Controguerra, al via il secondo mandato di Franco Carletta

CONTROGUERRA – È stato Franco Carletta il primo sindaco abruzzese ad essere eletto nella tornata elettorale che ha coinvolto 31 Comuni nella regione domenica 10 giugno. Per il primo cittadino di Controguerra la sfida era infatti contro il quorum, essendo l’unico candidato del comune vibratiano. Sfida vinta, dato che già alle 21 aveva votato il 51 per cento degli aventi diritto.

La vittoria di Franco Carletta è arrivata, ufficialmente, alle 2.35 di lunedì quando il Presidente di Seggio della prima sezione di Controguerra, l’Avvocato Paolo Gatti, si è riunito insieme agli altri tre presidenti delle restanti sezioni e, dopo aver constatato il numero dei votanti e quello delle schede bianche e nulle, che non doveva superare la metà del quorum, ha dichiarato la validità delle elezioni e ha nominato Carletta sindaco di Controguerra. La proclamazione è avvenuta di fronte a circa 100 persone, nonostante l’ora tarda, e il Presidente Gatti era visibilmente emozionato.

1244 in tutto i votanti a Controguerra per un totale di 1184 voti validi, dato che le schede bianche sono state 32 e quelle nulle 28, per un totale di 60. Tra i candidati consiglieri, che entreranno tutti nel Consiglio comunale composto, dunque, da soli esponenti della lista di maggioranza, il più votato è stato l’ex Assessore alla Cultura Fabrizio Di Bonaventura, che ha raccolto il 24,78% delle preferenze, superando l’ex sindaco Mauro Giovanni Scarpantonio (16,52%) e la sorpresa Ivano Iozzi (13,17%). Molto bene anche Cristina Macci e Giuseppe Nardini (entrambi 7,25%) e Marco Di Filippo (7,14%).