Samb: “5 gennaio !!! Derby sarààà!!!…..!!!”. 32 anni fa l’ultimo e unico Derby giocato al “Riviera”. (Foto Gallery)

23° del secondo tempo: Sauro Fattori ha appena scoccato il tiro del pareggio: Samb 1 Ascoli 1

“5 gennaio… derby sarààààà… *****!!!!!”…, con la terza strofa “censurata”, si cantava a San Benedetto già in estate, all’uscita dei calendari della serie B 1985/86, stagione in cui il neo-retrocesso Ascoli di Costantino Rozzi e Vujadin Boskov si apprestava ad incontrarsi con la Samb di Ferruccio Zoboletti e Giampietro Vitali in una gara di campionato.

Ecco, dunque, che il “derby”, il più sentito delle Marche (e d’Italia?), tornava dopo 8 anni (26 marzo 1978, giorno di Pasqua, l’ultimo giocato al “Fratelli Ballarìn”) e, all’epoca, sembrava essere passata un’eternità.

Il 21° derby nel dopoguerra tra Samb e Ascoli andava in scena per la prima (e sarà l’unica) volta al “Riviera delle Palme”, stadio che aveva “esordito” soltanto 5 mesi prima, il 13 agosto 1985 con l’Amichevole Samb-Milan.

Domenica 5 gennaio 1986 era la diciassettesima giornata di andata: l’Ascoli era primo a 23 punti, la Samb a metà classifica con sette punti in meno, dopo che fino a novembre aveva navigato nelle primissime posizioni della classifica.

Trecento (un numero enorme per l’epoca) erano i poliziotti che facevano servizio quel giorno con i tifosi ascolani (circa 200) a richiedere la scorta speciale, poi negata.

La partita era diretta da Pietro D’Elia di Salerno, arbitro internazionale.

Nel primo tempo la “giacchetta nera” sorvolava su alcuni falli in area ascolana, nella ripresa non era attento su azioni di fuorigioco, penalizzando i rossoblù locali.

La rete di Barbuti al quarto d’ora della ripresa scuoteva la Samb e il “Riviera” stracolmo.

Trascorreva una decina di minuti quando il compianto Tiziano Manfrin si procurava un calcio di punizione dal limite, posizione centrale spostato un po’ a sinistra, fronte d’attacco Samb, all’interno della “lunetta” dell’area ascolana.

Sulla sfera Manfrin e Sauro Fattori: era quest’ultimo che bruciava sul tempo l’esecuzione del compagno e di sinistro insaccava a fil di palo, raggirando la barriera, alla destra del disperato portiere bianconero Roberto Corti.

Tripudio sul campo e sugli spalti, marasma generale…

I rossoblù andavano vicino anche alla rete del successo ma la gara finiva 1-1.

Samb in festa per aver riagguantato il pari.

Il martinsicurese Guido Di Fabio (appena ventenne) e Tiziano Manfrin, tra i migliori.

Il fiorentino Sauro Fattori entrato nella storia per aver segnato all’Ascoli…

… poi anni e anni…

…ne sono trascorsi 32 da quel memorabile 5 gennaio al “Riviera delle Palme”…

Sul campo “il derby” manca da tanto tempo…

…troppo…


FOTO GALLERY

Striscione bianconero a brandelli, “bottino di guerra” degli ULTRAS SAMB

 

23° del secondo tempo: Sauro Fattori ha appena scoccato il tiro del pareggio


ARTICOLI CORRELATI

Samb-Ascoli: un derby lontano 30 anni ma sempre molto caldo e acceso