fbpx
Connect with us

Ascoli Piceno

Grottammare, contributi per l’acquisto della prima casa: in arrivo 80 ‘buoni’ da 25mila euro ciascuno

Pubblicato

il

GROTTAMMARE –  Opportunità in vista per chi ha intenzione di acquistare la prima abitazione. Entro il 20 maggio 2019 è possibile presentare domanda per ottenere i ‘buoni casa’, i contributi regionali a fondo perduto previsti dal Piano regionale di edilizia residenziale, triennio 2014/2016.

Possono presentare domanda le famiglie, anche composte da una sola persona, e le altre formazioni sociali di cui alla legge n.76/2016 (unioni civili e convivenze di fatto), che presentino un ISEE non superiore a 39.701,19.

I fondi disponibili in ambito regionale ammontano a 2 milioni di € e verranno utilizzati per la concessione di n. 80 buoni casa da 25 mila euro ciascuno.

Per far parte della graduatoria è necessario possedere una serie di requisiti elencati nel testo dell’avviso pubblico. Tra questi: avere la residenza o prestare attività lavorativa in ambito regionale da almeno 5 anni consecutivi o essere cittadini residenti all’estero che intendono rientrare in Italia; non essere titolari di una quota superiore al 50% del diritto di proprietà o altro diritto reale di godimento su una abitazione adeguata alle esigenze del nucleo familiare e ovunque ubicata.

Alle domande ammissibili pervenute entro il termine del 20 maggio verrà attribuito un punteggio che terrà conto della classificazione del Comune e del valore ISEE del nucleo familiare richiedente. Il comune di Grottammare è inserito tra i Comuni ad alta tensione abitativa (ATA) ed occupa la terza delle 4 fasce previste dal calcolo del punteggio (1a Comuni colpiti dal sisma e Unioni di comuni; 2a Comuni capoluogo; 3a Comuni ATA; 4° altri Comuni).

La domanda deve essere compilata in ogni sua parte utilizzando l’apposito modello disponibile presso l’Ufficio Politiche per la casa o scaricabili dal sito istituzionale del Comune di Grottammare.

Va presentata al Comune in cui è localizzato l’immobile da acquistare e può essere spedita tramite raccomandata A.R. al seguente indirizzo: Comune di Grottammare, via Marconi 50, 63066 Grottammare (AP), oppure consegnata a mano all’Ufficio Protocollo sito al piano terra del Comune di Grottammare in via Marconi 50. Nel caso di raccomandata A.R. fa fede la data del timbro di spedizione dell’ufficio postale.

Ascoli Piceno

Una task force per velocizzare la Ricostruzione ad Ascoli, Fermo e Macerata

Pubblicato

il

task force ricostruzione ascoli fermo macerata

E’ stata firmata questa mattina a convenzione tra USR di Ascoli Piceno e Soprintendenza Archeologica, Belle Arti e Paesaggio per le province di Ascoli, Fermo e Macerata: una task force di esperti e tecnici per velocizzare le pratiche relative alla Ricostruzione.

ASCOLI PICENO – Una task force di archeologi, architetti e storici dell’arte per velocizzare le pratiche della ricostruzione delle centinaia di edifici tutelati delle Marche ad Ascoli Piceno, Fermo e Macerata, comprese le oltre 600 chiese danneggiate dal sisma. Questo l’oggetto della convenzione firmata oggi nella sede dell’Usr di Ascoli Piceno tra l’Ufficio Speciale della Ricostruzione della Regione Marche e la Soprintendenza Archeologica, Belle Arti e Paesaggio per le Province di Ascoli Piceno, Fermo e Macerata.

In collegamento dalla sede della Regione è arrivato il saluto del Presidente della Regione Marche Francesco Acquaroli, nella doppia veste di Assessore alla ricostruzione. Presenti il Commissario alla Riparazione e Ricostruzione Sisma 2016, Guido Castelli, il Soprintendente Giovanni Issini, il direttore dell’Usr Marche Marco Trovarelli e il Dirigente dell’Usr Andrea Crocioni.

