli esami presi in carico e tuttora in corso.

Il dato riguarda la presa in carico dei pazienti e non coincide necessariamente con la loro residenza anagrafica, in quanto ci sono pazienti residenti in una provincia che sono in cura in una diversa Asl provinciale. Inoltre, per ragioni cliniche, ci sono pazienti che sono stati trasferiti da un ospedale all’altro, anche in presidi di Asl differenti.

Il prossimo report dettagliato sarà inviato mercoledì 3 giugno (per la giornata festiva del 2 giugno). Successivamente sarà trasmesso ogni martedì e venerdì.

Continua a leggere

Pescara

Bussi: 65enne disabile scomparso trovato morto nel fiume

Maria Giulia Mecozzi

Published

il

BUSSI – E’ stato trovato ieri, nelle vicinanze del fiume Tirino, il corpo senza vita del disabile di 65 anni scomparso. Il corpo era nascosto tra le canne.

Immediatamente sono intervenuti i vigili del fuoco e i carabinieri, dopo che il suo deambulatore era stato rinvenuto nei pressi del fiume. Nelle ricerche sono Tati impiegati: droni e unità di sommozzatori fluviali, cinofili e Sapr.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Responsabile: Noris Cretone