Samb: 89° Mirko Miceli rovescia… il Teramo. Esplode il “Riviera” !!!

Grande e meritata Vittoria in rimonta dei rossoblu di Roselli

19 gennaio 2018. Samb-Teramo 2-1. Il meraviglioso gol vittoria di Mirko Miceli che rovescia... il Teramo. Foto Troiani

SamBimmensa quella vista al “Riviera delle Palme” nella prima uscita del 2019.

Dopo ventuno giorni di riposo “invernale” e alle soglie di 3 inopinati impegni in sette giorni (davvero incomprensibile e illogica l’organizzazione del calendario di questa stagione in serie C) Samb e Teramo ritrovano il rettangolo verde davanti a oltre 3600 tifosi.

L’ingresso in campo di cento bimbi che accompagnano le due squadre fanno da preludio alla gara.

La Samb deve fare a meno dello squalificato Carlo Ilari, ex Teramo, gli abruzzesi di Speranza.

Il primo tempo è soporifero e al “panettone”.

Soltanto negli ultimi minuti la gara si sveglia con un’occasionissima di Elio Calderini che tutto solo davanti al portiere biancorosso gli tira addosso.

La ripresa vede in campo Gelonese al posto dello spento Caccetta.

La Samb parte a mille con Di Massimo incontenibile sulla sinistra.

Elio Calderini fallisce di nuovo un altro facile gol colpendo ancora il numero uno avversario.

Al quarto d’ora mister Roselli sostituisce Di Massimo con Francesco Stanco, in campo dopo l’infortunio, pochi minuti prima di richiamare Calderini per l’ingresso di Russotto.

Trascorrono pochi secondi quando un lancio del neo biancorosso Sparacello trova De Grazia che, tutto solo sulla sinistra del campo, batte Pegorin.

Per l’estremo difensore rossoblù (e per la Samb) è il primo gol (e unico) subìto in casa nelle ultime sei gare.

Vantaggio del Teramo al suo primo tiro in porta, obiettivamente immeritato  a confronto delle due nitide palle gol dilapidate da Calderini.

Per la Samb sembrano aprirsi orizzonti nefasti.

Il Teramo vivacchia sulle ali dell’entusiasmo per aver ottimizzato quell’unico tiro in porta, frutto del vantaggio.

Il finale è tutto rossoblù e rende giustizia, nel suo compimento, a quello che la partita ha fatto vedere.

Le lancette dell’orologio indicano trecento secondi alla fine quando sulla sinistra s’invola Russotto che lancia al centro; Francesco Stanco anticipa il suo marcatore e da pochi passi insacca. Samb 1 Teramo 1, sesta rete per l’attaccante, festa sotto la Nord.

Ora la Samb ci crede, sorretta dal meraviglioso pubblico del Riviera.

Mancano sessanta secondi al 90° quando da un fallo laterale, zona destra d’attacco, arriva la sfera a Mirko Miceli, all’interno dell’area teramana al “limite della capienza”; il difensore rossoblù, quasi all’altezza del dischetto del rigore un po’ spostato a destra e nonostante fosse “braccato” da un suo omologo avversario, arpiona il cuoio con un delizioso tocco in rovesciata e buca la rete abruzzese nell’angolo alla destra dell’impotente portiere avversario: Samb 2 Teramo 1. La Nord è una bolgia!!!!

Esplode il “Riviera” !!!!!

Gli altri sei minuti sono da coronamento ad una gara che la Samb ha meritato di vincere.

Al Teramo ovviamente rode il fatto di essere tornato a casa a mani vuote quando a cinque minuti dal novantesimo era in vantaggio, immeritato, con un solo tiro nello specchio della porta avversaria…

In sala stampa il tecnico biancorosso Agenore Maurizi accentua la delusione di questa sconfitta dando per fortunoso il gol-vittoria di Miceli…..

Signor Maurizi……… fortuna, anche grossa, sarebbe stata la vittoria della sua squadra con un solo tiro in porta e due clamorosi errori del rossoblù Calderini !!!!!

La Samb, meritatamente, inanella la quarta vittoria casalinga consecutiva (nelle ultime sei gare al “Riviera” 5 vittorie e un pareggio, con la Triestina, 0-0, e un gol subìto), allunga a dieci la serie di gare senza sconfitte, sale al sesto posto in graduatoria, supera la Vis Pesaro e aggancia L.R.Vicenza e Ternana con la quale deve recuperare il match del girone d’andata.

Martedì prossimo infrasettimanale a Pesaro.

GRANDE SAMB,

FORZA SAMB !!!!!