La convenzione durerà tre anni a partire dal 1 aprile 2023 e servirà per velocizzare le pratiche di autorizzazione per la ricostruzione riguardante il patrimonio storico, artistico e architettonico che ha subito danni a causa del terremoto del 2016, compresi gli edifici sottoposti a tutela. L’Usr assumerà architetti, archeologi e storici dell’arte che entreranno nella squadra della ricostruzione per occuparsi delle attività di pre-esame degli interventi e monitorare lo stato di avanzamento delle pratiche.

«L’accordo firmato oggi rappresenta un ulteriore importante tassello per lo snellimento e la velocizzazione delle pratiche di ricostruzione – ha dichiarato il Presidente Acquaroli -. La collaborazione tra l’USR e la Soprintendenza è fondamentale, soprattutto nella fase che si sta avviando, in cui il processo di ricostruzione avrà sicuramente un’accelerazione nella parte attuativa. Stiamo dando il via ad una fase nuova della ricostruzione, finalmente la fase dei cantieri, e passaggi come questo colgono la volontà di mettere tutti i soggetti nelle condizioni migliori per sbloccare pratiche e progetti e dare concretezza tangibile al ripristino dei territori colpiti. Obiettivo comune è riportare vitalità in queste comunità così duramente segnate, e per farlo dobbiamo pensare che oltre ai servizi essenziali sono necessari anche i luoghi di aggregazione e di socialità come lo sono le piazze, le chiese e i centri storici che custodiscono la nostra infinita bellezza, fatta di arte, cultura, storia, tradizioni e paesaggio».

«Questo è stato un terremoto che si è scaricato in uno scrigno di arte e cultura ed è la nostra priorità far sì che la ricostruzione avvenga nella massima sicurezza e nel rispetto dei valori etno-antropologici e paesaggistici che questi territori esprimono – ha detto il Commissario alla Riparazione e Ricostruzione Sisma 2016 Guido Castelli – Basti pensare che le chiese danneggiate sono 674, di cui 68 sono in istruttoria. Spesso si parla di semplificazione, ma per attuarla non bastano le norme. Per passare ai cantieri serve un numero di risorse umane adeguate oltre a persone preparate e qualificate che sappiano governare nella fase iniziale dei progetti le esigenze tipiche degli edifici vincolati e tutelati. Così che alla Soprintendenza arrivi un lavoro già raffinato».

«Abbiamo valutato in sinergia con la Soprintendenza le diverse possibilità nei rispettivi ambiti, con l’obiettivo di migliorare e dare risposta alle problematiche che in questi anni ci siamo trovati ad affrontare più spesso – ha spiegato Trovarelli-. L’idea di creare un ufficio interno all’Usr che avesse specifiche competenze si muove proprio in questa direzione; cominceremo col sostenere e potenziare il lavoro della Soprintendenza già dal prossimo 1 aprile, assumendo cinque specifiche figure che arricchiranno ulteriormente il già ottimo bagaglio di profili presenti nel nostro ufficio».

«Le conseguenze del terremoto hanno rappresentato una situazione senza precedenti per la nostra regione – ha aggiunto Issini -. Gli uffici della Soprintendenza Marche Sud, di recente istituzione, si trovano ad affrontare pratiche molto complesse che riguardano edifici di culto e pubblici; una mole di lavoro da trattare con la massima attenzione, che avrà un impatto sul futuro dei nostri territori. L’USR ci darà supporto nel pre esame dei progetti inviati dai tecnici, in modo da poterci trasmettere materiale già pronto per la successiva valutazione dei funzionari».

Continua a leggere

Ancona

Assemblea PD Marche, la neo segretaria Chantal Bomprezzi: «serve discontinuità»

Pubblicato

il

assemblea regionale pd marche eletta segretaria Chantal Bomprezzi

Nella prima seduta dopo le Primarie che hanno visto vincere Elly Schlein a livello nazionale e Chantal Bomprezzi a livello regionale, la nuova segretaria dem marchigiana ha presentato all’Assemblea del PD delle Marche i prossimi passaggi della sua Segreteria. Silvia Venerucci è stata eletta presidente dell’Assemblea.

