Chieti, esonda l’Alento: allagamenti, fango e disagio per i residenti

CHIETI- Sono trascorsi due mesi e mezzo da quando il 15 agosto crollò il ponte sul fiume Alento in via Forlanini. E ogni volta che piove i residenti tremano perché, a seguito degli abbondanti rovesci, il fiume Alento esonda e l’intera zona si trasforma in un lago e poi in una palude di fango. Cosa che si è verificata puntualmente anche lunedì pomeriggio nel tratto di fiume che scorre sotto al ponte disastrato dalla precipitazione di metà agosto.  Tra l’altro i cittadini segnalano che lo stesso ponte crollato ha avuto un ulteriore cedimento e la situazione viene ritenuta pericolosa.

Il ponte che da due mesi è lasciato all’abbandono