fbpx
Connect with us

Abruzzo

Il Sindaco di Alba Adriatica sul ripascimento

Marco Capriotti

Published

il

Comunicato stampa del Comune di Alba Adriatica e del Sindaco della cittadina abruzzese Antonietta Casciotti.

Critiche ingiustificate e strumentali all’ordinanza sindacale n. 26 del 17 giugno 2019.
Un’ordinanza adottata con senso di responsabilità per tutelare la sicurezza di tutti i bagnanti e per sostenere la prevalente economia turistica della città, garantendo la continuità dell’offerta turistica agli ospiti presenti nel territorio, nonché la libera e gratuita fruizione del tratto di spiaggia libera adiacente la zona di litorale interessata dagli interventi di rispristino/ripascimento.
Inopportuna anche la critica di intempestività del provvedimento che è stato adottato solo a seguito della necessaria documentazione (ricevuta su nostra richiesta, per le vie brevi, alle ore 17,52 di venerdì 14 giugno, ad uffici oramai chiusi), solo in quella data vi è stata l’ufficialità della proroga dell’esecuzione dei lavori con indicazione del termine del 23 giugno per la conclusione degli stessi e, sempre in pari data, la società esecutrice comunicava che dopo l’allestimento del cantiere ed il posizionamento delle pompe avvenuto in data 14 giugno, condizioni metereologiche favorevoli – elemento da non sottovalutare – i lavori sarebbero ripresi in data lunedì 17 giugno.
In data 17 giugno, prima data utile – sulla base di documentazione ufficiale – in via d’urgenza e provvisoria sino alla data del 23 giugno o nel minor tempo necessario per l’ultimazione dei lavori con rimozione del cantiere, il Sindaco emetteva apposita ordinanza che autorizzava la posa in opera di attrezzature per la balneazione in una porzione della spiaggia libera adiacente il tratto interessato dalle opere di ripristino/ripascimento, anche a seguito del confronto avuto con gli operatori coinvolti e presenti all’incontro dell’8 giugno 2019.
Chiunque ravvisi dilettantismo o inadeguatezza lo fa solo strumentalmente per attaccare un’amministrazione operativa e non certo per sostenere degli operatori turistici informati costantemente dei percorsi opportuni e condivisi affinché tutto si svolga in tempi rapidi e con modalità concertate, cosa che è avvenuta.
Teniamo a ribadire che a differenza della stagione estiva 2018, durante tutto l’iter, compreso quello di svolgimento dei lavori, mai gli operatori sono stati lasciati soli e il consigliere delegato ha seguito con presenza costante h24, supportato dalla direzione dei lavori e dal competente ufficio comunale lavori pubblici, tutti gli interventi, recependo e dando soluzioni adeguate alle varie, legittime preoccupazioni e sollecitazioni degli operatori del tratto interessato.
Cosa che interessa più gli albensi è che ad oggi i lavori stanno proseguendo regolarmente, che il ritardo legato alle avverse condizioni del mare non ha arrecato pregiudizio agli stessi e che anzi, per come si prospettano gli esiti, si presume che l’intervento possa avere efficacia superiore a quanto accaduto in passato.
Dalla lettura dell’ordinanza, emerge inequivocabilmente la natura erga omnes del provvedimento che si ritiene di allegare per opportuna conoscenza.
Il Sindaco e l’Assessore al demanio

Pescara

Spoltore: tenta il suicidio dopo un litigio in famiglia, salvato dai carabinieri

Maria Giulia Mecozzi

Published

il

carabinieri arresto tentato omicidio femminicidio arresti domiciliari

SPOLTORE – Tragedia evitata grazie al tempestivo intervento dei Carabinieri, per un’ennesima lite in famiglia. Un uomo, dopo aver avuto un acceso diverbio con la moglie, avrebbe tentato il suicidio mettendosi un cavo elettrico intorno al collo legato, a sua volta, ad una culla della camera da letto nella quale si era chiuso. All’arrivo dei militari, l’uomo era privo di sensi e stava per morire di soffocamento e dopo aver sfondato la porta sono riusciti fortunatamente a farlo rinvenire. Sul posto anche i sanitari del 118 che hanno provveduto al trasferimento presso il nosocomio di Pescara, nel quale si trova attualmente ricoverato.

Continua a leggere

Teramo

Teramo: GdF sequestrano 1.267.000 mascherine chirurgiche, denunciati titolari di due aziende

Maria Giulia Mecozzi

Published

il

TERAMO – A fronte di una serie di controlli effettuati dalla Guardia di Finanza di Roseto degli Abruzzi, per il contenimento del rischio epidemiologico, due aziende della provincia una con sede rispettivamente, a Sant’ Egidio della Vibrata e Civitella del Tronto, sono finite nei guai. I finanzieri avrebbero posto sotto sequestro 1.267.000 mascherine chirurgiche e 20 mila tute monouso di III categoria priva delle idonee certificazioni attestanti la sicurezza e affidabilità del prodotto e riportante anche il marchio Ce contraffatto. Il materiale risultava essere stato importato dalla Cina. I titolari delle aziende, a fronte della violazione dell’articolo 474 cp (Introduzione nello Stato e commercio di prodotti con segni falsi) sono stati denunciati all’autorità giudiziaria locale.

Continua a leggere

Teramo

Teramo: focolaio Covid in Rsa abusiva, gli operatori figuravano come “braccianti agricoli”

Maria Giulia Mecozzi

Published

il

TERAMO – Un focolaio Covid-19 è esploso, nelle scorse settimane, all’interno di una Rsa risultata totalmente abusiva. Una ventina di persone, tra ospiti e personale, sarebbero risultate positive al Coronavirus. I decessi totali sarebbero quattro, due donne e due uomini, avvenuti presso gli ospedali di Giulianova e Teramo. Gli operatori sanitari della struttura abusiva, erano privi di qualifica, tanto che venivano fatti risultare come “braccianti agricoli”. La struttura è stata posta sotto sequestro, così come i farmaci e la documentazione sanitaria. Gli ospiti, invece, trasferiti in strutture sanitarie idonee. 

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Responsabile: Luigi Tommolini

Privacy Policy