ANCONA – Si è svolta sabato 11 marzo l’Assemblea del PD delle Marche, la prima dopo le Primarie che hanno visto trionfare Chantal Bomprezzi. Parola d’ordine del nuovo corso è “discontinuità”, fin dalla composizione della Segreteria del Partito Democratico marchigiano, l’organo più vicino alla neo Segretaria, rinnovata al 100% e con un’età media molto bassa.

«Ho voluto anticipare la composizione della squadra di Segreteria per iniziare ad essere operativi il prima possibile – esordisce la nuova Segretaria Dem. Ci sono ragazze e ragazzi con esperienza ma giovani per un PD che deve tornare tra le persone».

Nell’Assemblea, ospitata presso la Sala Conferenze della F.I.G.C in Via Schiavoni, il clima è stato cordiali e collaborativo; i lavori sono significativamente iniziati con 4 testimonianze di persone della società civile: «coloro – ha sottolineato Bomprezzi – che sono testimoni e vivono problematiche molto presenti nella nostra regione».

I prossimi passaggi della Segretaria regionale saranno quindi sui territori con incontri in ciascuna provincia: «Saranno appuntamenti aperti ad iscritti e chi non lo è ancora. Questo Partito ha bisogno di ripartire dall’ascolto e dai fabbisogni dei territori». Si partirà già sabato prossimo, 18 marzo, da Ancona che andrà al voto per confermare alla guida della città la coalizione di centro-sinistra.

Altre caselle, indispensabili per il pieno funzionamento del Partito, Chantal Bomprezzi li sceglierà strada facendo: «Lascerò aperta la porta per quella parte del PD che con Michela Bellomaria ha animato la competizione alle ultime Primarie. Vorrei si lavorasse insieme e che si dividessero le responsabilità e le molte soddisfazioni che, sono certa, verranno. Dobbiamo essere compatti per elaborare insieme la formazione della nostra proposta politica».

Presidente dell’Assemblea è stata eletta Silvia Venerucci con 52 voti favorevoli, nessun voto contrario e 32 schede bianche. Questa la composizione della nuova Segreteria regionale:

● Segretaria regionale – Chantal Bomprezzi

● Tesoriera – Giorgia Sampaoli

● Organizzatore – Marco Belardinelli

● Vice segretario – Matteo Terrani

● Coordinatore segreteria – Andrea Belegni

● Saura Casigliani

● Daniele Sturani

● Andrea Salvatori

● Manuela Ciaruffoli

● Alessandro Iagatti

● Mattia Santarelli

● Claudio Cavallaro

● Sara Calisti

Invitati permanenti:

● Alessandro Del Monte – Art. 1

● Chiara Croce – segretaria GD Marche

Nella direzione regionale invece ci sono Daniele Olivi, Federica Fiordelmondo, Enrico Santini, Fabia Buglioni, Michele Brisighelli, Giorgio Baldantoni, Alessandra Khadem, Cristian Fanesi, Monica Scaramucci, Narciso Ricotta, Chiara Ridolfi, Mario Antinori, Dorotea Vitali, Meri Marziali, Antonio Marcelli, Elisa Marzetti, Michela Bellomaria, Palmiro Ucchielli, Sara Cucchiarini, Marco Ciccolini, Paolo Galli, Sabrina Sartini, Angelo Procaccini, Annarosa Cianci, Luigi Massa, Alessia Scoccianti, Andrea Gentili, Lidia Iezzi, Stefano Pompozzi, Patrizia Canzonetta.

Andrea Belegni, coordinatore della Segreteria, ha commentato: «credo sia stata un’assemblea positiva e propositiva, che ha segnato la riapertura del Partito Democratico all’esterno. Si sono riportate testimonianze provenienti da varie realtà: lavoro, sisma, sostenibilità, giovani, resilienza ai disastri climatici e naturali. I presupposti per fare un buon lavoro ci sono. La squadra rappresenta quel patto intergenerazionale che Chantal ha sempre cercato. Ma è impossibile non sottolineare la grande partecipazione all’interno dell’esecutivo di giovani si, ma preparati. Chi con esperienze amministrative, chi incarichi di partito o rappresentanza studentesca. Insomma, abbiamo tutto per fare bene. Sicuramente bisognerà cooperare e collaborare con tutto il partito, siamo ovviamente disponibili e ci auspichiamo che sarà lo stesso. Solo così potremmo rilanciare il ruolo del nostro partito, a partire dalle prossime elezioni amministrative che si svolgeranno nelle Marche, in particolare quelle del capoluogo Ancona».