Luigi Tommolini



DAL SITO UFFICIALE DELLA SAMB CALCIO

micio

Rossoblu sotto nel momento migliore, gettano il cuore oltre l’ostacolo e vincono in rimonta

SAMBENEDETTESE (3-5-2) Pegorin; Celjak, Miceli, Biondi; Rapisarda, Rocchi, Caccetta (45′ Gelonese), Signori, Cecchini (83′ De Paoli); Di Massimo (60′ Stanco), Calderini (68′ Russotto) A disp. Rinaldi, Sala, Zaffagnini, Bove, Fissore, De Paoli, D’Ignazio All. Roselli

TERAMO (3-5-2) Lewandowski; Piacentini, Caidi, Fiordaliso; Spighi (80′ Mantini), Persia, Proietti, De Grazia (75′ Giorgi), Celli; Sparacello (80′ Di Renzo), Zecca ( A disp. Pacini, Vitale, Ranieri, Cappa, Barbuti, Altobelli, Ventola, Di Natale All. Maurizi

TERNA Arbitra Alberto Santoro della sezione di Messina, coadiuvato dagli assistenti M. dell’Università (Aprilia) e A. Rabotti (Roma 2)

NOTE Ammoniti: 11′ Persia, 27′ Celjak, 90′ Bove

MARCATORI 70′ De Grazia, 85′ Stanco, 89′ Miceli.

SPETTATORI: 3653 totali (1529 abbonati + 2124 paganti di cui 491 del Teramo in Curva Sud) per un incasso complessivo di € 25814,00.

La Samb va sotto in contropiede nel momento migliore, ma reagisce e pareggia prima con il rientrante poi completa la rimonta con una rovesciata da urlo di Miceli. Arriva così il decimo risultato utile consecutivo nella bolgia del Riviera.
Mister Roselli ripropone il classico 3-5-2: nella linea difensiva a 3 con Celjak e Miceli torna Biondi, a centrocampo Cecchini si posiziona a sinistra e capitan Rapisarda a destra, mentre Signori, Caccetta e Rocchi sono i tre in mediana. Davanti Calderini a fare coppia con Di Massimo. Solo panchina per il rientrante Stanco. La Samb si fa vedere al 5′ con Cecchini che mette al centro una palla interessante, ma Signori non arriva per un soffio. Al 10′ palla in verticale di Rocchi per Di Massimo che prova la conclusione ma il suo tiro viene deviato da un avversario. Dopo un discreto avvio, la partita si blocca e non regala emozioni fino al 38′ quando un lancio di Signori pesca Calderini in area avversaria: il numero 10 calcia al volo ma Lewandowski respinge. Nella ripresa Roselli inserisce subito Gelonese e al 49′ Calderini ha ancora una buona occasione per far male ma a Lewandowski gli dice ancora di no. La Samb spinge e 3 minuti dopo è Di Massimo a sfiorare il bersaglio grosso dopo un tuffo di testa su cross di Rocchi. Al 60′ torna in campo Stanco che va rilevare un applauditissimo Di Massimo. Al 69′, nel momento di maggior pressione dei rossoblu, arriva, però, la doccia fredda: contropiede micidiale degli ospiti, ls palla arriva a De Grazia che si invola verso la porta e da due passi batte Pegorin. Teramo in vantaggio. La Samb prova subito a reagire e al 77′ Celjak crossa forte in mezzo, Stanco viene anticipato da un difensore, ma la palla arriva a Rapisarda che non riesce però a centrare il bersaglio grosso. Pareggio solo rimandato al minuto 85 quando Rapisarda serve Russotto che mette una palla al bacio dalla sinistra per Stanco che non si fa pregare e trafigge l’estremo ospite. La rimonta, poi, viene completata da Miceli 4 minuti dopo con una rovesciata spettacolare all’altezza del dischetto con la palla che va a insaccarsi alle spalle di Lewandowski per il delirio del Riviera. Dopo 5 minuti di recupero il direttore di gara decreta la fine delle ostilità: la Samb può esultare per il decimo risultato utile consecutivo ottenuto dopo una rimonta pazzesca. Martedì turno infrasettimanale a Pesaro.



Lo spettacolare GOL-VITTORIA contro il Teramo di Mirko Miceli

Ma che gol ha fatto Miceli?!

Ma che gol ha fatto Mirko Miceli?!

Pubblicato da Sambenedettese Calcio su Sabato 19 gennaio 2019



99° MINUTO IN SALA STAMPA

19-01-2019 Samb-Teramo 2-1: Franco Fedeli

19-01-2019 Samb-Teramo 2-1: Franco Fedeli

Pubblicato da Sambenedettese Calcio su Sabato 19 gennaio 2019

19-01-2019 Samb-Teramo 2-1: Mirko Miceli

19-01-2019 Samb-Teramo 2-1: Mirko Miceli

Pubblicato da Sambenedettese Calcio su Sabato 19 gennaio 2019

19-01-2019 Samb-Teramo 2-1: mister Roselli

19-01-2019 Samb-Teramo 2-1: mister Roselli

Pubblicato da Sambenedettese Calcio su Sabato 19 gennaio 2019



ARTICOLI CORRELATI

Samb-Teramo: vigilia ai raggi X. Convocati, Precedenti, Arbitro, Tabelle, Numeri & Curiosità