EU Modex 2018: le Marche rappresenteranno l’Italia all’esercitazione europea di protezione civile

Partito il primo contingente per Bucarest con il modulo sanitario. Sciapichetti: 'Professionalità ed esperienza'

ANCONA – Le Marche rappresenteranno l’Italia all’esercitazione europea di protezione civile EU Modex 2018, che si svolgerà a Bucarest, Romania, da 14 al 18 ottobre, con la simulazione di uno scenario sismico.

Parteciperanno con 51 operatori e il proprio ospedale da campo: uno dei moduli sanitaria che l’Italia mette a disposizione dell’Europa nelle emergenze. Un primo contingente è partito ieri mattina, venerdì 12 ottobre, dal Centro di pronto intervento di Passo Varano (Ancona). È composto da 13 logisti e sanitari, con al seguito 22 tonnellate di materiali da allestire. Domenica 14 seguiranno i restanti 38 componenti del gruppo (30 medici e infermieri, 1 logista, 5 funzionari regionali, 2 del dipartimento Protezione civile della presidenza del Consiglio dei ministri), che decolleranno dall’aeroporto di Falconara.

L’addestramento ha lo scopo di testare la capacità d’intervento del ‘Meccanismo europeo di protezione civile’, nato per rispondere alle emergenze che si verificano sul territorio dell’Unione europea o a livello internazionale attraverso la condivisione delle risorse di tutti gli Stati membri. All’esercitazione di Bucarest parteciperanno nove moduli sanitari provenienti da Romania, Norvegia, Austria, Gran Bretagna, Germania, Svezia, Austria e Italia (Marche) e un ospedale da campo israeliano, oltre a osservatori di numerosi paesi europei. Per la prima volta verrà testato l’ospedale da campo europeo, composto da personale di diverse nazioni dell’Unione, tra cui rappresentanti marchigiani.

Angelo Sciapichetti

‘È la più complessa attività predisposta, a oggi, dalla protezione civile europea per testare la capacità d’intervento del sistema sanitario nelle emergenze. La scelta nazionale di coinvolgere le Marche rappresenta un indubbio riconoscimento della professionalità raggiunta e conseguita in numerosi interventi gestiti a livello internazionale – afferma l’assessore regionale alla Protezione civile, Angelo SciapichettiLa nostra struttura sanitaria ha già operato su diversi scenari internazionali, come in occasione dello tsunami della Thailandia (2004), dei terremoti del Pakistan (2005), dell’Indonesia (2006), dell’Aquila (2009), di Haiti (2010), del tifone delle Filippine nel 2013. Sarà protagonista anche in questa simulazione che si svolgerà in Romania’.

Il modulo sanitario della Regione Marche è composto da 14 tende, tra cui una sala operatoria. Può effettuare diagnostica di laboratorio e radiologia, triage fino a 40 pazienti/h, stabilizzare fino a 150 pazienti/24 ore, garantire la degenza per 20 malati. Il personale coinvolto comprende medici, infermieri, psicologi dell’emergenza, tecnici regionali esperti in logistica e telecomunicazioni, volontariato regionale di protezione civile. L’esercitazione di Bucarest, coordinata dal Consorzio europeo, sarà seguita da rappresentanti dell’Organizzazione mondiale della sanità. Le Marche hanno ospitato Modex nel 2015: si è trattata della prima esercitazione europea per sperimentare i moduli sanitari e si è svolta ad Arcevia (AN) nell’arco di quattro giornate.