fbpx
Connect with us

Teramo

Tortoreto, ritrovato un corpo in un canneto, si tratterebbe del ragazzo scomparso da Sant’Omero 4 anni fa

Pubblicato

il

TORTORETO – Alla fine, Daniele Taddei è stato ritrovato ma c’è poco da festeggiare. La vicenda si conclude con l’epilogo più amaro. Manca ancora l’ufficialità ma sono pochi i dubbi. Quei resti scheletrizzati ritrovati ieri in un canneto nel territorio della frazione Terrabianca di Tortoreto, appartengono al ragazzo scomparso da Sant’Omero 4 anni fa. Oggi avrebbe 32 anni.

A lungo questo giornale ha seguito il caso ed ha lanciato vari appelli affinché venissero riprese le ricerche. Ieri purtroppo, ha avuto la conferma delle proprie intuizioni. Bisognava ritrovare la macchina per dissipare la matassa e la macchina era ancora in zona. La scoperta è avvenuta per caso. Un gruppo di cacciatori si è imbattuta nell’auto durante una battuta di caccia alla volpe. Non era certo la prima volta che qualcuno passava da quelle parti, ma la fitta vegetazione nella quale il mezzo si era infossato, lo ha nascosto per tutto questo tempo. Ieri però i cani di un cacciatore si sono impuntati ed hanno costretto il loro padrone a dare un’occhiata e, di conseguenza, a fare la macabra scoperta.

L’utilitaria grigia presentava danni ed ammaccature. Al posto di guida, i resti di Daniele. L’ipotesi più probabile è che abbia perso il controllo del mezzo, oppure che abbia accusato un malore mentre si trovava alla guida. L’auto è uscita di strada ed è finita nel dirupo. A poche centinaia di metri, abitano i nonni del ragazzo.

Si attendono adesso i risultati dell’esame autoptico, del test del Dna e di tutte le procedure di riconoscimento. In questo modo, oltre a dissipare ogni dubbio circa l’identità della vittima, sarà possibile scoprire la causa del decesso e formulare ipotesi più precise su quanto accaduto.

Daniele Taddei scomparve nell’agosto del 2014. Dopo le prime infruttuose ricerche, durante le quali vennero scandagliati anche alcuni bacini acquiferi della zona, il fascicolo venne archiviato come allontanamento volontario e le indagini furono sospese.

Abruzzo

Teramo: due auto in fiamme nella notte

Pubblicato

il

TERAMO: Stanotte,alle 4:30 circa,i vigili del fuoco di Teramo sono accorsi in via Tirso a Teramo, per l’incendio di alcune autovetture in sosta. Le fiamme hanno bruciato una Citroen C5 e una Mercedes classe A. A causa dell’incendio sono rimaste danneggiate altre quattro auto: una Fiat Punto, una Ford Focus, una Fiat 500 e un Fiat Doblò, parcheggiate a ridosso del marciapiede. I vigili del fuoco hanno spento rapidamente le fiamme che hanno distrutto le due auto, evitando ulteriori danni alle altre auto interessate nell’incendio. Sul posto sono intervenute due pattuglie dei Carabinieri e della Polizia di Stato di Teramo per gli adempimenti di competenza.

Continua a leggere

Abruzzo

Mosciano Sant’Angelo: arrestata 42enne ladra d piumoni

Pubblicato

il

carabinieri arresto tentato omicidio femminicidio arresti domiciliari

MOSCIANO SANT’ANGELO(TE): E’ stata arrestata per furto aggravato,una 42enne di origine albanese a Mosciano Sant’Angelo. I militari, hanno perquisito la sua abitazione,dove sono stati ritrovati due dei piumoni il cui furto era stato denunciato dalle proprietarie ai Carabinieri nei giorni scorsi.La donna,si recava spesso nella lavanderia per rubare capi di biancheria,vestiario o piumoni dimenticati da clienti. La 42enne,infatti,non sapendo giustificarsi,oltre al reato di furto aggravato,dovrà rispondere all’autorità giudiziaria anche di quello di ricettazione.

Continua a leggere

Abruzzo

Alba Adriatica, l’ordinanza Sindacale

L’informative del Primo cittadino

Pubblicato

il

documento anti erosione Vagnoni Casciotti Piccioni

Il Sindaco Antonietta Casciotti, attraverso Facebook, comunica le ordinanze comunali per il seguente periodo.

