Giulianova, la figlia sbaglia la flebo e la madre muore

Tragedia all'ospedale. Donna indagata per omicidio colposo, i carabinieri escludono volontarietà.

ospedale flebo incidente

GIULIANOVA – Un tragico errore che si è rivelato fatale. Questo è quel che è accaduto secondo i carabinieri nella notte tra domenica e lunedì, all’ospedale di Giulianova. Uun’anziana degente di 77 anni è deceduta in seguito ad una disattenzione della figlia trentaseienne, che si stava prendendo cura di lei. Probabilmente a causa della distrazione e della stanchezza, ha sbagliato ad attaccare la flebo ed ha collegato la cannula dell’ossigeno al catetere. Per la paziente non c’è stato nulla da fare.

Il personale medico una volta accortosi di quanto accaduto ha subito avvisato i carabinieri ed il pm di turno. Le forze dell’ordine hanno da subito escluso che possa essersi trattato di un gesto volontario. Hanno utilizzato piuttosto il termine <<fatalità>>. La Procura ha aperto un fascicolo per omicidio colposo nei confronti della figlia ed oggi verrà eseguita l’autopsia sulla madre.

Le due donne sono originarie di Morro D’Oro, dove abitavano nello stesso appartamento. Da qualche tempo l’anziana è ricoverata all’ospedale di Giulianova. Inizialmente a cause di alcune ferite alle gambe, successivamente per una caduta avvenuta nella struttura che le ha provocato la rottura del femore. Ad assisterla la figlia, che in questo periodo è rimasta al suo fianco. Ieri mattina era previsto proprio l’intervento all’arto ferito. Ma nella notte a cavallo tra domenica e lunedì, la tragedia.

Secondo le testimonianze raccolte, la donna ricoverata ha spesso trascorso notti travagliate, durante le quali, in preda all’agitazione, si toglieva mascherina dell’ossigeno e flebo. Probabilmente durante uno di questi momenti, la figlia ha commesso la disattenzione fatale, confondendo cannula dell’ossigeno e flebo.

L’allarme è scattato poco dopo le 2:30 del mattino ed il personale medico è subito intervenuto. Tuttavia era già troppo tardi e l’anziana degente è deceduta. I carabinieri hanno acquisito tutta la documentazione del caso e non è escluso che la figlia possa essere sentita nei prossimi giorni.