fbpx
Connect with us

Abruzzo

Parco d’Abruzzo ferma appalto da 207.000 euro sulla Piana di Opi dopo l’esposto della SOA

Pubblicato

il

Si possono spendere centinaia di migliaia di euro per rimediare ad interventi incoerenti senza pretendere che siano gli autori a contribuire a pagare il conto? Sarebbe, a nostro avviso, una ordinaria storia di schizofrenia amministrativa ed economica all’italiana ma a giudizio della SOA assume particolare gravità in quanto avviene nel pieno del parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, in un Sito di Interesse Comunitario e in una Zona di Protezione Speciale per l’Unione Europea. 
 
Nei giorni scorsi avevamo divulgato che il Parco vuole spendere oltre 207.000 euro per una serie di interventi nella Piana di Opi, tra cui l’abbattimento di grandi alberi, che consideriamo del tutto errato, e il movimento di ghiaia per oltre 2.000 mc, prendendola da grandi accumuli sulle sponde e ributtandola nell’alveo. Un’iniziativa che effettivamente potrebbe essere utile se fatta con tutte le cautele del caso. 
 
La cosa era però parsa strana essendo generica sulle motivazioni dell’intervento. Inoltre il parco aveva approvato il progetto esecutivo bandendo la gara addirittura prima di ottenere la Valutazione di Incidenza Ambientale. Il Parco ha effettuato un sopralluogo sul posto ed effettuato una serie di ricerche di atti da cui sono emersi particolari molto interessanti. 
 
Intanto questi grandi accumuli di ghiaia lungo il fiume, del tutto innaturali e posti a mo’ di argine per circa 1 km, derivano in larga parte da lavori recenti. Inoltre ci sono anche rifiuti ingombranti sparsi per la piana. Rintracciate ben 3 determine del Comune di Opi del 2014, 2015 e 2016 in cui si affidavano lavori proprio lavori di “pulizia dell’alveo” del fiume Sangro e rifacimento di argini. 
 
La SOA ha, quindi, presentato un esposto e dopo poche ore ieri l’Ente Parco ha scritto confermando la sospensione della gara in attesa della procedura valutativa. Per quanto riguarda i lavori svolti precedentemente sul fiume Sangro, a parte i termini usati nelle determine, che rimandano più alle pulizie di un androne di un palazzo che a interventi su un prezioso ecosistema, nell’esposto abbiamo posto all’Ente parco (e alla Procura di Sulmona) le seguenti domande: 
 
1)i lavori promossi dal Comune di Opi erano stati autorizzati dall’Ente Parco? 
 
2)tali interventi erano stati sottoposti a Valutazione di Incidenza Ambientale? 
 
3)poiché la Piana di Opi si può controllare facilmente dalla SS.83 Marsicana che la costeggia, i vari interventi, del comune o di altri soggetti, sono stati sottoposti a controlli? 
 
In particolare la SOA ha chiesto di sapere, visto che gli interventi di movimentazione dei sedimenti previsti nel progetto paiono andare nella direzione esattamente opposta rispetto a quanto fatto precedentemente, come mai non si agisce “in danno” per la rimessa in pristino dei luoghi tanto alterati da meritare un intervento dell’Ente Parco. 
 
