Enel e Legambiente, raccolta fondi per le aziende agricole colpite dal terremoto: ancora 16 giorni per salvare Teresa di Valle Castellana

16 giorni per aiutare Teresa Piccioni di Pietralta di Valle Castellana. Di Bonaventura si impegna a sistemare sei chilometri di strada e a versare un contributo all’azienda

TERAMO – Diecimila animali morti per sisma e maltempo. I danni nelle campagne del Centro Italia dopo il terremoto (2016/2017) e le frane del 2017 sono stati stimati (fonte Coldiretti) in 52 milioni di euro, circa 5 mila le aziende colpite, migliaia i posti di lavoro “terremotati”.

In termini di mancato reddito e di danni strutturali sono i settori dell’allevamento e della pastorizia quelli più colpiti. Terremoto e maltempo del 2017 non sono un lontano ricordo, il processo di ricostruzione tarda a decollare e tante aziende, soprattutto nelle aree più lontane e svantaggiate, stanno gettando la spugna.

Non è così per Teresa Piccioni che a Pietralta di Valle Castellana difende il suo allevamento di capre continuano a lavorare fra mille difficoltà: senza più la stalla, senza mungitrice, con le vie di collegamento danneggiate.
C’è anche la sua azienda fra quelle individuate da Enel e Legambienteche hanno lanciato una campagna di raccolta fondi “Alleva la speranza” che scade il 31 marzo; al termine la società elettrica aggiungerà il proprio contributo che andrà a sommarsi con quello raccolto (vedi brochure). L’iniziativa è stata rilanciata questa mattina nel corso di una conferenza stampa che si è svolta in Provincia.Pasquale Angelini, Ufficio relazioni istituzionali gruppo Enel: “Aiutiamo le aziende del cratere, le abbiamo individuate insieme a Legambiente. Si tratta di aziende collocate in luoghi particolarmente impervi e svantaggiati e la cui attività costituisce senz’altro un presidio ambientale e identitario. Aziende simbolo esempio si sostenibilità e resistenza contro le avversità”

Diego Di Bonaventura, presidente della Provincia: “Su invito del Sindaco qualche giorno fa ho compiuto un sopralluogo in quella zona e certamente si rimane impressionati. Il mio primo impegno è quello di sistemare almeno sei chilometri di strada dal centro di Valle a Pietralta. Poi, siccome credo che l’istituzione debba fare più di un gesto simbolico anche la Provincia farà la sua donazione a favore dell’azienda. Ieri ho stalkerizzato il Ministro Tria (a Teramo in visita all’Università ndr) perché temo che la ricostruzione possa non ricevere l’attenzione dovuta in Parlamento. Vorrei girare un video sulle nostre strade e sulle nostre frane e inviarlo a tutti i Parlamentari, forse riusciamo a fargli battere il cuore e chiarire la situazione meglio di tante carte”.