fbpx
Connect with us

Macerata

RisorgiMarche: gran finale con Jovanotti. Record di presenze

Published

on

MATELICA (MC) – Il popolo di RisorgiMarche anche questa volta ha sfidato le temperature proibitive di inizio agosto e i numerosi chilometri da percorrere a piedi, per festeggiare, nell’ultima tappa del Festival (con un concerto a sorpresa, ufficializzato solo giovedì) un grande protagonista della musica italiana: Jovanotti.

Sarà una giornata che ricorderemo per tutta la vita – annuncia Neri Marcoré- il primo come sempre ad arrivare nell’area dedicata al concerto- RisorgiMarche è amore e passione per questa terra, per la musica e per la volontà di fare insieme qualcosa di concreto”.

Ed è così che ieri, alle 16.30, è iniziata la grande festa. Una vera e propria Woodstock marchigiana, che sarà certamente ricordata come il concerto dei concerti” anche grazie alla carica dei 70000 che l’hanno resa memorabile.

Voi siete matti! Quanta passione, quanta dedizione, grazie per avermi invitato”, sono le prime parole di Jovanotti, visibilmente emozionato all’arrivo nell’arena naturale dell’Abbazia di Roti di Matelica, circondato da un mare colorato di gente, dove ieri si è conclusa la seconda edizione di RisorgiMarche.

Sul prato di Matelica, dopo 67 concerti sold out in tutta Italia e oltre 600 mila spettatori, arriva finalmente la carica dirompente di Jovanotti con la sua band: Riccardo Onori (chitarra), Leonardo D’Angilla (percussioni), Gianluca Petrella (fiati) e il marchigiano Saturnino, amico di Lorenzo e suo compagno sul palco da 28 anni. Una jam session ma questa volta senza tecnologia e sotto al sole. Una gran festa sui prati, di domenica pomeriggio, nello spirito di RisorgiMarche.

Sarà un concerto speciale, diverso (così lo stesso Jovanotti aveva dichiarato sui Social, invitando la gente a portare chitarre e altri strumenti) improvviseremo con quello che troviamo sul posto, portandoci il minimo indispensabile di strumentazione”. E così è stato.

Il Lorenzo nazionale, un artista che anche in questo contesto per lui inusuale ma allo steso tempo avvincente, (“Sono 30 anni che suono ma su un prato di pomeriggio non mi era mai capitato”) ha saputo coinvolgere una folla oceanica, invitando la gente a suonare e cantare vicino a lui durante “L’ombelico del Mondo”, che si è trasformato in un grande abbraccio collettivo.

Quanta bellezza e quanto cuore, oggi mi avete dimostrato che si cade e ci si rialza, che anche un dramma così può essere un’occasione di rinascita. Avete creato qualcosa di bellissimo”. Un grande Jova che tra un pezzo e l’altro non ha  fatto mai mancare la sua solidarietà e i suoi ringraziamenti al popolo marchigiano.

Tra i pezzi in apertura L’italiano di Toto Cutugno (che poi Jova trasforma in “Un marchigiano”) diventa un omaggio alla popolazione delle Marche. Poi via via in un crescendo i successi dell’ultimo album si fondono con pezzi storici: Le Canzoni, Lestate addosso, L’ombelico del mondo che fa letteralmente saltare l’arena, Sbam, Fango, A te, Che sarà, cantata assieme a Neri Marcoré, introdotta da una riflessione su chi ancora oggi si trova nella condizione di emigrante, costretto a lasciare la propria terra non solo in cerca di fortuna ma anche, nel caso specifico del popolo marchigiano, a causa dal terremoto.

Viva la Libertà, Un ragazzo fortunato, Non m’annoio e altri pezzi che hanno segnato la sua carriera fanno spiccare il volo ad un live che rimarrà nella storia di questo Festival, non solo per il record di presenze ma per l’umanità, il calore e la carica che questo grande artista è riuscito a regalare in un’ora e mezza ad una folla in delirio.

Si conclude così una seconda edizione ricchissima, che si somma alla prima, per un bilancio complessivo considerevole in termini di presenze e ricaduta economica sul territorio. Un Festival che vuole contribuire a ricostruire un senso di comunità, di appartenenza e sostenere lo spirito di chi ha subìto danni e perdite dal terremoto del 2016 – a promozione turistica di un territorio che neanche molti marchigiani conoscevano fino in fondo e che si è fatto scoprire altresì da tante persone venute da diverse regioni.

Tantissimi gli artisti che nel corso delle due edizioni di RisorgiMarche hanno deciso di esibirsi gratuitamente e di condividere con il pubblico un’esperienza unica, supportando con il loro contributo artistico le popolazioni ferite dal sisma.

