Samb-SüdTirol: codice rosso per sfatare un tabù. Tutti i precedenti

Rossoblù in cerca della prima vittoria in casa contro gli altoatesini

Samb in piena emergenza (solamente 18 i Convocati) per la gara interna contro il SudTirol.

Rossoblù alla ricerca della seconda vittoria consecutiva, dopo quella corsara a Verona contro la Virtus, per centrare il primo storico successo in casa contro gli altoatesini.


I PRECEDENTI IN CASA SAMB

Sono tre i precedenti in casa contro il Südtirol, uno in serie C2 (quarto livello) e due in Serie C, nelle ultime due stagioni.
Il primo scontro si gioca nel torneo di Serie C2 2001/02, quello in cui i rossoblù raggiungono la promozione in terza serie al termine della memorabile finale di ritorno dei PlayOff, a Parma contro il Brescello.

E’ il 21 ottobre 2001, ottava giornata d’andata, quando la neopromossa Samb di patron Gaucci e di mister Paolo Beruatto (subentrato da una domenica a Giovanni Mei, il coach della risalita dalla serie D) affronta la compagine altoatesina allenata da Attilio Tesser.
La Samb di Beruatto è reduce da una vittoria esterna a Faenza 1-0. Nell’ultima gara casalinga i rossoblù avevano pesantemente perso contro il Thiene 0-2 con il conseguente allontanamento di mister Mei a favore del tecnico piemontese.
Ma quella domenica c’è la seconda sconfitta consecutiva in casa.
I rossoblù vanno subito in vantaggio con Andrea Soncin al primo minuto di gioco.
Gli avversari pareggiano con Luca Lomi a undici minuti dalla fine.
Due minuti più tardi un intervento da dietro di Alessio Morelli, subentrato nella ripresa a Massimiliano De Silvestro, viene sanzionato con il cartellino rosso dall’arbitro Gabriele Gava di Conegliano.
La rimonta-beffa dei biancorossi arriva proprio allo scadere con la rete di Alessandro Noselli.

Il secondo scontro si gioca quindici anni dopo, sabato 15 ottobre 2016.
La Samb di Ottavio Palladini difende la vetta solitaria della classifica raggiunta il martedì precedente dopo la netta e meritata vittoria contro il Padova, 2-0, nel recupero della prima giornata.
Il SüdTirol di mister William Viali si dimostra avversario duro.
A metà del primo tempo, infatti, usufruisce di un calcio di rigore per un fallo in area di Lulli sull’ex TulliFabio Pegorin, nel tripudio dello stadio, respinge sulla sua sinistra il tiro dal dischetto di Gliozzi.
Gli altoatesini, comunque, vanno in vantaggio allo scadere della prima frazione di gioco con Fink.
A metà ripresa la Samb raggiunge il pari grazie ad Alessio Di Massimo che trasforma un rigore concesso per atterramento in area di bomber Leo Mancuso, 1-1.
Dieci minuti più tardi nuovo vantaggio degli ospiti che vanno a segno con l’ex Cia.
I rossoblù reagiscono e trovano il definitivo pari grazie ad una “bomba” rasoterra a fil di palo scagliata da Luca Lulli che sancisce il 2-2 finale.

La stagione scorsa, mercoledì 8 novembre 2017, la Samb perde 1-0. A fine gara c’è l’esonero del tecnico rossoblù Francesco Moriero che verrà rilevato da Eziolino Capuano che, a sua volta, verrà sostituito da Francesco Moriero prima della trasferta di Trieste, ultima giornata della “Regular Season”. Per i rossoblù, quella dello scorso anno è stata una gara sottotono e incolore; è dell’altoatesino Erlic il gol che decide la partita a dieci minuti dal novantesimo.

A margine di questi tre scontri contro il “SüdTirol-Alto Adige” ce n’è un altro, in casa, contro una squadra di Bolzano il 19 dicembre 1954, in serie C, proprio contro il Bolzano (fondato nel 1931 e “cugino” del Südtirol).
La Samb di Alfredo Notti dilaga 6-1 dopo essere passata in svantaggio.
Alla rete altoatesina di Gadaldi al primo minuto, seguono la doppietta di Rino Di Fraia (2pt e 25pt), la tripletta di Antonio Palestini (6pt, 8pt, 37st) e la rete di Etro Ferretti ad inizio ripresa.


ARTICOLI CORRELATI

Samb: partenza nel reparto offensivo