fbpx
Connect with us

Teramo

Martinsicuro, Pepe e Vagnoni fanno visita a Giovanni Amodio

Published

il

MARTINSICURO – Questa mattina il sindaco Massimo Vagnoni e l’assessore Regionale Dino Pepe, hanno fatto visita a Giovanni Amodio, il pescatore martinsicurese rimasto per più di 30 ore in mare, dopo che la sua barca si è rovesciata.

Le due cariche si sono intrattenute brevemente con il tenace trentacinquenne e si sono accertati delle sue condizioni di salute. Dopodiché gli hanno consegnato una targa commemorativa, in quanto “simbolo della caparbietà e forza dei pescatori martinsicuresi”.

L’assessore Pepe ha poi affidato ai social un commento: <<Una emozione profonda… Perché la storia incredibile del giovane eroe Giovanni Amodio, diventa simbolo della caparbietà e della forza dei pescatori abruzzesi. Ci fa toccare con mano la dignità di uomini giovani ma già segnati da tante esperienze di vita e la bellezza di famiglie unite nel segno del sacrificio. Porto con me per sempre l’abbraccio di una madre, lo sguardo luminoso di una moglie e la gioia ritrovata del piccolo Renato che custodiscono con amore il tesoro ritrovato dopo tante preghiere e tanta angoscia>>.

Teramo

Smantellata organizzazione criminale, tutti residenti a Martinsicuro

Maria Giulia Mecozzi

Published

il

TERAMO – Grazie ad un’operazione della Squadra Mobile di Teramo, è stata smantellata una vasta organizzazione criminale dedita allo allo spaccio di cocaina e marijuana.

Sono sette i provvedimenti di custodia cautelare emessi a carico di sette cittadini tra Villa Rosa e Martinsicuro. Tre sono finiti in carcere tranne uno, per cui sono stati disposti gli arresti domiciliari. Tutti gli altri sarebbero irreperibili. Ancora ignote le generalità degli uomini che componevano la gang.

Da quanto appreso pare che l’organizzazione avesse come copertura una rivendita di auto. Ora su di loro grava l’accusa di associazione a delinquere finalizzata allo spaccio di droga. 

Continua a leggere

Teramo

Nasce la Trabocchi line: bici gratis in treno, il nuovo turismo sulla costa

Maria Giulia Mecozzi

Published

il

L’iniziativa è del Gruppo FS Italiane ed è stata lanciata proprio per incentivare il turismo sulla costa. Sarà finalmente possibile spostarsi sulla costa dei Trabocchi e sul versante teramano per incentivare lo spostamento con mezzi green e in sicurezza. Verranno impiegati oltre 6mila treni, tra Frecce e Intercity, che consentiranno di collegare 1.700 località, 500 città d’arte, borghi, spiagge, mare, montagna, parchi e ciclovie.

La Trabocchi Line è un nuovo servizio che tocca le principali località balneari della costa abruzzese a sud di Pescara. Sul treno regionale il trasposto della bici sarà totalmente gratuito e da ora, sarà possibile costeggiare anche la riviera nord.

Continua a leggere

Abruzzo

Valle Castellana: situazione difficile con i cinghiali

Nota del Comune della Provincia di Teramo

Published

il

Sono quasi tre anni che denunciamo i danni causati al nostro territorio dai cinghiali e dagli altri animali selvatici, ma le nostre richieste sono sempre cadute nel vuoto. Speriamo che ora, sulla scorta dei dati shock forniti a livello regionale dal Compartimento della Polizia Stradale, che ha dichiarato che in 18 mesi ben 161 incidenti sulle strade abruzzesi sono stati causati dai cinghiali, qualcuno apra finalmente gli occhi e si decida di affrontare seriamente questo annoso problema che non riguarda solo le nostre aree montane”.

Questo il commento dell’Assessore all’Agricoltura, alla Pastorizia, alla Foresta e gli Usi Civici del Comune di Valle Castellana, Battista Caterini. “Leggendo bene il dato fornito, che riguarda ovviamente i sinistri causati dagli animali nelle aree toccate dalla rete viaria abruzzese, e quindi di prassi zone altamente urbanizzate, si può comprendere ancora meglio quanto il dato sia ancora più pesante se parametrato alle zone montane, dove sempre più spesso gli animali selvatici ed i cinghiali girano indisturbati aggredendo le greggi, rovinando i campi e arrivando ormai sempre più vicini alle zone abitate” sottolinea l’Assessore Caterini. “Oltre a questo, come sottolineato dai vertici di Coldiretti nel loro comunicato, la proliferazione incontrollata dei cinghiali mette a rischio l’equilibrio ambientale di vasti ecosistemi territoriali. Insomma, se preso ancora sottogamba, quello dei cinghiali rischia di diventare un problema serio non solo per le aree rurali della nostra regione, ma per tutto l’Abruzzo”.

Tralasciando le lungaggini dei rimborsi per i danni causati dagli animali selvatici l’Assessore di Valle Castellana chiede, ancora una volta, interventi urgenti, seri, ma soprattutto risolutivi. “La nostra proposta è quella di utilizzare le squadre di cacciatori locali per l’abbattimento selettivo e usare la carne per creare così una filiera corta che si occupi della lavorazione, della trasformazione e della vendita dei prodotti” conclude Battista Caterini, “Concordo con Coldiretti quando dice che le misure finora messe in campo sono state un semplice “pannicello caldo” e quindi, prima che il problema si trasformi in emergenza sociale ed ambientale, bisogna mettere da parte, tutti, le posizioni ideologiche e lavorare seriamente, amministratori, istituzioni e portatori di interesse, affinché la situazione si normalizzi e si trovino soluzioni nell’interesse di chi lavora e vive nei territori gravemente colpiti da questa emergenza. I cittadini, gli allevatori e gli agricoltori di Valle Castellana sono stanchi di dover convivere con i danni causati dagli animali selvatici e dai cinghiali in particolare, chiediamo ai vertici della Regione e del Parco delle iniziative concrete prima che la situazione diventi insanabile”.

Ringraziamo per la comunicazione il Sindaco della località abruzzese Camillo D’Angelo.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Responsabile: Noris Cretone