RisorgiMarche 2018, nelle sue sedici tappe, non è stata solo una grande festa della musica e della solidarietà, ma una profonda esperienza collettiva, un modo diverso di vivere e far (ri)scoprire il territorio e la sua gente. Solidarietà, comunione, rispetto per i luoghi e per la loro bellezza, riuscendo, attraverso la musica, a mantenere una luce accesa su queste zone duramente colpite. Per chi come noi l’ha vissuta e seguita da vicino, passo dopo passo, RisorgiMarche è stata tutto questo.

Macerata

Civitanova, la Gdf sequestra 640 mila euro ad una ditta di vernici

Published

on

Civitanova-gdf-sequestro-640-mila-euro

Operazione frutto dell’accordo di collaborazione tra Guardia di Finanza, Agenzia delle Entrate e Procura di Macerata. Sequestro da circa 640 mila euro ad una ditta di vernici di Civitanova per indebita compensazione di credito d’imposta.

CIVITANOVA MARCHE – Ingente il sequestro disposto nei confronti di una ditta operante nel settore delle vernici. Circa 640 mila euro, sequestrati dai conti correnti, e dai beni, della ditta per indebita compensazione del credito d’imposta.

Il sequestro, si inserisce nell’ambito dell’accordo di collaborazione che le fiamme gialle nel 2015 hanno stretto con la Procura di Macerata e l’Agenzia delle Entrate, al fine di rafforzare i controlli in materia di evasione fiscale.

E così, per quanto riguarda la vicenda in questione, la segnalazione partita dall’Agenzia delle Entrate, è stata girata dalla Procura alla Compagnia di Civitanova della Guardia di Finanza. In base alle accuse, la ditta avrebbe dichiarato crediti d’imposta non veritieri. In seguito alle indagini, coordinate dalla Procura, il Gip ha disposto il sequestro preventivo finalizzato alla confisca.

Continue Reading

Macerata

Contatori in fiamme, intero condominio evacuato a Civitanova

Published

on

CIVITANOVA MARCHE – A seguito di un incendio di contatori elettrici all’interno di un condominio di tre piani a Civitanova Marche (Macerata), l’intero edificio stato evacuato per i danni allo stabile e una persona è dovuta ricorrere alle cure del 118 per via del fumo che aveva inalato.

Come riporta l’Ansa, è accaduto verso le ore 14 in un palazzo in via Andrea Dorian. La squadra dei vigili del fuoco di Civitanova Marche ha provveduto a spegnere le fiamme e, in un primo momento, a evacuare le due famiglie presenti nello stabile con l’ausilio degli auto-protettori per facilitargli la respirazione. Un uomo è stato affidato alle cure dei sanitari per una intossicazione da fumo. L’intero condominio è stato poi successivamente evacuato per i danni provocati dall’incendio. In seguito i pompieri hanno messo in sicurezza l’area dell’intervento.

Continue Reading

Macerata

Cede una dose di cocaina in un bar a Civitanova: arrestato

Published

on

La GdF di Civitanova Marche e Porto Recanati ha sequestrato 5600 articoli potenzialmente pericolosi

La Guardia di Finanza ha arrestato per spaccio un uomo dopo aver eseguito un controllo in un bar di Civitanova Marche con l’ausilio dell’unità cinofila, che ha fiutato una dose di cocaina in tasca ad un ragazzo. Questi, interrogato dalle forze dell’ordine, ha detto loro dove e quando l’aveva acquistata.

CIVITANOVA MARCHE – Durante un’attività di controllo del territorio, le fiamme gialle maceratesi hanno arrestato in flagranza di reato un uomo, già gravato da numerosi precedenti per episodi analoghi, per spaccio di sostanze stupefacenti.

Gli uomini della Guardia di Finanza hanno effettuato un controllo in un bar, con l’ausilio dell’unità cinofila. Al fiuto dei cani non è sfuggita una dose di cocaina che un ragazzo celava. Interrogato dai militi, questi ha rivelato loro di averla acquistata poco prima, all’interno dello stesso esercizio commerciale.

I militi allora hanno identificato l’uomo che gliela aveva ceduta e lo hanno perquisito. Sono così spuntate fuori altre nove dosi e una somma in contanti di diverso taglio superiore ai due mila euro. L’uomo, disoccupato, è stato quindi arrestato per detenzione ai fini di spaccio e porto abusivo di armi.

Questo perchè dalla successiva perquisizione presso la sua abitazione, le fiamme gialle hanno rinvenuto anche un coltello a molla detenuto illegalmente, oltre a quasi nove grammi di hashish e più di 50 grammi di sostanze da taglio. Tutto è stato sequestrato.

Continue Reading

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore vicario: Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Alba Adriatica (TE) via Vibrata snc, 64011 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.