fbpx
Connect with us

Ascoli Piceno

Samb: a Imola un punto prezioso. Fedeli soddisfatto

Pubblicato

il

Un punto prezioso della Samb a Imola.

E’ 0-0 al “Romeo Galli” in Emilia contro la terza forza (ora quarta) del girone B di serie C.

In un campo difficile in cui i locali non perdono da un anno e mezzo, 13 settembre 2017 contro il Lentigione 0-1, i rossoblù si presentano con una squadra diversa rispetto alle ultime uscite.

E’ il ritorno tra i pali di Sala la novità più evidente e l’ex Ternana ha risposto alla chiamata con una buona prestazione.

La gara, nel complesso, ha vissuto pochi sussulti se non quello, a dieci minuti dal termine, provocato da un tiro dei locali che, battendo la traversa, rimbalzava nei pressi della linea bianca: dentro o fuori? Fuori!

Così matura lo 0-0, primo pareggio tra le due squadre in casa Imolese.

La Samb fa un passo indietro nel gioco rispetto alle ultime due partite, entrambe perse ma giocate meglio e conquista un punto prezioso, da cui ripartire, che le permette di riagganciare la griglia PlayOff.

Il presidente Franco Fedeli a fine gara si è detto soddisfatto.

Sabato prossimo alle 20:45 al “Riviera delle Palme” arriva il Fano.

FORZA SAMB !!!!!



EEFCE362-80AA-4EAB-962D-B0731B3319AAPareggio sofferto ma preziosissimo per i rossoblu

IMOLESE (4-3-1-2) Rossi; Sciacca, Boccardi, Carini, Fiore; Hraiech (90′ Valentini), Carraro, Bensaja; Mosti (77′ Gargiulo); Cappelluzzo (64′ De Marchi), Lanini A disp. Turrin, De Gori, Tissone, Varutti, Giannini, Zucchetti, Ranieri, Rossetti, Giovinco All. Dionisi

SAMBENEDETTESE (3-5-2) Sala; Biondi, Miceli, Fissore; Rapisarda, Caccetta, Bove (68′ Gelonese), Ilari (60′ Signori), Cecchini (45′ Celjak); Russotto (60′ Stanco), Di Massimo (68′ Calderini) A disp. Pegorin, Rinaldi, Zaffagnini, Rocchi, D’Ignazio All. Roselli

TERNA Arbitra Giovanni Nicoletti della sezione di Catanzaro, coadiuvato dagli assistenti P. Leonarduzzi (Merano) e L. Orazio Donato (Milano)

NOTE Ammoniti: 23′ Hraiech, 26′ Di Massimo, 86′ Biondi | Espulsi: 81′ Roselli

Turnover preannunciato per mister Roselli: prima novità tra i pali dove parte dall’inizio Sala, difesa a tre composta da Miceli, Fissore e Biondi, a centrocampo si rivede Bove insieme a Caccetta e Ilari. Corsia di destra affidata a capitan Rapisarda, mentre Cecchini si piazza sulla sinistra. Davanti coppia d’attacco formata da Russotto e Di Massimo.
Partita bloccata e il primo sussulto si registra al 17′ con la conclusione da fori dell’Imolese affidata a Bensaja: palla alta. Un minuto dopo ci prova, invece, Lanini ma nessun problema per Sala che blocca a terra. Al 24′ punizione interessante di Russotto che mette in area, la difesa imolese respinge e la palla arriva a Bove che prova il tiro: abbondantemente a lato. Punizione un minuto anche per l’Imolese la palla arriva a Cappelluzzo che spara incredibilmente fuori da due passi, ma si era comunque alzata la bandierina del guardalinee. Al 32′ ancora una punizione dal limite sinistro per l’Imolese: Fiore prova la conclusione, palla fuori. Succede poco o nulla fino al riposo con la Samb che si difende con ordine e appena può tenta di ripartire.
Nella ripresa subito un cambio nelle fila rossoblu: esce Cecchini ed entra Celjak. Al 50′ brutto intervento di Carini (ammonito) su capitan Rapisarda, l’arbitro dà il vantaggio, la palla arriva a Di Massimo che prova il tiro, palla in corner. Al 61′ doppio cambio: fuori Russotto e Ilari dentro Stanco e Signori così come al 68′ altro doppio cambio per la Samb: fuori Bove e Di Massimo dentro Gelenose e Calderini. Per registrare un’azione degna di nota bisogna aspettare il 70′ quando Bensaja prova la conclusione da fuori, Sala risponde presente e alza sopra la traversa. Al minuto 82′ la punizione di Lanini scuote dal torpore la gara: la palla sbatte sulla traversa dopo la miracolosa deviazione di Sala che si lancia sulla sfera e subisce la carica di un avversario. Punizione per la Samb ed espulsione di mister Roselli. L’Imolese continua nel suo possesso palla ma fino al triplice fischio non succede più nulla. La Samb porta a casa unounto prezioso e da domani squadra a lavoro per preparare la gara di sabato prossimo quando al Riviera arriverà il Fano.


