fbpx
Connect with us

Ascoli Piceno

Nuovo ospedale del Piceno, una lettera della Regione ai sindaci

Pubblicato

il

ASCOLI PICENO – Lunedì 29 gennaio la Regione Marche invierà una lettera ai sette sindaci dei comuni individuati dall’algoritmo – Ascoli Piceno, Castel di Lama, Colli del Tronto, Maltignano, Monsampolo del Tronto, Monteprandone e Spinetoli – dove verrà chiesto alle varie amministrazioni una proposta di aree idonee per il nuovo ospedale del Piceno, da individuare in base a una serie di caratteristiche.

Queste zone dovranno possedere alcune e specifiche caratteristiche: superficie pianeggiante di minimo 20 ettari; presenza nelle vicinanze di opere di urbanizzazione; accessibilità e vicinanza alle principali vie di comunicazione; preferenza di aree che non presentino vincoli ambientali; preferenza di proprietà già pubbliche.

Il comunicato stampa si conclude dichiarando che: il primo esito dell’algoritmo è servito per trovare la porzione baricentrica di territorio. Dopo l’invio dei siti, l’algoritmo verrà applicato nuovamente alle zone indicate, scegliendo la migliore sotto il profilo tecnico. Alla lettera della Regione i sindaci dovranno rispondere entro il 5 febbraio e l’eventuale assenza di risposta sarà considerata come mancato interesse alla realizzazione del nuovo nosocomio nel proprio territorio comunale. L’infrastruttura rappresenta un progetto territoriale strategico e ormai irrinunciabile per l’Area Vasta 5.

La lettera che sarà inviata:

Spett.le
Sindaco del Comune di Ascoli Piceno
Sindaco del Comune di Castel di Lama
Sindaco del Comune di Colli del Tronto
Sindaco del Comune di Maltignano
Sindaco del Comune di Monsampolo del Tronto
Sindaco del Comune di Monteprandone
Sindaco del Comune di Spinetoli

OGGETTO: Richiesta di proposta di area idonea per il nuovo ospedale del Piceno.

In riferimento alla definizione dell’ubicazione del nuovo ospedale del Piceno con la presente si chiede alle Amministrazioni in indirizzo di proporre la candidatura di eventuali aree idonee, nel territorio comunale di riferimento, alla futura realizzazione.

Le principali caratteristiche che verranno valutate sono le seguenti:

  • Superficie pianeggiante di minimo 20 Ha;
  • Presenza nelle vicinanze di opere di urbanizzazione;
  • Accessibilità e vicinanze alle principali vie di comunicazione;
  • Preferenza di arre che non presentino vincoli ambientali;
  • Preferenza di proprietà già pubbliche.

Per ogni candidatura andrà prodotto il relativo certificato urbanistico, una planimetria con l’indicazione dei lotti proposti con indicazione delle superfici, con evidenziate eventuali proprietà pubbliche, e relativa documentazione fotografica. Le proposte ricevute verranno confrontate e valutate anche in considerazione dei tempi medi di percorrenza necessari all’utenza per raggiungerle. Verranno valutate le sole candidature pervenute entro il prossimo 05/02/2018.

Distinti saluti.

Ancona

Classifica delle migliori imprese marchigiane: Ariston Thermo davanti a tutti, sale Conad

Pubblicato

il

classifica delle migliori imprese marchigiane

La Classifica delle migliori imprese marchigiane è guidata dalla ARISTON THERMO, seguita da CONAD ADRIATICO che per il primo anno supera il miliardo di Euro di vendite. Nel 2020 la ARISTON THERMO è riuscita a contenere l’impatto della crisi con una contrazione delle vendite inferiore a quella media (-2,7%). In termini assoluti la crescita maggiore è stata realizzata da CONAD ADRIATICO che sale per questo di una posizione. Perde tre posizioni la TOD’S che nel 2020 ha registrato un significativo calo delle vendite (-30,4%).

FABRIANO – L’evento di presentazione della Classifica delle migliori imprese marchigiane 2020 è stato curato dalla Fondazione Aristide Merloni – Università Politecnica delle Marche. Sul palco i discorsi di introduzione sono stati tenuti da Francesco Merloni, Presidente della Fondazione, e Federica Capriotti, Presidente del comitato territoriale del comprensorio fabrianese di Confindustria, mentre il rapporto è stato illustrato da Donato Iacobucci, dell’Università Politecnica delle Marche, Martina Orci, della Fondazione Aristide Meloni, Enrico Loccioni, Presidente dell’azienda Loccioni in qualità di rappresentante delle “Eccellenze Marchigiane” e da Roberto Sollevanti, partner PwC.