Su tutte queste domande la lettera dell’Ente Parco sorvola completamente. Sulla richiesta di segretazione della documentazione che avevamo stigmatizzato l’Ente sostiene che si sia trattato di un mero errore. Infine sul taglio dei grandi alberi della vegetazione ripariale avevamo fatto notare che nelle relazioni non vi erano neanche i numeri delle piante da tagliare e che non risultavano citate le autorizzazioni della regione per il taglio. Ora il parco da un lato ammette che l’autorizzazione della regione non l’ha ancora ottenuta e dall’altro sostiene che sono 14 le piante interessate e che ci sarebbero questioni di deflusso delle acque. Qui si raggiunge il massimo della confusione. A parte il potenziale impatto negativo del taglio sulla fauna (in quell’area gli alberi senescenti o morti ma ancora eretti sono usati dal Picchio dorsobianco per l’alimentazione in inverno, dai chirotteri, da insetti tutelati dalla UE) , facciamo notare che l’intero intervento proposto dal parco è fatto in una zona che non pare avere alcun problema idraulico, dove fortunatamente il fiume allaga la piana liberamente come dovrebbe fare anche in altri posti! La stessa rimozione degli argini di ghiaia promossa dal progetto va proprio in questa direzione! Ribadiamo quindi le nostre richieste: a)di escludere qualsiasi abbattimento di alberi; b)di agire in danno facendo pagare gli interventi di movimentazione della ghiaia anche a chi ha creato le condizioni da rimuovere; c)di riformulare il quadro economico inserendo somme per la rimozione dei rifiuti che sono presenti lungo il fiume.
 
La SOA continuerà a monitorare il progetto affinché si seguano procedure corrette e i costi di eventuali interventi errati non ricadano sulla collettività.

Abruzzo

Martinsicuro: avviso chiusura al pubblico Polizia Locale

Comunicazione dal sito del Comune vibratiano

Pubblicato

il

Foto IL MARTINO

Il sito del Comune di Martinsicuro avvisa della chiusura del Comando della Polizia Locale. Ecco il testo.

Si informa la cittadinanza che la sede del Comando di Polizia Locale del Comune di Martinsicuro sita in Via Tordino rimarrà chiusa al pubblico dal 21 gennaio al 25 gennaio 2022.

Contatti:
Centralino Polizia Locale 0861 / 79551
Fax 0861 / 795529
e-mail poliziamunicipale@comune.martinsicuro.te.it
Posta elettronica certificata poliziamunicipale@pec.comune.martinsicuro.te.it

Continua a leggere

Abruzzo

Alba Adriatica: morto l’imprenditore Moscardelli

Candidato Sindaco a Martinsicuro nel 2007

Pubblicato

il

Qualche giorno fa si è spento l’imprenditore vibratiano Angelo Moscardelli.

A 79 anni lascia la moglie e quattro figli.

Nel 2007 è stato candidato alla carica di sindaco a Martinsicuro. Elezioni vinte dal centro-destra di Abramo Di Salvatore, davanti a Città Attiva di Paolo Camaioni e alle due liste di Centro-Sinistra capeggiate rispettivamente da Mauro Paci ed Ignazio Caputi.

Moscardelli prese 160 voti.

Continua a leggere

Abruzzo

Abruzzo zona Arancione: ecco le (poche) cose che cambieranno

Pubblicato

il

L’AQUILA – L’Abruzzo, da lunedì, torna a tingersi di arancione. Per la zona arancione, adesso, le restrizioni sono differenti rispetto al passato e non riguardano chi possiede il super Green pass (vaccinazione o avvenuta guarigione), bensì soltanto i soggetti non vaccinati.

Per chi non ha il green pass, gli spostamenti con mezzo proprio verso altri comuni della stessa Regione o verso altre Regioni/P.A. sono consentiti solo per lavoro, necessità, salute o per servizi che non siano disponibili nel proprio comune (ed è necessaria in questi caso l’autocertificazione). Restano consentiti invece gli spostamenti dai comuni con un massimo di 5.000 abitanti, verso altri comuni entro i 30 km, tranne che verso il capoluogo di provincia. È vietato l’accesso ai negozi presenti nei centri commerciali nei giorni festivi e prefestivi (tranne alimentari, edicole, librerie, farmacie, tabacchi).

A chi ha il green pass base, che si ottiene con tampone negativo, è vietato l’accesso ai negozi presenti nei centri commerciali nei giorni festivi e prefestivi (eccetto alimentari, edicole, librerie, farmacie, tabacchi), l’effettuazione di corsi di formazione in presenza e la pratica di sport di contatto all’aperto.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore vicario: Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Martinsicuro (TE) via Metauro 10/A, 64014 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.

Privacy Policy