Tortoreto, assalto al portavalori, criminali armati in fuga

Due banditi, armati, hanno aggredito le guardie giurate che consegnavano il denaro contante alle poste. Da quantificare il bottino. Ricerche ancora in corso. Imponente spiegamento di uomini e mezzi.

licottero polizia assalto al portavalori

TORTORETO – Scene da “Bronx” questa mattina all’ufficio postale di Tortoreto Lido. Due banditi armati di kalashnikov e pistola, hanno teso un assalto al portavalori. Si sono introdotti nell’ufficio al momento della consegna dei contanti per gli sportelli automatici ed hanno aggredito le guardie giurate di scorta. Una donna però è riuscita a dare l’allarme e i ladri si sono dati alla fuga. Ricerche ancora in corso.

L’assalto al portavalori è cominciato questa mattina, intorno alle 8:30. Il furgone blindato ha raggiunto l’ufficio postale per il consueto giro di consegne del denaro contante. Probabilmente i rapinatori erano appostati in attesa. Mentre una guardia giurata è rimasta al volante, due colleghi si occupavano della consegna di un plico contenente circa 100 mila euro.

In quel momento i due banditi si sono introdotti nei locali delle poste e li hanno aggrediti. Uno di essi ha colpito una guardia col calcio della pistola. Per non lasciare dubbi circa la concretezza delle sue azioni, ha “scarrelato” l’arma e l’ha puntata contro la guardia. Così facendo, un proiettile è caduto a terra, segno che l’arma era carica e pronta a sparare.

Nel trambusto però, una donna è riuscita ad uscire dall’ufficio postale e ad attirare l’attenzione dell’autista del portavalori, che ha dato l’allarme. I due banditi hanno allora lasciato l’edificio, utilizzando un’uscita posteriore. Probabilmente grazie all’aiuto di qualche complice, si sono dileguati a bordo di un furgoncino. Non è ancora stato quantificato il bottino sottratto.

Immediatamente sono scattate le ricerche delle forze dell’ordine. Imponente lo spiegamento di mezzi e uomini. Anche un elicottero della polizia ha spiccato il volo per individuare i due rapinatori.