fbpx
Connect with us

Abruzzo

La Cabinovia di Prati di Tivo diventa un ristorante in notturna. Presentata la “cena sospesa” sul Gran Sasso d’Italia

Pubblicato

il

PRATI DI TIVO – Grazie alla collaborazione fra la Gran Sasso Teramano, il gestore degli impianti Marco Finori e gli operatori locali dal 3 agosto sarà possibile vivere un’esperienza fuori dal comune cenando “sospesi” in cabinovia mentre si sale sul Gran Sasso: a corollario un ricco cartellone di eventi (si comincia domani con il Woodrock festival) che animerà la stazione turistica sulla vetta più alta dell’Appennino, a Prati di Tivo.

L’iniziativa è stata presentata questa mattina in conferenza stampa in Provincia mentre già da qualche giorno è partita, ad opera del gestore degli impianti, una campagna di comunicazione in Abruzzo e nelle Marche che, considerate le prenotazioni già arrivate, testimonia il prevedibile interesse per la cena ad alta quota in un’atmosfera suggestiva ed intima: quattro posti a cabina, settanta posti in tutto.

Si comincia il 3 agosto, alle 20.30. Si parte con il primo “giro” ad impianto rallentato mentre e si gusta l’antipasto; al secondo giro arriva il secondo e si risale alla Madonnina dove con il caffè e il dolce è previsto uno spettacolo di “vision art” e musica a cura di Francesco Fioretti, Djset di Mauro Pomponi.  Ristorazione e servizio sono garantiti da ristorante T-Cucino della Siget e dalla Cantina dell’Orso di Valeria Contasti. Costo del ticket tutto compreso è di 50 euro con uno sconto per gli alberghi e i campeggi.

Una cena in movimento con uno scenario irripetibile – ha affermato Antonio Riccioni fra i promotori dell’iniziativa – siamo fra i pochi luoghi dove è possibile fare un’esperienza di questo tipo ed è la dimostrazione che l’aspetto più importante per rivitalizzare la nostra zona montana sono le idee e la collaborazione”.

Su quest’ultimo aspetto hanno insistito tutti gli intervenuti a partire dal presidente della Provincia, Diego Di Bonaventura: “Si respira un clima diverso, noi stiamo facendo la nostra parte – ha sottolineato – e crediamo di aver contribuito a ricostruire un rapporto sereno fra il pubblico e il privato e fra gli operatori locali e il risultato di oggi ne è un’evidenza. Le manutenzioni ordinarie e straordinarie sono in corso, a settembre iniziamo a lavorare anche su Prato Selva”.

Marco Finori: “Ci sono stati momenti di tensione, probabilmente creati ad arte da chi non vuole il bene di questa comunità, ma gli ultimi due mesi sono stati davvero entusiasmanti e ho scoperto persone e imprenditori pronti a lavorare e sperimentare strade nuove”.
Stiamo ricostruendo un prodotto – ha affermato Erminio Di Ludovico, amministratore della Siget – un prodotto che mancava, le risposte ci sono e sono molto positive. Dobbiamo dare a tutti quelli che in questi mesi, da Finori, alla Provincia a Di Natale hanno prestato una nuova attenzione verso questa realtà”.

Soddisfatto anche il liquidatore della Gran Sasso Teramano, Gabriele Di Natale, che ha spiegato che l’Assemblea dei Soci ha approvato il bilancio di liquidazione e che: “per la prima volta dopo anni, grazie anche ai lavori fatti dalla Provincia, abbiamo la certezza già a luglio che gli impianti potranno riaprire l’8 dicembre per la stagione invernale”.  Tanto sono fiduciosi che a metà agosto partirà la campagna acquisti per gli abbonamenti invernali.

La Gran Sasso Teramano farà dono ad ogni partecipante alla cena del documentario “Il Gran Sasso, la montagna che unisce” curato da Stefano Ardito e con la partecipazione di Mario Tozzi. Un lavoro girato prima del sisma del 2009, una testimonanzia dell’Abruzzo prima delle ferite del sisma.


