Verso Pescara-Perugia, il Delfino deve ritrovare la serenità giusta

PESCARA – Il Pescara vive un periodo di certo non positivo, il resoconto delle ultime 7 partite parlano di sole 2 vittorie, con 4 sconfitte ed una sconfitta. La classifica si accorcia sempre più verso il basso, il quartetto composto da Brescia, Palermo, Lecce e Benevento è sempre più lontano anche se sono solo 2 punti di distacco dalle Streghe. Si ha la sensazione però che il Delfino non riesca più a stare al passo delle prime, anzi le squadre alle spalle spingono sempre più per scalare posizioni a discapito degli abruzzesi.

Domani sera, nell’anticipo della 33° giornata di Serie B, allo stadio Adriatico “Cornacchia” arriva il Perugia di Alessandro Nesta. Gli umbri sono una di quelle squadre che stanno risalendo la classifica, hanno 4 punti di distacco dal Pescara anche se le ultime 2 partite le hanno perse contro Crotone e Benevento. Bepi Pillon si gioca la gran parte del suo destino in Abruzzo, se dovesse perdere anche domani sera probabilmente verrebbe esonerato.

L’allenatore del Pescara ha caricato l’ambiente nel modo giusto stuzzicando le personalità dei suoi giocatori: “Sappiamo che il momento non è positivo. Se siamo uomini dobbiamo saper reagire”. Gravillon è in dubbio per una distorsione alla caviglia, anche Brugman rischia di non giocare.