Gli Scout ‘Grottammare 3’ ridipingono le panchine pubbliche del lungomare

L'iniziaiva dei lupetti fa parte dei percorsi di educazione civica e tutela del bene comune

Grottammare, Scout Grottammare 3. Monica Pomili, Bruno Talamonti e Davide Maccario: volontariato (Il Martino - ilmartino.it -)

GROTTAMMARE – Lo scorso sabato, 18 maggio 2019, i ‘Lupetti’ del gruppo Scout Grottammare 3 hanno ridipinto le sedute del prato a nord della foce del torrente Tesino, in vista dell’avvio della stagione turistica.

L’attività di manutenzione straordinaria – dichiara il comunicato del Comune – è stata subito accolta dall’amministrazione comunale, che ha fornito il materiale occorrente. Da parte loro, i ragazzi hanno messo l’impegno, la passione e il senso civico: qualità maturate nei mesi scorsi, nell’ambito di percorsi di educazione civica attraverso i quali i giovanissimi scout hanno cominciato a prendere coscienza e consapevolezza dell’importanza di essere cittadini attivi, di collaborare a contribuire al rispetto del bene comune, alla tutela del paesaggio e dell’ambiente, alla cura del territorio in cui vivono.

Monica Pomili e Bruno Talamonti (Il Martino - ilmartino.it -)
Monica Pomili e Bruno Talamonti

Un progetto avallato fin da subito dall’ amministrazione comunale: ‘I ragazzi sono il nostro futuro – sottolineano l’assessore all’inclusione sociale Monica Pomili e il consigliere delegato alle manutenzioni Bruno Talamontidobbiamo ripartire da loro e fargli capire che ognuno nel suo piccolo può contribuire al rispetto del bene comune, noi adulti dobbiamo far crescere nei ragazzi la voglia di essere buoni cittadini attivi che operano per il bene della città in cui vivono. Questo è il primo passo per una futura e più proficua collaborazione’.

Questo impegno è un valore aggiunto per i nostri ragazzi, poiché in linea con i principi dello scoutismo – aggiunge il capo scout Davide Maccario, di servizio al prossimo, come dice il fondatore del movimento scout, Baden Powell, ‘cercate di lasciare questo mondo un po’ migliore di quanto non l’ avete trovato”.