Antonio Sorgentone, intervista con il Golden Buzzer della Maionchi

L'artista abruzzese, dopo la vittoria di Italia's Got Talent, sta continuando il suo percorso musicale in una serie di live in Italia e all'estero. Il 21 aprile ha confermato l'esibizione nella sua Giulianova, in piazza Buozzi

Foto da zazoom.it

GIULIANOVA – Antonio Sorgentone, pianista e cantante di origini giuliesi, dopo il trionfo ad “Italia’s Got Talent” grazie all’intuito di Mara Maionchi che lo spedì direttamente in finale assegnandogli il Golden Buzzer, continua il suo progetto musicale in giro non solo per Italia ma anche all’stero. Tanti gli impegni a pochi giorni dalla vittoria, prima l’esibizione al Salone Margherita di Roma e in questi giorni una serie di live a Berlino.

Noi lo abbiamo incontrato al termine di un’esibizione, dove l’artista non si è risparmiato un secondo, infiammando il palco a suon di Swing e Rock’ n’ Roll.

Sorgentone, classe 1981, cantante e pianista, di certo per tutti i giuliesi e gli appassionati del Genere non è una scoperta ma la vittoria del Talent senza dubbio lo sta consacrando ad un pubblico sempre più vasto. Il musicista, soprannominato il Golden Buzzer della Maionchi, è considerato tra i migliori nel suo genere in Italia. Nel suo repertorio propone un mix di: 50’s R’n’R, boogie woogie, brani originali e classici swing italiani di grandi del passato. Vanta un lungo percorso musicale che gli ha permesso di far conoscere il suo progetto musicale non solo in Italia ma anche all’estero, collezionando alle spalle più di 600 concerti in Italia e in Europa: Svezia, Finlandia, Francia,Germania, Belgio, Svizzera. Un percorso culminato con la partecipazione ad Italia’s got Talent che l’ha reso noto anche al grande pubblico televisivo.

Infatti, il video della sua esibizione al Talent è diventato virale sui social in pochissimo tempo.

Ecco cosa ci ha raccontato

“La tua esibizione ha conquistato il primo Golden Buzzer della stagione da parte della Maionchi che, dall’inizio, ha puntato tutto su di te. Te lo aspettavi?

“No non me lo aspettavo.”

“Che effetto ti ha fatto? Ti abbiamo visto basito e incredulo sul palco”.

“Certo, io non sapevo sinceramente nemmeno cosa fosse il Golden Buzzer, quindi è stata una bella sorpresa”. Ricordiamo, infatti , che è stata proprio la Maionchi, nota produttrice discografica e talent scout, a fiutare da subito il talento dell’artista abruzzese e portarlo in finale premendo il pulsante dorato.

“Tu sei un musicista di lunga carriera, conosciuto sia in Italia che all’estero. Come mai hai deciso di partecipare ad un Talent?”

Ho creduto che fosse importante dare più visibilità al mio progetto”.

“Dopo il consenso della giuria e il Golden Buzzer, ci credevi nella vittoria? “ Il mio era un bel progetto. Se da una parte ero sicuro di me e ci credevo, dall’altra in questa edizione mi sono trovato a confrontarmi con dei bravissimi artisti. Sinceramente pensavo vincesse Paris, molto bravo.

“Ci confermi il ritorno nella tua Giulianova, dove ti esibirai in piazza Buozzi, il prossimo 21 aprile?

E chi se ne è mai andato dalla mia città- ci risponde in tono scherzoso, quasi a sottolineare il legame indelebile con la sua terra-. Sì, ti confermo che il 21 suoneremo a Giulianova”.