L’Assemblea dei Soci – tornata a riunirsi questa mattina subito dopo la conferenza stampa –  proprio per garantire la continuità del servizio ha approvato una proroga di 8 mesi del contratto di affitto al gestore Marco Finori mentre, ha specificato Di Natale: “una commissione appositamente costituita sta lavorando alla redazione di un bando pluriennale; un bando che potrà essere pubblicato se riusciamo a raggiungere il nostro principale obiettivo che è quello di riportare in bonis la società pagando i debiti tributari”. 

Un obiettivo, questo, al quale stanno lavorando tutti i soci, Regione compresa, questa mattina rappresentata da Pietro Quaresimale, capogruppo della Lega. “Abbiamo scongiurato quanto accadeva da anni con l’incertezza della riapertura in assetto invernale, adesso il nostro impegno mira a dare garanzia di continuità all’attività degli impianti con serio e deciso rilancio dell’attività turistica in montagna”. Fra le possibilità, Quaresimale ha annunciato un disegno di legge pensato per “creare un circuito virtuoso fra mare e montagna”.

Pescara

Montesilvano: sgominata banda che organizzava attentati con esplosivi

Pubblicato

il

carabinieri arresto tentato omicidio femminicidio arresti domiciliari

MONTESILVANO – Cinque arrestati, venti persone denunciate in stato di libertà e sequestro di beni del valore di centinaia di migliaia di euro. E’ questo il bilancio di un’operazione compiuta dai carabinieri della compagnia di Montesilvano che ha permesso di sgominare una banda (mandanti ed esecutori) che organizzava attentati con esplosivi e armi a Città Sant’Angelo.

Il capo dell’organizzazione, un pregiudicato di origine pugliese, puntava all’acquisto di attività commerciali tramite estorsione per poi darle in gestione come prestanome ad altre per attività di riciclaggio. Da quanto appreso pare che le truffe accertate siano circa 70 e che queste siano state messe in atto, non solo nei confronti di imprenditori pescaresi e teramani ma anche ma anche di altre regioni italiane come: Emilia Romagna, Marche, Umbria, Lombardia.

Continua a leggere

Abruzzo

Abruzzo: “Daspo Willy” per un 37enne primo caso nella provincia

Pubblicato

il

CHIETI: E’ il primo caso in tutta la provincia di Chieti, dove un 37enne del posto, ritenuto responsabile di aggressione ai danni di alcune persone tra le quali il titolare di un bar del “divieto di accesso negli esercizi pubblici e nei locali di pubblico intrattenimento” per la durata di due anni: si tratta del cosiddetto “Daspo Urbano” noto anche come “Daspo Willy”.Una misura di prevenzione introdotta in seguito al tragico episodio di Colleferro dove il 6 settembre 2020 fu ucciso il giovane Willy Monteiro Duarte. La misura di prevenzione sull’intero territorio provinciale, è stata adottata dal Questore di Chieti Annino Gargano al termine di un’accurata istruttoria svolta dalla Polizia Anticrimine, su proposta dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico della Questura che è intervenuto in seguito alle varie aggressioni delle quali il 37enne chietino ne era responsabile. La violazione del divieto è punita con la reclusione da sei mesi a due anni con la multa che parte dagli 8.000 a 20.000 euro.

Continua a leggere

Abruzzo

Pescara: due ragazze sorprese ad aprire le porte degli appartamenti

Pubblicato

il

PESCARA: Nel pomeriggio di ieri,in un condominio di via Muzii a Pescara,una segnalazione da parte di un cittadino comunicava la presenza di due giovani donne sospette. Gli agenti giunti sul posto in pochi istanti, hanno identificato due giovani di origini croate, di cui una minorenne che a seguito di una perquisizione hanno trovato addosso ad una di loro una “lastra” in plastica,di solito utilizzata per aprire le serrature delle porte,ed un piccolo grimaldello in metallo. M.P. di 25 anni, con diversi precedenti per reati contro il patrimonio è stata indagata in stato di libertà ai sensi dell’art. 707 del codice penale per possesso ingiustificato di chiavi alterate o di grimaldelli, mentre la ragazza minorenne è stata affidata ad una casa famiglia. 

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Responsabile: Luigi Tommolini | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Martinsicuro (TE) via metauro 10/A, 64014 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€

Privacy Policy