Grottammare, Erosione del Tesino: il CIIP interviene sugli impianti

Il CIIP realizzerà a proprie spese lo spostamento di un sistema di sollevamento acque nere. Il costo dell'opera sarà di 185 mila euro.

Immagine: Fiume Tesino (Il Martino - ilmartino.it -) Grottammare

GROTTAMMARE – L’azienda di gestione delle acque prende provvedimenti a salvaguardia degli impianti di smaltimento adiacenti al letto del torrente.

L’intervento sarà sostenuto economicamente dal CIIP spa, si tratterà di un spostamento dell’impianto di sollevamento delle acque nere (denominato IS1) ubicato vicino al casello autostradale, in prossimità del torrente Tesino.

Lo comunica l’Ufficio tecnico comunale, specificando che l’impianto raccoglie le acque delle fognature di scarico provenienti dalle zone Monti, Cimitero, Piane di Tesino e Valtesino e nell’attuale posizione è minacciato dall’erosione della sponda nord del torrente Tesino.

L’impianto verrà trasferito in una zona più sicura, a nord, nei pressi della bretella autostradale su un’area di proprietà privata da espropriare.

I lavori permetteranno inoltre – dichiara il Comune – di rivedere tutta la struttura idraulica e ammodernarla. Il costo totale dell’opera, a totale carico del CIIP spa, è quantificato in circa 185.000 euro.

La struttura fu realizzata dalla Snam Progetti con finanziamento a fondo (c.d. fondi FIO) perduto alla fine degli anni Ottanta.