Cari concittadini e gentili ospiti, con l’obiettivo di contemperare il diritto al riposo dei cittadini, l’esigenza di sostenere la ripartenza di tutte le attività messe in difficoltà dalle chiusure imposte dall’emergenza Covid-19 e di ridurre i potenziali rischi riguardanti l’ordine e la sicurezza durante le ore notturne, ho emanato in data 11 giugno l’Ordinanza n.54 che disciplina gli orari di apertura al pubblico delle attività di somministrazione di alimenti e bevande e di somministrazione artigiana disponendo la loro apertura 7 giorni su 7 dalle ore 6.00 alle ore 2.00 e di tutte altre attività artigianali e commerciali al dettaglio dalle ore 7.00 alle ore 24.00. Inoltre, con Ordinanza n.55 sono stati disciplinati gli orari di diffusione musicale e sonora nei locali pubblici e luoghi pubblici consentendo la diffusione di musica con strumenti amplificati nella fascia oraria 21:00/24:00 dalla domenica al giovedì e nella fascia 21.00/01:00 nei giorni di venerdì e sabato nel rispetto dei valori di emissione ed immissione fissati dal DPCM 14-11-97 e vigente piano di zonizzazione acustica.Infine, attraverso Ordinanza n.56, sono state disposte misure volte al superamento di situazioni di degrado del territorio e pregiudizio del decoro e della vivibilità urbana. Tra queste, i divieti di: vendere per asporto bevande alcoliche e superalcoliche (in qualsiasi contenitore) dalle ore 22.00 alle ore 6.00 del giorno successivo; detenere qualsiasi genere di contenitore (vetro, lattine o altro materiale) nelle aree pubbliche o aperte al pubblico dalle ore 22.00 alle ore 6.00 del giorno successivo. Ai gestori, è fatto obbligo di vigilare all’interno dei locali e nelle aree esterne date in concessione, di provvedere ad assumere ogni iniziativa di presidio e sicurezza anti assembramento e/o anticontagio all’interno dei locali e nelle aree esterne date in concessione (anche per motivi legati al comportamento degli avventori dandone segnalazione immediata alle Forze dell’Ordine); di delimitare l’area del plateatico regolando adeguatamente gli accessi; di provvedere alla completa pulizia ed igiene degli spazi esterni antistanti ed adiacenti gli esercizi assicurando in misura adeguata presidi igienico-sanitari e contenitori per la raccolta differenziata dei rifiuti evitando quindi la loro esposizione e/o accumulo. Nella predetta Ordinanza si richiamano altresì i gestori a rispettare le disposizioni del codice penale contenenti il divieto di somministrare e vendere bevande alcoliche ai minori, ribadendo l’obbligo per il gestore di chiedere l’esibizione del documento di identità, e/o somministrare bevande alcoliche a chiunque manifesti stato di ubriachezza. In vari incontri avuti con gli operatori turistici ci si è confrontati sulla opportunità di una condivisa collaborazione volta ad una proposta turistica orientata al benessere complessivo delle famiglie che soggiornano nella nostra Città, è necessario isolare e sanzionare comportamenti che contrastano con le regole del vivere civile. Questo la Città chiede e verso questo obiettivo tutti dobbiamo convergere.Episodi di movida violenta collegati soprattutto al consumo di alcol e/o sostanze non sono più tollerabili e i singoli episodi non possono e non devono pregiudicare il sistema turistico dell’accoglienza che deve volgere verso una più diversificata e qualitativa offerta su cui tutti dobbiamo impegnarci. Il rispetto delle ordinanze sarà assicurato con la richiesta collaborazione a tutte le forze dell’ordine che hanno il compito del Presidio del territorio, richiesta di collaborazione che è stata sempre assicurata.La Sindaca

ORDINANZE

https://www.comune.alba-adriatica.te.it/…/844-ordinanza…

https://www.comune.alba-adriatica.te.it/…/845-ordinanza…

https://www.comune.alba-adriatica.te.it/…/846-ordinanza…

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Responsabile: Luigi Tommolini | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Martinsicuro (TE) via metauro 10/A, 64014 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€

Privacy Policy