Mondo cristiano ed arte moderna si incontrano a San Gabriele: ”Museo Staurós” di arte sacra contemporanea, il primo in Italia

ISOLA DEL GRAN SASSO – Siamo sotto l’aurea custodia emozionale del Gran Sasso d’Italia, nei pressi di Isola del Gran Sasso. Esattamente nell’area del santuario di San Gabriele, uno dei luoghi di pellegrinaggio più frequentati al mondo.

Il museo Stauròs (Croce) è il primo in Italia a fondarsi sul binomio cristianesimo e arte nuova. Viene inaugurato nel 1994 per raccogliere il percorso della Biennale Internazionale per iniziativa della Staurós International Association, associazione fondata nel 1973 per rilanciare il legame fra mondo cristiano e arte contemporanea. Tre sale ospitano non solo le opere delle biennali susseguitesi ma anche alcune collezioni come quelle dell’abruzzese Marcello Mondazzi su San Paolo della Croce.

E proprio come continuazione dell’esperienza della biennale, nasce in seguito il museo, ponendosi anche come obiettivo quello di racimolare fondi per avere un luogo fisso dove esporre. Il concetto del crocifisso e della Passione è rimasto il tema invariato e fisso di tutti questi anni.