La sintesi filmata elevensports (CLICCA QUI)


99° MINUTO IN SALA STAMPA

Imolese-Samb 0-0: mister Roselli

Pubblicato da Sambenedettese Calcio su Martedì 12 febbraio 2019

Imolese-Samb 0-0: Matteo Fissore

Pubblicato da Sambenedettese Calcio su Martedì 12 febbraio 2019


ARTICOLI CORRELATI

Imolese-Samb: per l’Arbitro un precedente burrascoso. 110 tifosi rossoblù

Ascoli Piceno

Monteprandone, buoni spesa e contributi economici, è online l’avviso per sostenere le famiglie in difficoltà a causa del Covid19

Pubblicato

il

MONTEPRANDONE – E’ online l’avviso avviso pubblico, diffuso a seguito dell’emergenza epidemiologica in atto da virus Covid-19tramite il Decreto sostegni bis “Misure urgenti di solidarietà alimentare e di sostegno alle famiglie per il pagamento dei canoni di locazione e delle utenze domestiche”, volto a sostenere le persone e le famiglie in condizioni di bisogno, per soddisfarne le necessità più urgenti ed essenziali. 

L’intervento consiste in due azioni:A) nell’assegnazione di buoni spesa utilizzabili per l’acquisto di generi alimentari, farmaci e beni di prima necessità presso gli esercizi commerciali presenti nell’elenco pubblicato sul sito del Comune di Monteprandone; B) nell’erogazione di un contributo economico finalizzato al rimborso delle spese sostenute dal 01/01/21 per il pagamento di canoni di locazione, utenze domestiche, TARI, mensa e trasporto scolastico, fino a concorrenza del contributo spettante. 

Complessivamente al Comune di Monteprandone sono stati assegnati 145.286 di cui € 58.181 euro per buoni spesa (che con la compartecipazione degli esercenti che aderiscono alla convenzione, diventa di complessivi 64.000 euro); 72.700 euro per contributi economici; 14.405 euro specifici interventi definiti dall’Ufficio servizi sociali.  

I beneficiari delle misure sono individuati tra i nuclei familiari più esposti ai rischi derivanti dall’emergenza epidemiologica da virus COVID-19. Possono presentare istanza di ammissione i nuclei familiari, anche monoparentali, residenti anagraficamente nel Comune di Monteprandone che si trovino nelle seguenti condizioni:

– attestazione ISEE ordinario (o corrente laddove ricorrano i requisiti) non superiore a 9.000 euro; 

– aver avuto una riduzione del proprio reddito familiare nell’anno in corso in conseguenza del perdurare dello stato di emergenza covid-19.

Ciascun nucleo familiare può presentare al massimo due domande: una per i buoni spesa e l’altra per il contributo economico a rimborso delle spese sostenute.

Laddove i fondi disponibili non fossero sufficienti a fornire risposta a tutte le domande ammissibili, verrà stilata una graduatoria in base all’ordine cronologico di arrivo al protocollo, con priorità per i nuclei familiari non percettori di altre forme di aiuto. 

I contributi saranno concessi sino ad esaurimento dei fondi. Gli uffici procederanno all’istruttoria e alla assegnazione dei contributi, con cadenza mensile (ogni 30 giorni) e, nel caso di insufficienza dei fondi, verranno formate due distinte graduatorie (una per i buoni spesa e l’altra per i contributi) in base all’ordine cronologico di arrivo al protocollo con priorità per chi non beneficia di altre forme di sostegno pubblico.

A ciascun beneficiario ammesso sarà comunicata via sms l’ammissione al beneficio e le modalità di consegna dei buoni spesa che possono essere utilizzati esclusivamente per l’acquisto di generi alimentari, prodotti di prima necessità (igiene personale e della casa) e farmaci, con esclusione per l’acquisto di prodotti alcolici.

A ciascun beneficiario dei contributi economici ammesso sarà comunicata via sms l’ammissione. I contributi saranno accreditati sull’IBAN fornito nel modulo di domanda.

La domanda dovrà essere presentata utilizzando ESCLUSIVAMENTE i due distinti modelli disponibili sul sito istituzionale del Comune all’indirizzo www.monteprandone.gov.it;  via e-mail: protocollo@comune.monteprandone.ap.it o

via P.E.C.: comune.monteprandone@emarche.it 

In via assolutamente residuale è possibile depositare la domanda nella cassetta posta all’esterno della Delegazione Comunale di Centobuchi. In tal caso le domande saranno prelevate ogni mattina del giorno successivo e protocollate d’ufficio con orario alle ore 8. 

In caso di insufficienza dei fondi, tra le domande protocollate con lo stesso orario, si procederà con sorteggio. Si chiede di inserire tutta la documentazione in busta chiusa, onde evitare lo smarrimento dei documenti allegati.

