fbpx
Connect with us

Ascoli Piceno

Samb: la cordata fa chiarezza

Published

on

Di seguito il preciso comunicato a firma della cordata di imprenditori sambenedettesi che era interessata a rilevare il settore giovanile della Sambenedettese e che spezza le trattative con il presidente rossoblu Franco Fedeli:

“Al fine di evitare inutili polemiche si intende fare chiarezza sul contenuto della nostra proposta e sull’incontro del 19 c.m. Il Presidente Fedeli più volte ha richiesto la collaborazione della città per un sostegno economico alla Sambenedettese Calcio e negli ultimi tempi si è lamentato del costo del Settore Giovanile ipotizzando il suo abbandono. In seguito a una serie di riunioni si è costituito un gruppo di imprenditori e professionisti che condividono la passione per la Sambenedettese Calcio, pronti a costituirsi in società con quote di € 5.000,00 ciascuna. Si è deciso di formulare una proposta al fine di evitare al Presidente ogni tipo di spesa relativa al Settore Giovanile. Tale proposta prevedeva: -un contributo annuo di € 150.000,00 per almeno tre anni; tali somme, unitamente ad eventuali sponsorizzazioni ed ai proventi della scuola calcio (che sarebbe rimasta aperta a tutti e senza selezioni, al contrario di quello che qualcuno ha strumentalmente dichiarato) sarebbero state versate su di un conto corrente dedicato intestato alla Sambenedettese Calcio, al fine di sostenere tutti i costi, nessuno escluso, del Settore Giovanile e soprattutto quelli per gli impianti sportivi. L’obiettivo era quello di realizzare e far utilizzare alla Sambenedettese Calcio un centro dove svolgere finalmente tutte le proprie attività (oltre al Campo Merlini, che sarebbe stato messo a disposizione da uno dei partecipanti l’iniziativa, si intendeva riqualificare, preferibilmente, il campo Rodi in quanto contiguo o altra struttura); tutti i calciatori del Settore Giovanile sarebbero stati di proprietà esclusiva della Sambenedettese Calcio; a capo degli istruttori vi sarebbe stato Ottavio Palladini; sarebbe stato nominato un unico incaricato che avrebbe fatto parte del Consiglio di Amministrazione della Samb al solo ed esclusivo fine della gestione del Settore Giovanile. A fronte di tali investimenti e dell’impegno e della garanzia della gestione tecnica, organizzativa ed economica del settore giovanile e della scuola calcio si chiedeva una piccola quota di minoranza (dal 5 al 9%) della Sambenedettese Calcio. Tale proposta veniva riferita al Presidente Fedeli nel corso dell’incontro tenutosi presso i suoi uffici nel pomeriggio del 19 giugno. Il Presidente Fedeli ha rifiutato l’offerta, facendo presente che non intende cedere alcuna quota della Sambenedettese Calcio e che continuerà a gestire il Settore Giovanile. Pur dispiaciuti per tale risposta abbiamo continuato, in maniera cordiale e costruttiva, il colloquio con il Presidente Fedeli ripromettendo un futuro incontro per valutare altre forme di collaborazione. Per quanto riguarda il Settore Giovanile il discorso finisce qui. Auguriamo al Presidente un grande “in bocca al lupo” per la stagione. Forza Samb”

Ascoli Piceno

Malore in mare al largo di San Benedetto, 17enne portato in salvo dalla Guardia Costiera

Published

on

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Operazione di soccorso della Guardia Costiera sambenedettese, ieri pomeriggio intorno alle 18. Durante la traversata da Ancona a Corfù su un traghetto battente bandiera greca, un ragazzo di 17 anni ha accusato un malore, che richiedeva un intervento di tipo sanitario, al largo di San Benedetto.

Immediatamente, la segnalazione è arrivata alla Capitaneria di Porto, che ha messo in mare una motovedetta, subito dopo aver ricevuto l’autorizzazione al trasporto senza la necessità di personale sanitario a bordo dal Centro Internazionale Radio Medico, preposto all’assistenza sanitaria in mare da remoto.

Nel frattempo l’imbarcazione su cui si trovava il ragazzo, ha compiuto una manovra di avvicinamento alla costa, per facilitare i soccorsi. Il trasbordo è avvenuto a circa venti chilometri al largo.

Anche se le operazioni di recupero sono state leggermente complicate dall’imbrunire, nel giro di mezz’ora i militi della Guardia Costiera hanno riportato a San Benedetto il ragazzo colpito da un malore su un traghetto diretto a Corfù. A terra, ad attendere la motovedetta sulla banchina, un’ambulanza del 118 che ha immediatamente trasportato il diciasettenne in ospedale, per gli accertamenti.

Continue Reading

Ascoli Piceno

Acquasanta, si perde durante escursione: 42enne salvata dopo ore di ricerche

Published

on

ACQUASANTA TERME – Sono state ore di grande preoccupazione ieri pomeriggio ad Acquasanta Terme (Ascoli Piceno) per una 42enne di Roma, in vacanza con la famiglia, ‘scomparsa’ durante un’escursione sui Monti Sibillini mentre era con il marito e i due figlioletti di 3 e 4 anni: nella tarda serata di ieri la donna, per la quale erano in corso ricerche da circa sei ore, da parte di Carabinieri di Acquasanta, Forestali, vigili del fuoco con un elicottero, e Soccorso alpino, è stata ritrovata viva, sostanzialmente in buone condizioni e affidata alle cure del 118 presente in zona per ogni evenienza dall’inizio delle operazioni.

Il salvataggio è stato completato con il trasferimento su un elicottero dell’Aeronautica militare della 42enne tramite verricello. Come riporta l’Ansa, ai soccorritori che la cercavano da ore ha riferito di essersi persa e di non essere riuscita a trovare il modo di rientrare in frazione Quintodecimo da cui, dalla mattinata, era partita per l’escursione insieme ai famigliare. La scomparsa della donna era stata denunciata dal marito, anche lui 42enne, verso le 17, dopo il rientro con i figli a Quintodecimo, punto di partenza dell’escursione in un percorso adatto alla giovanissima età dei bimbi: l’uomo era stato costretto a rientrare perché dal luogo dove si trovavano non riusciva a comunicare telefonicamente. Aveva raccontato che, durante una pausa della gita, la moglie aveva imboccato un sentiero in direzione della frazione Materia senza fare più ritorno. Così erano scattate le ricerche concluse, quasi sei ore dopo, con l’individuazione e il salvataggio della donna.

Continue Reading

Ascoli Piceno

8 chilometri di coda tra Grottammare e la Val Vibrata, per l’incidente di un mezzo pesante

Published

on

GROTTAMMARE – 8 chilometri di coda sull’autostrada A14 tra l’uscita di Grottammare e quella della Val Vibrata, in direzione Pescara, a causa dell’incidente capitato ad un mezzo pesante. Nel tratto che congiunge Marche e Abruzzo il traffico verso sud procede a rilento e su due corsie.

Sul posto sono immediatamente giunti i soccorsi meccanici, le pattuglie della Polizia Stradale e il personale della Direzione del settimo tronco di Pescara di Autostrada per L’Italia. Procedono le operazioni per liberare il luogo in cui è capitato l’incidente ad un mezzo pesante e permettere la ripresa della regolare circolazione tra Grottammare e Val Vibrata.

Per chi è diretto verso Pescara, Autostrade per l’Italia consiglia di uscire a Grottammare e rientrare in autostrada a Val Vibrata dopo aver percorso la S.S.16 Adriatica.

Continue Reading

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore vicario: Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Alba Adriatica (TE) via Vibrata snc, 64011 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.