Continua a leggere

Ascoli Piceno

Alessandro Rocchi ufficializza la propria candidatura a sindaco di Grottammare

Pubblicato

il

L’attuale vicesindaco è ponto a raccogliere il testimone dal primo cittadino Piergallini: è Alessandro Rocchi il candidato alle elezioni del prossimo maggio del movimento civico di ispirazione di centrosinistra a Grottammare. Va componendosi dunque lo scacchiere elettorale, dopo che Marco Sprecacè ha già reso noto di correre per il centrodestra. Rimangono da sciogliere i dubbi circa il candidato pentastellato e quelli sulle mosse della lista civica “Grottammare Futura”.

ASCOLI PICENO – Il candidato sindaco del centrosinistra di Grottammare sarà l’attuale vicesindaco Alessandro Rocchi. Giovedì 9 marzo, nella sede elettorale di via XX settembre, con un’assemblea è stata ufficializzata la candidatura ed è partita la campagna elettorale con manifesti e pagine social. Intorno a Rocchi si sono radunate le liste “Solidarietà e Partecipazione” e “Città in Movimento” riunite sotto le parole d’ordine «Avanti Insieme». Non ci sono simboli di partito, ma diversi esponenti della galassia di centrosinistra sono presenti nelle due liste, dal Partito Democratico a Rifondazione Comunista.

Il manifesto elettorale di Alessandro Rocchi

La nota diffusa dal gruppo parla di «percorso intenso iniziato mesi fa», durante il quale sono stati individuati, attraverso tavoli di lavoro, «sette grandi temi di interesse: cultura,  formazione, sport, sociale e politiche giovanili, attività produttive e turismo, ambiente e patrimonio comunale». «A breve convocheremo un’assemblea pubblica nel corso della quale presenteremo i punti salienti del programma e la squadra che proponiamo per Grottammare. Tantissimi saranno i volti nuovi e ci sarà anche qualche conferma tra gli attuali amministratori. Un giusto mix di conoscenza e nuove energie, con la serietà e la competenza che pensiamo siano necessarie per mettersi al servizio di una comunità» afferma il candidato Alessandro Rocchi.

La candidatura di Rocchi va ad aggiungersi a quella di Marco Sprecacè, che nei giorni scorsi ha già ufficializzato la propria. Sprecacè correrà per il centrodestra con la lista “Grottammare c’è”. Il giovane candidato di soli 32 anni e di estradizione cattolica, sarò supportato da Fratelli d’Italia, Lega e Forza Italia. Per preparare il terreno alla sua discesa in campo, sono stati organizzati gruppi di lavoro per approfondire aree tematiche sulle quali la coalizione vuole intervenire: inclusione sociale, opere pubbliche, sport ed attività sportive.

Al momento sono queste le due candidature ufficialmente in corsa, ma tutto lascia presupporre che non sarà una corsa a due. Il Movimento 5 Stelle dovrebbe far parte della partita, ma non è ancora stato sciolto il nodo candidato. I nomi in lista sono quelli di Alessandra Manigrasso, attuale consigliera comunale, e di Gianfilippo Straccia.

Anche la lista civica “Grottammare Futura”, che si è presentata per la prima volta nel 2008, dovrebbe prendere parte alla corsa alle urne grottammaresi. In base a voci di corrdoio, Lorenzo Vesperini dovrebbe convergere all’interno del contenitore disegnato dall’architetto Sandro Mariani.

In attesa che vengano formalmente completate le liste per Elezioni Amministrative 2023, ricordiamo che a Grottammare le elezioni si svolgono a doppio turno, essendo il Comune superiore ai 15 mila abitanti. Pertanto qualora nessuno dei candidati riuscisse ad ottenere la maggioranza assoluta dei voti al primo turno, si andrà al ballottaggio.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore: Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Martinsicuro, Via Gabriele D'annunzio 37, Cap 64014 - Sede Operativa: Alba Adriatica (TE) via Vibrata snc, 64011 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.