Per ogni ulteriore informazione, gli interessati potranno contattare gli Uffici comunali dal lunedì al venerdì esclusivamente dalle ore 9 alle ore 13 ai seguenti numeri telefonici: 0735/710941 – 0735/710935 –  0735710825 ovvero via mail a servizisociali@comune.monteprandone.ap.it

Continua a leggere

Ascoli Piceno

Montegiorgio: eroina nello zaino, nei guai un 26enne

Pubblicato

il

MONTEGIORGIO – Costante è l’attenzione sui reati in materia di sostanze stupefacenti da parte delle Forze di Polizia. Nel primo pomeriggio di ieri, con l’intensificazione dei controlli finalizzati a infrenare lo spaccio di sostanze stupefacenti nell’entroterra fermano, i Carabinieri della Compagnia di Montegiorgio hanno recuperato un ingente quantitativo di eroina a Piane di Montegiorgio.

I militari della locale Stazione Carabinieri, coordinati dal Luogotenente Innocenzo Costantini e supportati da quelli del Nucleo Operativo e Radiomobile, diretti dal Sottotenente Ferdinando Filippelli, hanno controllato un 26enne di origini nigeriane, domiciliato nella provincia di Perugia, che si aggirava con fare sospetto in località Piane, nei pressi di una fermata dell’autobus. L’atteggiamento strano del ragazzo, mai visto prima, ha indotto i militari ad approfondire il controllo, rinvenendo, abilmente occultati all’interno dello zaino portato a tracolla, 53 ovuli contenenti eroina, per complessivi 580 grammi.

La successiva perquisizione locale in Umbria, eseguita dai Carabinieri della Compagnia di Gubbio, attivati nella circostanza, permetteva di rinvenire all’interno del domicilio del ragazzo ulteriori 19 dosi di eroina, per complessivi 23 grammi, nonché 120 euro, ritenuti provento di spaccio.

Il giovane è stato arrestato e tradotto presso la Casa di Reclusione di Fermo, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria, mentre la droga e il denaro sono stati posti sotto sequestro.

Si stima che l’eroina recuperata, probabilmente destinata a rifornire non solo il territorio provinciale, opportunamente tagliata e suddivida in dosi, avrebbe potuto fruttare un guadagno illecito di circa 150 mila euro.

L’attenzione dell’Arma sul fenomeno della cessione e del consumo della droga nella Provincia di Fermo resta sempre alta, anche nel periodo attuale di emergenza Covid, in cui le verifiche del rispetto delle prescrizioni, sugli spostamenti e sul distanziamento, avvengono, oltre che nei locali, anche su strada e alle fermate dei mezzi pubblici.

Continua a leggere

Ascoli Piceno

Montegiorgio: allevamento di cavalli, denunciato titolare

Pubblicato

il

MONTEGIORGIO – A conclusione di una prolungata attività info-investigativa iniziata
nel mese di marzo 2021, i Militari della Stazione Carabinieri Forestale di Montegiorgio
hanno denunciato in stato di libertà alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di
Fermo il titolare di una azienda agricola per il reato di truffa.

Il responsabile dell’azienda agricola, che è specializzata nell’allevare cavalli da impiegare in competizioni sportive, aveva escogitato e messo in pratica un meccanismo del tutto illegale con il quale in breve tempo riusciva a diventare formalmente proprietario dei cavalli che aveva in custodia e ad
intascare il ricavato della loro vendita.

L’allevatore, utilizzando copie dei documenti d’identità dei legittimi proprietari degli animali (del tutto ignari della truffa) e apponendo sue firme su false autodichiarazioni, era riuscito ad ottenere da parte del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali il duplicato del passaporto dei cavalli.

Gli stessi venivano poi impiegati nelle competizioni sportive e successivamente venduti: il tutto all’insaputa dei legittimi proprietari, i quali si sono ritrovati in poco tempo privati del proprio cavallo che nel frattempo era stato ceduto ad altrettanto ignari acquirenti. Le attività d’indagine hanno fatto
emergere sino ad ora che la truffa ha interessato alcuni cavalli, ma le attività proseguono per
verificare se il numero sia ben più elevato.

Il comportamento illecito messo in essere dall’allevatore configura il reato di truffa, punito ai sensi dell’articolo 640 del Codice Penale che prevede la pena della reclusione da 6 mesi a 3 anni e la multa da euro 51 a euro 1.032: inoltre, per aver apposto le firme false, all’allevatore è stato contestato anche reato di falsità ideologica commessa da privato in atto pubblico punito dall’articolo 483 del
Codice Penale che prevede la pena della reclusione fino a 2 anni.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Responsabile: Luigi Tommolini | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Martinsicuro (TE) via metauro 10/A, 64014 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€

Privacy Policy