fbpx
Connect with us

Abruzzo

Domani riapre il ponte di Aprati danneggiato dai terremoti. ”Bel lavoro di squadra”

Valentina Fagnani

Published

il

CROGNALETO – Riapre domani mattina il Ponte di Aprati, una struttura particolarmente importante in un comprensorio di alta montagna perché collega sette frazioni al capoluogo di Crognaleto. Nell’ottobre del 2016 il ponte, sul quale era già in corso un intervento di miglioramento sismico, fu danneggiato in maniera importante da una ulteriore scossa di terremoto dopo quella del 24 agosto. Con un primo lavoro in somma urgenza il ponte tornò transitabile con limitazioni per il traffico pesante. Il 14 dicembre del 2017, con i fondi sisma dell’Anas, venne aperto il cantiere che ha consentito un significativo intervento di consolidamento dell’intera struttura. I lavori sono stati eseguiti dalla Di Sabatino Giuseppe srl.

A seguito del  sisma che ha colpito il Centro Italia tra agosto 2016 e gennaio 2017, l’Anas è stata incaricata dal Governo  di provvedere al ripristino delle infrastrutture stradali di propria competenza nonché di coordinare e supportare gli interventi su quelle di competenza degli enti territoriali e locali : i lavori di consolidamento del ponte sono stati finanziati con il primo stralcio Anas per circa un milione e seicentomila euro – spiega Gennarino Di Lorenzo consigliere delegato alla viabilità e alle zone montane – la Provincia di Teramo, insieme alla Protezione Civile Regionale,  ha avuto un ruolo fondamentale nella realizzazione dell’opera accreditandosi come ente attuatore e a distanza di circa un anno e mezzo ha restituito alla collettività un’infrastruttura di molto migliorata dal punto di vista sismico. Siamo in un contesto messo a dura prova da fenomeni di spopolamento e impoverimento  e i servizi pubblici possono fare la differenza. Strade e buoni collegamenti  sono indispensabili  per valorizzare il patrimonio naturale e culturale e salvaguardare un’economia che non può che guardare al turismo naturalistico e alla sostenibilità ambientale  per garantirsi un futuro diverso. Voglio ringraziare tutti i tecnici e la ditta esecutrice per l’eccellente lavoro svolto con un bel lavoro di squadra”.

Valuta la qualità complessiva

Pescara

Pescara: chiusi due locali per assembramenti, uno sanzionato

Maria Giulia Mecozzi

Published

il

carabinieri arresto

PESCARA – A seguito dei controlli anti Covid, eseguiti negli stabilimenti balneari del litorale pescarese, due locali sono stati chiusi e uno sanzionato. Nella notte tra sabato e domenica, sono entrati in azione più di quaranta uomini tra poliziotti e vigili urbani di Pescara e Montesilvano.

Due locali sono stati chiusi proprio per non aver rispettato la normativa vigente nel protocollo anti-Covid. Ad uno è stata completamente sospesa l’attività, l’altro, che rimarrà chiuso per cinque giorni, potrà comunque garantire il servizio di ristorazione, bar e spiaggia.

Il titolare del terzo invece ed ultimo locale invece, è stato sanzionato perché non avrebbe rispettato le norme sulla somministrazione delle bevande alcoliche ai minorenni, sopra ai 16 anni.

Continua a leggere

Abruzzo

Operazione “anticamorra” in Italia e in Abruzzo

Perquisizioni nell’aquilano

Published

il

guardia di finanza

Un’operazione anticamorra a Roma e del nord Italia della Guardia di Finanza e della Squadra Mobile di Roma che stanno eseguendo un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di 28 persone, ritenuti responsabili dagli inquirenti di estorsione, usura, trasferimento fraudolento di valori, riciclaggio, autoriciclaggio e reimpiego di proventi illeciti.
    Le indagini sono state coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia. Impegnati circa 200 tra finanzieri e poliziotti, con l’esecuzione anche di perquisizioni, nelle province di Roma, Napoli, Verona, Frosinone e in Abruzzo L’Aquila.
    Viene contestata anche l’aggravante di aver agito con metodo mafioso agevolando la galassia criminale della camorra campana. Lo si apprende dal sito dell’ANSA.

Continua a leggere

Abruzzo

Coronavirus: ingressi in Abruzzo

Lo comunica la Regione Abruzzo

Published

il

Coronavirus: ingressi in Abruzzo per chi viene da fuori Italia. Segnaliamo un importante passaggio per chi ritorna dall’estero e arriva in Abruzzo.

Dal 1 luglio, è consentito l’ingresso nel territorio nazionale di cittadini di stati terzi residenti nei seguenti stati e territori: Algeria, Australia, Canada, Georgia, Giappone, Montenegro, Marocco, Nuova Zelanda, Ruanda, Serbia, Repubblica di Corea, Thailandia, Tunisia Uruguay.

Il rientro da Stati e territori diversi da quelli sopra elencati è consentito solo per comprovate esigenze lavorative, di assoluta urgenza, per motivi di salute, per comprovate ragioni di studio o in caso di rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza.

Tutte le persone che tornano in Italia da tali Stati e territori, compresi, dal 1 luglio, i cittadini di stati terzi residenti negli stati e territori elencati, anche se asintomatiche, sono obbligate a sottoporsi a sorveglianza sanitaria e all’isolamento fiduciario per un periodo di 14 giorni.

Chi entra in Abruzzo dall’estero deve comunicare il proprio ingresso compilando il modulo online e/o utilizzando il numero verde regionale 800 595 459. Coronavirus: ingressi in Abruzzo.

Il link è il seguente: http://www.regione.abruzzo.it/content/come-segnalare-il-proprio-ingresso-abruzzo?fbclid=IwAR1T8JvFj_1BjTFbl67SPxHI-2V3r47vfeGXgJLvP4fNQ2hb-PvKt9gb2t8

Per gli ultimi dati: https://www.ilmartino.it/2020/07/coronavirus-in-abruzzo-3309-casi-positivi-in-totale-nessun-nuovo-caso-rispetto-a-ieri/

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Responsabile: Noris Cretone