La Classifica delle imprese marchigiane in pandemia. I risultati conseguiti dalle imprese nel 2020 sono stati pesantemente condizionati dalle misure di limitazione alla mobilità delle persone e di restrizione alle attività economiche indotte dalla necessità di contenere la pandemia da Covid19.

«La pandemia ha colpito duro – è stato spiegato – le restrizioni hanno determinato infatti una contrazione del prodotto interno lordo dell’8,9%, quasi doppia rispetto alla contrazione del 5% che si era avuta nel 2009 a seguito della crisi finanziaria internazionale.

Le stime della riduzione del PIL nelle Marche evidenziano una contrazione superiore alla media nazionale a causa del maggiore peso nella regione di comparti produttivi maggiormente soggetti alla sospensione delle attività; fra questi i diversi comparti della moda. La contrazione delle vendite ha interessato circa i due terzi delle imprese (68,2%), mentre poco meno di un terzo (31,8%) ha registrato una variazione positiva, in molti casi anche a due cifre.

Possiamo dire comunque – viene sottolineato – che siamo in un momento congiunturale particolarmente favorevole (la crescita del PIL a fine anno è prevista al +6%), che fa seguito ad una caduta del PIL nel 2020 (-9%) che è stata la più elevata dal secondo dopoguerra, superiore anche a quella verificatasi nel 2009 a seguito della crisi finanziaria. Le Marche sono state particolarmente penalizzate nella fase recessiva a causa della specializzazione settoriale. Vi sono però segnali incoraggianti riguardo alla capacità del sistema manifatturiero regionale di agganciare la ripresa e, soprattutto, di rimanere vitale e competitivo in una prospettiva di medio termine.

Per alcuni settori, come quello della ristorazione e della moda appunto, la riduzione dei volumi di attività è stata largamente superiore alla media; altri settori, come il farmaceutico o l’alimentare, hanno fatto registrare variazioni positive. Differenze considerevoli si riscontrano anche fra imprese appartenenti allo stesso settore in relazione alle tipologie di prodotto, ai mercati serviti e ai canali di vendita.

I criteri di inclusione delle imprese nella Classifica sono rimasti invariati rispetto agli anni precedenti e si basano su un duplice criterio: dimensionale e territoriale. Con riferimento al criterio dimensionale nella Classifica sono considerate le prime 500 imprese per valore delle vendite. Con riferimento al criterio territoriale sono incluse le imprese che hanno la principale sede operativa nelle Marche, indipendentemente dalla proprietà e dalla sede legale. Accanto alle imprese manifatturiere, tradizionalmente incluse nella Classifica, sono presenti imprese appartenenti al settore primario (agricoltura) e ai diversi comparti del terziario. Si tratta di società di capitali, società cooperative o consorzi per i quali sono pubblicamente disponibili i dati di bilancio».

Daniele Gattucci

Continua a leggere

Ascoli Piceno

San Benedetto del Tronto: possesso di marijuana e hashish, segnalati 10 giovani

Pubblicato

il

Carabinieri notte (ilmartino.it)

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – La Compagnia dei Carabinieri di San Benedetto ha segnalato alla Prefettura di Ascoli Piceno, dieci giovani tra cui uno minorenne, per consumo di marijuana e hashish. Le sostanze in loro possesso sono state sequestrate.

Continua a leggere

Ascoli Piceno

Bisarca in fiamme sulla A14 tra San Benedetto e Grottammare

Pubblicato

il

bisarca in fiamma sulla A14 tra San Benedetto e Grottammare

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Bisarca in fiamme in autostrada. I vigili del fuoco sono intervenuti sulla A14 per l’incendio che ha coinvolto una bisarca al km 307,900, in direzione nord tra San Benedetto del Tronto è Grottammare. Il mezzo pesante stava trasportando due furgoni.

I pompieri sambenedettesi hanno evitato che le fiamme si propagassero in tutto il camion e nel relativo carico. Non sono ancora state accertate le cause che hanno provocato l’incendio, ma sembrerebbe che il rogo si sia originato dalle ruote posteriori del camion, a causa del blocco dei freni. Fortunatamente, è stato spento prima che le fiamme raggiungessero i due furgoni caricati sul mezzo di trasporto pesante.

Il conducente della bisarca in fiamme in A14 non è è rimasto coinvolto in maniera seria e non ha riportato ferite.

Pierpaolo Mascia

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Responsabile: Luigi Tommolini | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Martinsicuro (TE) via metauro 10/A, 64014 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€

Privacy Policy