Teramo, incendia il portone dello studio del suo avvocato per vendetta. Ricoverato in tso

Denunciato per incendio doloso, il magistrato ha inoltre deciso per l'applicazione di un trattamento sanitario obbligatorio

TERAMO – Episodio terribile in pieno centro cittadino. Protagonista un uomo che aveva intenzione di vendicarsi dell’avvocato che lo aveva fatto condannare per reati precedenti. Stamane, alle prime luci dell’alba, ha dato fuoco al tappeto posto sul portone d’ingresso del suo studio, sul viale dei Tigli.

Molto fumo, denso, che ha portato i Vigili del Fuoco a far evacuare sei famiglie. Vigili chiamati dall’uomo stesso, che ha deciso successivamente anche di costituirsi in questura.

Già ieri l’uomo aveva mostrato atteggiamenti opinabili tentando di entrare in tribunale, probabilmente per avvicinare il giudice che qualche tempo fa lo aveva condannato; ovviamente gli era stato impedito l’avvicinamento: lui di tutta reazione, aveva strappato la bandiera italiana ottenendo una denuncia per vilipendio alla bandiera.

Ricoverato nelle ore successive in Psichiatria per essersi denudato e aver minacciato gesti autolesionistici, dall’ospedale si è defilato in nottata per procedere col gesto minaccioso di questa mattina.

Denunciato per incendio doloso, il magistrato ha inoltre deciso per l’applicazione di un trattamento sanitario obbligatorio.