fbpx
Connect with us

Abruzzo

Teramo, una rete per le donne. Questo pomeriggio alla sala polifunzionale presentazione della “rete di servizi per le donne”

Pubblicato

il

TERAMO – La Asl di Teramo, la Provincia e la Commissione provinciale Pari Opportunità hanno deciso di “festeggiare” insieme l’ 8 marzo con due iniziative che sfuggono alla retorica della Festa della Donna all’insegna dell’informazione/formazione sulla rete dei servizi pubblici dedicata all’universo femminile e della riflessione sulle Politiche di Pari Opportunità a 30 anni dall’istituzione della Commissione Provinciale, la prima in Abruzzo, fra le prime in Italia.

Le dichiarazioni dei partecipanti alla conferenza stampa che si è svolta questa mattina nella sala consiliare della Provincia per presentare le iniziative in programma il 7 e l’8 marzo.

Accoglienza, sostegno, servizi, la Asl di Teramo, la Provincia e la Commissione provinciale Pari Opportunità si preparano a celebrare la Festa della Donna con una serie di iniziative che ha come obiettivo quello di trasmettere l’esistenza di una “rete” istituzionale per le donne perché, come ha sottolineato questa mattina in conferenza stampa da Renzo Di Sabatino: “con questi appuntamenti aumentiamo l’informazione ma con la rete aumentiamo la protezione e anche i fatti di cronaca degli ultimi giorni dimostrano che ci sono criticità da superare”.

Due gli appuntamenti in programma: “Si comincia il 7 marzo quando nella sala consiliare della Provincia si ritroveranno le presidenti e le componenti delle nove Commissioni pari opportunità della Provincia, primo ente in Abruzzo e fra i primi in Italia, ad istituirla nel 1987. In questi trent’anni,  da Teramo, sono state condotte battaglie importanti: uguaglianza salariale, congedo di maternità, molestie sui luoghi di lavoro, la legge per garantire le quote rosa  nelle liste elettorali e la rappresentanza di genere nelle Amministrazioni pubbliche, il femminicidio, la costruzione della rete antiviolenza, l’istituzione del Centro antiviolenza e della casa di accoglienza “Maya”. L’ultima scommessa, in ordine di tempo, quella che ci vede impegnate a far rispettare la legge Golfo sulla rappresentanza di genere nei Consigli di amministrazione delle partecipate pubbliche. In provincia ne abbiamo contate almeno una trentina, gli abbiamo scritto  chiedendo a quelle che non lo sono di mettersi in regola e di nominare le donne nei cda” ha spiegato la presidente della CPO, Tania Bonnici Castelli. All’incontro partecipa anche Lea Melandri, giornalista, scrittrice, femminista della prima ora, oggi presidente della Libera Università delle Donne di Milano (vedi invito allegato).

L’8 marzo, alla sala Polifunzionale, ci si ritrova per parlare della rete dei servizi dedicata alla cura e all’assistenza delle donne gestita da Asl e Provincia (vedi locandina allegata). “Finalmente c’è una rete – ha dichiarato Anna Marcozzi che dirige il Dipartimento materno-infantile della Asl – questo è il messaggio forte perché serve a far sentire più protette le donne e a convincerle e rivolgersi alle istituzioni quando ne hanno bisogno. Prendere in carico le donne non significa solo prendere in carico la malattia ma occuparsi anche di aspetti psicologici, sociali e familiari. La Asl di Teramo da questo punto di vista ha mostrato grande attenzione con una serie di servizi dedicati: dai reparti di ostetricia e ginecologia che sono entrati a far parte del network Bollini Rosa, alla Medicina di genere al Codice Rosa del pronto soccorso. L’8 marzo i reparti di Teramo e Sant’Omero saranno aperti tutto il giorno, un open day che consentirà alle donne di accedere gratuitamente e senza impegnativa ad una serie di servizi clinico-diagnostici con un focus speciale sui fibromi uterini (per le info vedi cartella stampa ndr). Il convegno del pomeriggio servirà a dare un’ampia informativa sia ai professionisti della salute e del sociale sia ai cittadini”.

Da quando abbiamo deciso di gestire in proprio il Centro antiviolenza la Fenice migliorando, nel contempo, le condizioni di accesso a Casa Maya, la risposta delle donne è stata forte e importante: non dimentichiamo che in Abruzzo ci sono solo due case di accoglienza per donne maltrattate e che da noi arrivano anche donne di altre provincie. Il nostro impegno è quello di rafforzare la rete antiviolenza che esiste e che, non dimentichiamolo, è molto ampia: dalla Procura alla Prefettura, dalle Forze dell’Ordine ai servizi sociali dei Comuni, dalla Asl fino alle associazioni di volontariato. Una rete che va continuamente monitorata per valorizzare quello che funziona e anche per esaminarne le criticità e aggiustare il tiro quando ce n’è bisogno. I fatti di Latina testimoniano che non sempre tutto funziona come dovrebbe e solo una stretta collaborazione fra tutti gli attori della filiera può invertire i dati, ancora troppo drammatici, sul femminicidio e sulla violenza di genere”: queste le parole della consigliera provinciale delegata alle Pari OpportunitàFederica Vasanella.

Piena soddisfazione è stata espressa dal manager della Asl, Roberto Fagnano per questa “rinnovata collaborazione istituzionale che farà molto bene alle donne, da parte nostra c’è un importante impegno sui servizi, impegno che in questi anni ha dato risultati importanti come il Premio Bollino Rosa che ci ha consentito di aderire al progetto del Ministero e di poter offrire gratuitamente alla popolazione femminile una serie di servizi in maniera del tutto gratuita”.

Teramo

Grande successo per Segura Tempora a Martinsicuro

Pubblicato

il

martinsicuro segura tempora 2024 marcello monti
Martin de Segura quest'anno è stato impersonato dall'assessore Marcello Monti

Un emozionante viaggio nel tempo che ha riportato Martinsicuro alle origini, ovvero ai tempi di Martin de Segura, nobile spagnolo e alto funzionario del Regno di Napoli che ha dato il nome alla città.

TERAMO – Una due giorni ricca di storia, cultura e spettacolo, che ha visto una grande partecipazione di cittadini e turisti a Martinsicuro, in occasione della IV edizione di Segura Tempora.

Ampia platea sia al sabato con lo spettacolo di falconeria di Alessandra Giampaoli e il banchetto storico, che per il gran finale di domenica con il corteo che ha animato il lungomare fino a piazza Cavour dove è andato in scena lo spettacolo “Luce” a cura della Compagnia dei folli, aperto dalla suggestiva esibizione di sbandieratori e tamburini.

«È stata una bellissima edizione – le parole di una soddisfatta Giuseppina Camaioni, delegata alla Cultura del Comune di Martinsicuro – ogni anno Segura Tempora si arricchisce grazie alla straordinaria collaborazione con i comitati di quartiere della città e tutte le associazioni coinvolte. Un grazie di cuore a tutti loro e al Gruppo Archeologico del medio Adriatico che, nella persona del presidente Lino Tucci, ha curato magistralmente la direzione artistica dell’evento cogliendo in maniera impeccabile l’obiettivo che ci siamo posti: ossia valorizzare la millenaria storia di Martinsicuro e dei suoi beni culturali, ma anche degli usi e delle tradizione di quel preciso periodo storico».

Continue Reading

Teramo

Malmenato e rapinato alla stazione di Giulianova: tre arresti

Pubblicato

il

rapinato in stazione arresti della polfer polizia ferroviaria treni

I fatti si sono svolti in aprile, ma le indagini si sono concluse soltanto nei giorni scorsi. Oltre a questo episodio, a carico dei tre presunti responsabili sono stati ascritti altri reati commessi in concorso.

TERAMO – Nell’aprile scorso hanno aggredito e rapinato un cittadino straniero nel piazzale antistante la stazione dei treni di Giulianova. In quell’occasione, sono stati immortalati dalle telecamere dei sistemi di videosorveglianza e questo ha permesso agli agenti di Polizia Ferroviaria di riconoscerli, nei pressi del luogo del delitto.

Tre persone di cittadinanza italiana sono stati arrestati per la rapina aggravata ed altri reati commessi in concorso. Per due di essi sono scattati i domiciliari, mentre un altro è finito in carcere.

Quando sono stati riconosciuti ed avvicinati nei pressi della stessa stazione, uno di loro ha cercato di aggredire gli agenti di Polfer intervenuti, con un paio di forbici che aveva in tasca. Immobilizzato, è stato arrestato, mentre gli altri due sono stati indagati a piede libero. Dai successivi approfondimenti però sono emersi nuovi indizi nei confronti dei tre che hanno rapinato una persona alla stazione di Giulianova, legati ad altri episodi delittuosi, che hanno portato alle misure emesse dal Gip lo scorso 20 luglio.

Continue Reading

Teramo

Anziano truffato e rapinato al bancomat a Teramo: un arresto

Pubblicato

il

squadra-mobile-polizia

Lo scorso 4 aprile un uomo ha truffato un anziano a Teramo, convincendolo ad inserire il suo pin ad un bancomat: prelevati 1000 euro.

TERAMO – Le indagini sono durate alcuni mesi, ma alle prime dello scorso sabato 20 luglio, la Squadra Mobile ha arrestato e condotto in carcere l’uomo di 47 anni che lo scorso 4 aprile ha truffato e derubato un anziano ad un bancomat.

Con una scusa e con fare amichevole, l’uomo ha agganciato la sua preda in Viale Bovio. spacciandosi per un rappresentante di oggetti preziosi, proponeva all’anziano un affare imperdibile: tutto a 100 euro. Il signore vittima del raggiro ha accettato, ma non avendo con sé il denaro si è recato ad uno sportello bancomat, in compagnia del truffatore.

Qui, con il pretesto di essere più pratico e spostando letteralmente di peso l’anziano, l’uomo si è impadronito dei comandi dello sportello, quando il pin era ormai già stato inserito. Ha prelevato 500 euro e li ha fatti sparire in tasca, senza che la vittima del raggiro si accorgesse di nulla. L’assenza di scontrino è stata giustificata come un errore dell’ATM.

Sembra difficile riuscire a prelevare il denaro dalla cassa automatica senza farsi scoprire, eppure il quarantasettenne ci è riuscito. Due Volte. L’anziano infatti si è dimostrato interessato all’acquisto e l’intera operazione è stata ripetuta. In questo modo il malintenzionato ha prelevato mille euro. E consegnando in cambio paccottiglia di scarsissimo valore.

Una volta resosi conto di essere stato truffato, l’anziano ha sporto denuncia in Questura e sono state avviate le indagini per risalire al presunto responsabile.

Continue Reading

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore: Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Martinsicuro, Via Gabriele D'annunzio 37, Cap 64014 - Sede Operativa: Alba Adriatica (TE) via Vibrata snc, 64011 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.